Elegie III,20

Rumor ait crebro nostram peccare puellam

nunc ego me surdis auribus esse velim.

Crimina non haec sunt nostro sine facta dolore:

quid miserum torques, rumor acerbe? Tace.

§

Corre frequente la voce che la mia amata mi tradisca

ed io vorrei che le mie orecchie fossero sorde.

Non le si fanno queste accuse, senza ch’io ne soffra:

perché, voce amara, tormenti un infelice? Taci.

ALBIO TIBULLO

Published in: on maggio 23, 2013 at 07:39  Comments (2)