Amici del Cantiere, la nostra amica Piera Grosso mi ha comunicato poco fa una tragica notizia: Giancarlo Passarini, il nostro caro “Passero”, è morto ieri sera a Bologna dopo una breve malattia. È una grande perdita per la nostra piccola comunità, sia dal punto di vista poetico che umano. Abbiamo tutti apprezzato le qualità del nostro caro Giancarlo, le sue doti di ironia e sensibilità, e ci mancherà immensamente il suo contributo acuto ed originale, firmato con quell’appellativo poetico e gentile. Questo momento è davvero triste, e avrei voluto commemorare il nostro amico con le sue stesse parole. Purtroppo non sono in sede e non ho la possibilità tecnica di editare un articolo sul Cantiere. Perdonatemi, appena finiranno le ferie ricorderemo degnamente il poeta e l’amico. Grazie a tutti per esserci in questa occasione.

Published in: on luglio 17, 2017 at 23:01  Comments (21)  

L’estate calda di Raffaele

E’ davvero un’estate trionfale per il nostro amico poeta ed artista Raffaele Saba: lo scorso 24 giugno la sua poesia “Estate al Borgo antico”,  che abbiamo avuto l’onore di pubblicare sul Cantiere il 28/3/17, ha ricevuto una menzione speciale al IV Concorso di Poesia “Compiuta Donzella” svoltosi a Piano di Sorrento (NA). E’ invece recentissimo il prestigioso riconoscimento che Raffaele ha ricevuto da parte dell’Ateneo Internazionale degli Empedoclei di Scienze Lettere ed Arti con sede in Agrigento, che gli ha conferito il titolo di “Accademico d’onore nella Classe delle Arti”. A questo punto è ufficiale: il Cantiere ha accolto tra le sue file un artista di grandissimo valore che merita il plauso di tutti ed il nostro augurio di ottenere sempre maggiori affermazioni in campo artistico e letterario!

Il Cantiere

Published in: on luglio 12, 2017 at 11:42  Comments (17)  

Il viaggio di Raffaele

E’ con sommo piacere che vi comunico un nuovo successo di un amico del Cantiere: il poeta e pittore Raffaele Saba si è aggiudicato il terzo premio alla XIV edizione del Premio Letterario Tridacna, la cui cerimonia di premiazione si è svolta lo scorso 1 luglio a Colonna (RM). Nel proporvi la poesia vittoriosa (e più sotto il dipinto dell’autore ispirato al brano) mi unisco a tutti gli amici del Cantiere nel tributare un sincero applauso a Raffaele augurandogli il successo che merita in entrambe le attività artistiche!

Il viaggio

Svolgi le vele verso l’infinito
per appagar la sete d’avventura.

Cavalchi l’onda dell’oscuro mar
mirando la prua all’orizzonte,
amico vento gonfia le vele,
spingi la rotta all’occidente.

Noce di quercia sfidi i frangenti
tempestoso dio calma i marosi,
dona maestrale e vigorosi venti.

Porto amico perso all’orizzonte
foschia e bonaccia svuotano le vele,
ti ritrovasti solo in quell’immenso,
senza cibo ed acqua a ristorare.

Della polare stella segui la rotta
venti nuovi sospingono la barca,
vivi per il ricordo dei tuoi cari,
lasciati in patria per seguir la meta.

Dei dell’olimpo spingono il tuo guscio
vedi tra le nebbie monti come draghi,
sconosciuti lidi, trasparenti laghi.

Terre nemiche attendono lo sbarco
aguzzi scogli forano lo scafo,
e l’albero maestro s’inabissa.

Vieni scaraventato oltre l’onda
e su soffice arena naufragato.

Tu che lasciasti il focolare amico
per appagar la sete d’ avventura,
ti ritrovasti in terra sconosciuta,
libero in volo verso nuova meta.

Raffaele Saba

(Dipinto dell’autore)

Published in: on luglio 5, 2017 at 11:15  Comments (17)  

La calda estate di Armando

Fonti bene informate ci comunicano che il 25 giugno scorso a Pratovecchio Stia (AR) il  caro amico Armando Bettozzi ha ricevuto una menzione speciale fuori concorso alla terza edizione del Premio Letterario “Donne tra ricordi e futuro”, con la sua poesia “Giannetta, bettonese”. Ma non è finita qui: è di questi giorni la notizia che il nostro amico poeta si è aggiudicato il primo premio alla IX edizione del Premio Letterario Internazionale Città di Martinsicuro, sezione poesia in vernacolo, la cui cerimonia di premiazione si terrà il 5 agosto prossimo nella località teramana. E’ davvero un’estate calda e piena di riconoscimenti per Armando, cui tributiamo il meritatissimo applauso di tutto il Cantiere! Ad maiora!

Il Cantiere

Published in: on luglio 2, 2017 at 11:50  Comments (12)  

La prima volta di Raffaele

Ci perviene una comunicazione oltremodo gradita: si tratta dell’ennesimo riconoscimento conferito ad un  poeta del nostro Cantiere. L’amico Raffaele Saba ci informa di essersi aggiudicato il secondo premio nella sezione poesia in lingua alla seconda edizione del Premio “Ecce Homo” poemi sacri e religiosi organizzato dall’Associazione Socio-Culturale “Club della Poesia”, la cui cerimonia di premiazione si terrà prossimamente a Cosenza. E’ con particolare piacere che registriamo questo ennesimo evento, anche perchè si tratta del primo successo di Raffaele, cui farà certamente seguito  una lunga serie di affermazioni letterarie. Siamo felici di potervi proporre qui di seguito il brano vittorioso “Masiakh” , e tributiamo tutti insieme all’amico poeta l’applauso che sicuramente merita!

§

Masiakh

Mi ritrovai tra le perdute genti
in primavera mentre sboccia il fiore,
goccia di brina che cantava al sole,
nel mare di tempesta anela amore.

Scarlatto colore sangue il mantello
giocato ai dadi come fato avverso,
corpo mio piagato dalla frusta,
per mano di soldato centurione.

Irte spine coronano la fronte
cingono come spire di serpente,
ecco l’Uomo, lo Spirito oltraggiato,
Re del mondo deriso dalla gente.

Alito di vita, soffio di vento
la tua presenza mi sostiene accanto,
il greve legno soffoca il respiro,
lo sguardo perso oltre l’universo.

Santo Cireneo senza volere
hai sollevato il peso ed il dolore,
trascinando me con la mia croce,
pregna di sangue polvere e sudore.

Chiodi di ferro han lacerato i polsi
piedi feriti sopra un piedistallo,
una pietosa lancia squarcia il petto,
sin che la lama entrando tocca il cuore.

Di lutto il cielo e tutto si riveste
in meriggio amaro senza sole,
sono come acqua viva di sorgente,
diventa fiume e torna mesta al mare.

Sento perir la vita e prego al cielo
non per raccomandare il cuore mio,
ecco l’Uomo che hai donato loro,
chiedo la clemenza e il tuo perdono.

La polvere nel cuore il sangue vivo
morto son io per salvarne molti,
eppur in questa atroce sofferenza,
come una quercia mi ergo al Padre mio.

 

Raffaele Saba

 

Published in: on giugno 14, 2017 at 07:01  Comments (16)  

Il premio di Armando

Ho il piacere di comunicarvi che oggi pomeriggio, nella sede di corso C.so Galileo Ferraris n° 30 a Torino presso la Galleria d’Arte Moderna, si svolgerà la cerimonia di premiazione del XXIV Concorso Nazionale di Poesia “Premio Piemonte Letteratura”, nell’ambito del quale il nostro amico poeta Armando Bettozzi riceverà la menzione speciale della giuria nella sezione a tema libero per il suo brano Quanto di bel stasera sei vestita. Ad Armando va il nostro plauso e l’apprezzamento di tutti gli amici del Cantiere, nell’attesa di altri e sempre più prestigiosi riconoscimenti della sua attività letteraria!

Il Cantiere

Published in: on maggio 20, 2017 at 07:17  Comments (6)  

Continua la pioggia di premi!

1482992871_14479805_1611156732513548_496433608117994566_n

 

 

Continua la pioggia di premi che in questo mese di maggio ha gratificato i nostri amici poeti! Abbiamo avuto notizia di due diversi successi nella nostra Franca Donà (astrofelia), che giovedì scorso ha conseguito il secondo premio alla IV Edizione del Concorso di poesia “Urlo e non mi senti” a Marcianise (CE) con la sua poesia “Passi nella sera”, e sabato 13 a Porto Recanati (MC) addirittura il primo premio assoluto nella sezione poesia inedita in lingua al I Premio Letterario Nazionale Novella Torregiani, con il brano “Ho lasciato un sogno caldo”. Il nostro caro Armando Bettozzi invece ci informa che lo stesso 13 maggio a Barletta (BT) ha ricevuto il primo premio nella sezione vernacolo al 18° Premio Letterario Massimo d’Azeglio con la poesia “Teremoto”. In attesa di potervi proporre i testi dei brani vittoriosi ci complimentiamo con gli amici che sempre più tengono alto il nome della poesia ed il livello letterario del nostro sito, augurando loro nuove messi di riconoscimenti artistici!

Il Cantiere

Published in: on maggio 16, 2017 at 19:52  Comments (8)  

E’ primavera, piovono premi!

Ci giunge un graditissimo comunicato dall’amico poeta Piero Colonna Romano, che trascrivo con vero piacere:

Piovono premi e riconoscimenti sull’azzurro sito Poetare e sul nostro Cantiere, ed è con gran piacere che vi informo che nel prestigioso “Premio Letterario e Artistico Internazionale AMBIART” promosso da SIMA col patrocinio del comune di Milano la nostra ottima poetessa Sandra Greggio ha conseguito il quarto posto, nella affollatissima sezione Poesia a tema libero con la poesia “Vuoto”, che qui di seguito vi proponiamo:

Vuoto

Ho preso un foglio,

un foglio bianco.

Vi ho disegnato il vuoto;

dentro vi ho scritto:

mi manchi.

Sandra Greggio

§

Sandra è stata calorosamente applaudita, nell’auditorium “Teresa Sarti Strada” di Milano, il 6 maggio scorso. A quegli applausi ho unito ed unisco i miei, assieme ai più vivi complimenti. E mi corre l’obbligo d’aggiungere alla bella notizia precedente, l’informazione che nello stesso concorso e sezione e nello stesso auditorium, la mia poesia “Ofelia” è stata premiata da una generosa giuria che le ha attribuito il primo posto.

Ofelia
(da un dipinto di Millais)

Va verso il mare e m’incanto a guardare,
l’acqua la culla e lei sembra dormire,
fronde s’inchinan, col loro stormire
par che un saluto le vogliano dare.

Lieve la veste, le forme a svelare,
labbra un sorriso vorrebbero aprire,
ma sul bel viso, a volerlo abbruttire,
passan ricordi, malvagi a pensare.

Mente che visse promesse d’amore,
perse ragion per la grande illusione,
marcio sfuggì per crudele emozione.

Or che nel mare avrà liete le ore,
or che svaniscon frementi passioni,
potrà cantar le più dolci canzoni.

Piero Colonna Romano

§

Ma non è finita qui perché il nostro strepitoso, unico, inarrivabile, irripetibile, incommensurabile Santi Cardella nel premio letterario nazionale 2017 “Nicola Zingarelli” di Cerignola (FG), città dove nacque il grande linguista, con la poesia “L’accordo” che riportiamo qui sotto, è stato classificato, da una qualificatissima giuria, al terzo posto e, sempre il 6 maggio (in contemporanea con le due precedenti premiazioni dell’Ambiart) nel teatro “S. Mercadante” della bella cittadina della Capitanata pugliese, è stato subissato da una valanga d’applausi, ai quali unisco il mio con i più sinceri complimenti.

Stampa

L’accordo

Inseguo una farfalla luminosa,

quasi ne tocco l’ali,

ma la farfalla che anima il mio sogno

volteggia per giardini surreali

dentro un pugno di luce

impalpabile, etereo;

e mi riporta tenera la voce

felice del tuo canto

che da un sentiero alpestre colmo d’oro

s’effonde tra i miei sensi e il firmamento.

Farfalla luminosa tra le dita,

tu che conosci i tasti del mio cuore

e sai l’angoscia del mio sentimento,

portami in volo al sospirato guado

ove la via celeste alta s’annida

fra quei suoni e quei canti;

e sulla scala magica del sogno

guida la mano a indovinar le note

profonde, emozionanti,

dell’accordo fra questa e l’altra vita.

Santi Cardella

§

di Piero Colonna Romano

Published in: on maggio 8, 2017 at 12:55  Comments (21)  

Primo premio a Santi Cardella

Ho il piacere di comunicarvi che stasera al Teatro Comunale di Novoli (LE) si terrà la cerimonia di premiazione della quarta edizione del Premio Letterario Vitulivaria, nell’ambito del quale l’amico poeta Santi Cardella, recentemente entrato nella schiera dei nostri amici del Cantiere, ha conseguito il primo premio nella sezione A (Poesia) con il brano “Il nostro olio”, che qui di seguito vi proponiamo. Tributiamo un applauso sincero a Santi, che non è nuovo a successi letterari, e gli auguriamo di continuare nella sua brillante carriera di poeta!

§

Il nostro olio

.

Ho chiuso in cuore alcuni versi in pegno

dei sogni d’oro che con te ho vissuto;

sotto la scorza del mio ulivo il legno

genera un olio denso, sconosciuto.

Nel tardo autunno spremerai  quel frutto

che ha maturato lentamente il sole;

così nei versi potrai coglier tutto

l’aroma ignoto delle mie parole.

Nessuno sa qual è l’effetto arcano

che le tue cure han dato a quest’ulivo;

non ha confini il sentimento umano

che muta il cuore in un vulcano attivo.

Sulla battigia non c’è più l’impronta

che ha conservato, nei suoi abissi, il mare,

ma la sua voce magica racconta

d’un sentimento che non puoi scordare.

.

Santi Cardella

Published in: on aprile 24, 2017 at 08:00  Comments (7)  

Roccaraìnola ieri

Il nostro caro amico poeta Giovanni De Simone ci informa che il 21 aprile prossimo alle ore 18,30 nella Sala Consiliare del comune di Roccarainola (NA), si terrà la presentazione del volume “Roccarainola ieri”, l’ultimo lavoro letterario di Giovanni dedicato al suo paese d’origine. L’autore completerà l’omaggio alla sua terra con la mostra delle sue opere pittoriche dal titolo Accenti Lirici Creativi nell’Arte, che si terrà il giorno successivo 22 aprile alle ore 11, sempre a Roccaraìnola, nella Cappella della SS. Concezione (Museo di Arti Sacre). Con l’occasione ci complimentiamo con Giovanni per la sua poliedrica attività augurandogli il successo editoriale ed artistico che sicuramente merita. Qui sotto pubblichiamo una breve presentazione del libro:

ROCCARAINOLA IERI  di Giovanni De Simone – Casa Editrice Edizioni Divinafollia – Pag. 184
Con tratti tipicamente espressivi delle proprie radici l’autore ci conduce in un viaggio diversificato in cui egli veste il suo amato paese natio della cultura che lo ha formato uomo della sua terra. Cultura che racchiude in sè tutte le componenti e il sapore di un passato ricco di eventi, di storie e di circostanze ritagliate nella sua memoria che esprime sia in lingua che in vernacolo. Diverse sono le testimonianze alle quali egli aggiunge atti d’amore: poesie giovanili e mature, filastrocche, scioglilingua, indovinelli e adagi.

Il Cantiere

Published in: on aprile 12, 2017 at 13:03  Comments (12)