Affrescando

foglie-e-frutti

Gettare

stampelle

e in punta di piedi

affrescare

l’Anima

di foglie

e frutti scarlatti

volatili

in respiro d’azzurro.

Nella volta

blu

lascio una fessura

ornata d’oro

per annusare

l’infinito.

Trovai

il vocabolario

dei colori

giù

nell’Inferno …

 

Graziella Cappelli

Published in: on marzo 16, 2017 at 07:14  Comments (15)  

Sono nata d’aprile

Sono nata d’aprile

al cessar

della guerra

in una casa

senza fiamma.

Ma c’era nell’aria

l’odore buono

delle stalle

e sotto la gronda

stupivano le rondini.

 

Infanzia …

Un trenino di latta

ai muri crivellati

un motivo alla radio …

 

“Oh mama, mama, mama

oh mama, mama, mama …”

 

Non sapevo della vita

le amare canzoni

né dei lacci

nascosti

per le vie.

Eppure …

tengo ancora malvarose

fra le mani …

 

Graziella Cappelli

Published in: on marzo 6, 2017 at 07:04  Comments (9)  

Pace

Sogno

ancestrale

in piume

di colomba.

Mai

ti vedemmo

sorvolare

la Terra.

Stai soffocando

sotto

arsenali

d’ignoranza.

 

Graziella Cappelli

Published in: on dicembre 17, 2016 at 07:01  Comments (5)  

Autostima

Linfa carente

nelle stanze

d’infanzia

nel travaglio

di pane

e carezze.

Luce fioca

ai semafori

in cantucci

nei suicidi

del vivere.

Ora

ti mostri

in foggia

di un tempo

consunto.

 

Stupefatta

sorseggio il tuo sole.

 

Graziella Cappelli

Published in: on dicembre 8, 2016 at 06:56  Comments (6)  

Sera di Vinci

 

Sul Montalbano

motivi

di nuvole

violette

a criniera.

Declina

il sole

e Vinci

s’acquieta

in nicchia

d’olivi.

Profumi

fra ombre

di vigne

accucciate.

Nei prati

pascoli

di gioia

con pecore nere.

 

Graziella Cappelli

Published in: on novembre 29, 2016 at 07:46  Comments (6)  

I bambini delle guerre

I bambini delle guerre

non hanno casa

né Patria

né futuro.

 

Giacciono lì

sotto cieli affumicati

tra veli di sangue

rappreso.

 

I bambini delle guerre

non hanno giocattoli

né scuole

né compleanni da festeggiare

 

Sono fertile

humus

dei potenti.

 

 

Graziella Cappelli

Published in: on novembre 20, 2016 at 07:40  Comments (13)  

Agonia di un melo

Un brivido

di morte

scuote

le tue miti spalle

anchilosate.

 

In aureola

di foglie ferrigne

risuona

della cicala

il canto funebre.

 

Sul tumulo

in lievi

tonfi

minimi aborti

di frutti caduti.

 

Graziella Cappelli

Published in: on novembre 11, 2016 at 07:47  Comments (7)  

Firenze

Fosti famosa

fulcro fulgente

faro

fra forme

fiabesche.

Finestra fiorente

fluente folla

frattanto …

femminea fregiata

fierezza.

 

Graziella Cappelli

Published in: on novembre 2, 2016 at 07:44  Comments (4)  

Notte di fine estate

Sul bosco

bagliori

di luna calante

in moti

di nuvole inquietanti.

 

Giorni fa

c’era la lucertola

a nuotare

come un delfino

nel prato …

 

rammento.

 

Graziella Cappelli

Published in: on ottobre 24, 2016 at 07:39  Comments (4)  

Olivo

Mi rapisce

la tua

bellezza

in fulgore

di foglie.

Sono

il tuo quieto

dolore

nascosto

nel tronco

ingobbito.

 

Graziella Cappelli

Published in: on ottobre 15, 2016 at 07:33  Comments (4)