Solo l’amore vince

L’invidia si insinua come gramigna
che il sole non riesce a seccare
né il gelo né il vento
La lotta col mondo non ti permette
d’emergere dalla nebbia dei dubbi
La lotta è impari col mondo duro
di pietre impastate
da rocce crepate
dagli scrosci improvvisi della violenza
La debolezza dei timori
la paura della sconfitta
intralciano
il programma che hai tracciato
nel tuo pensiero
Ti aggrappi ti insinui strisci
pur di risalire e cerchi
finché credi nella tua verità
Rubi il dentro del tuo sentire
tenti di allontanarlo
perché odora d’amore
per non essere travolto da qualcosa
che vale di più…di più…
Ma l’umanità di cui sei fatto prevale
e le miserie dell’uomo
si distruggono
perché solo l’amore vince
solo l’amore è verità

Giuliana Angeli

Published in: on aprile 3, 2020 at 07:18  Comments (4)  

Dolcezza

Gonfia il vento con tepore di polline
le foglie
che ricamano un azzurro di cielo.
Sembrano verdi sbuffi d’amore
creati nel vento senza confine.
Tutto accarezza l’alito sommesso
che sprigiona
dal mio cuore piccole scintille.
Lui s’incanta e si culla
dimentico del freddo inverno
e del nulla.
La speranza m’avvolge
e mi trascina lontano col vento;
scrolla i petali appassiti
ed i rimpianti.
Mi sento leggera come d’estate
vestita d’amore,
vestita di sole,
e svanisce ogni pena.
Vorrei tutti accarezzare
e sorridere e correre per il cielo
dietro al vento
con dolcezza tra le mani, chiuse
sopra il cuore.

Giuliana Angeli

Published in: on marzo 11, 2020 at 07:43  Comments (3)  

Uno strano gioco

Scarabei smaltati di sole e d’azzurro…
Come ronzano nel gioco strano
d’una vita!
Un’isola fresca sulla fronte
che arde di febbre viva;
è la tua dolce mano quasi diafana
che allontana da me ogni male.
Stelle arrugginite che non fanno sognare più
tornano lucide e vive
se tu mi sei accanto
e scosti la notte che copre la mia luce.
È come un delirio
e sogno mille animali d’oro e di fuoco.
È il gioco strano della vita
dove ronzano per i miei sogni
scarabei smaltati di sole e d’amore.

Giuliana Angeli

Published in: on marzo 5, 2020 at 07:38  Comments (3)  

16 luglio

E fuggendo la notte sì amara
sperai che il dolore
non trovasse la via del ritorno
Ma vana la sola speranza che chiudendo gli occhi
miei stanchi non vedessi quel volto sciupato
non sentissi qui dentro
il suo ultimo fiato
Volevo soltanto per poco vederlo
sorridere ancora
fermare quel tempo crudele
per ripetere ancora una volta
il mio amore per lui
Soltanto un odore di morte
tra le mani congiunte
a pregare e nel cuore un dolore d’infinito
di sogni distrutti di vita sfuggita

Giuliana Angeli

Published in: on febbraio 24, 2020 at 07:08  Comments (2)  

Nel ghetto di Terezin

Voleva correre tra l’erba
profumata;
non riusciva a toccarla
né a vederla:
era un piccolo ebreo
senza calore,
con lo sguardo già greve
di pena,
chiuso nel ghetto.
Un recinto limitato
e fango consumato,
filo spinato a puntellare
il dolore
d’una gente senza patria.
-Se volerò – sognava il fanciullo
che mostrava al vento
tutte le sue tenere ossa,
-se volerò – sognava –
toccherò l’azzurro cielo,
vedrò un verde prato.
E il sorriso
gl’illuminava il viso
come fiore
che s’apriva al sole
e lo faceva bello.
Nel ghetto di Terezin
non c’era luce
per vivere,
né speranza per resistere.
C’era solo un sogno di bimbo
che voleva volare
nel cielo azzurro.

Giuliana Angeli

Published in: on febbraio 17, 2020 at 07:05  Comments (2)  

Lui nel silenzio

Sembro sola

ma quante parole diluite

nel silenzio della sera

Accanto a me lui oltre la vita

nel dilatarsi religioso

dell’assenza

Mi prende per mano e racconta

parole senza forma senza suono

Solo io capisco

Racconta un amore

diverso divino

Questo silenzio profumato

lo riporta a me

voce appena sussurrata

Amo di lui questo insolito

ritorno

chiudo gli occhi grevi di pianto

camminiamo abbracciati

lungo il viale assolato

senza fine

Nella luce riflessa ritrovo

pensieri fuggiti da quel mio

essere che non è più mio

soltanto cambiato

rinnovato come il suo

Sogni sparsi e ricordi

che chiudo gelosa nel cuore

trasformato dall’eternità

 

Giuliana Angeli

Published in: on gennaio 28, 2020 at 07:41  Comments (4)  

Libera

Costruire un arcobaleno
è portare il sole dentro di te
cancellare dubbi e paure
prendere colori evanescenti
modellarli con le mani
per scaldare i tuoi pensieri
stemperano sospiri repressi
dispongono sorrisi di luce
Quel cuore continua a batter ansioso
il cielo immenso ti guarda incantato
Senti un gorgoglio
è ruscello che ride con te
Allunghi una mano
una farfalla si posa sul tuo palmo
ma non l’afferri
libera come l’aria
come vorresti esser tu
con lei volare sull’arcobaleno
fatto con le tue mani
per il tuo cuore che ha sete di pace

Giuliana Angeli

Published in: on gennaio 19, 2020 at 07:19  Comments (3)  

Poi verrà la notte

Scendono e danzano

ombre diverse sfumate

intrecciando le mani

mettono il velo abbrunito

come magia sul bianco paese

che tacito attende il riposo

Il giorno svanisce

il cielo scolora e incupisce

io guardo in silenzio

stupita

Adagio si scopre la sera

lascia cadere la veste di seta

teatro nel cielo di stelle

che applaude

fili di canti sottili

d’uccelli notturni curiosi

nascosti tremanti

Ed ecco il chiarore lontano

speranza d’un giorno felice

L’ultimo fiato accorato

accarezza con dita leggere

la notte che avanza sicura

I sogni che corrono in cerchio

li mando lontano a rubare

canzoni e speranze

 

Giuliana Angeli

Published in: on dicembre 19, 2019 at 07:21  Comments (2)  

Volare

Incontro il mio destino ogni giorno

ricreato di nuovo

scrivendo all’orizzonte l’essenza

della smania di vivere

Non posso fermarmi

non voglio ancora

Col cuore aperto al volo

il vento mi trapassa

un fremito di desiderio sboccia

nello spazio sospeso

Ragnatele tra i rami di betulla

reggono lievi

la forza della verità

Le meraviglie più strane

accolgono nell’incavo dei sogni

un nido nascosto

promessa di una realtà desiderata

Voglia di volare di creare

di amare

senza tempo senza età

Assetata di luce di vero

in lotta sempre

perché il destino mi sia amico

 

Giuliana Angeli

Nel 10° anniversario della sua morte

Published in: on dicembre 7, 2019 at 07:36  Comments (7)  

La vita che hai scelto

Se un’intuizione di scelta
ti porta a conoscere forme nascoste
nel dominio
dell’immaginario formarsi
delle sensazioni più profonde,
accetta le sfide che di te fanno essere vivo
la premessa è giusta
il contenuto sofferto
il risultato ricercato
spesso illogico,
avvolto in trame impalpabili
che fanno del tuo essere
fiamma covata
lotta voluta con gioia
perché trionfi la vita che hai scelto

Giuliana Angeli

Published in: on novembre 22, 2019 at 07:06  Comments (3)