Sovra i mirti e fra le rose

Sovra i mirti e fra le rose,
Sovra molli erbe odorose
Adagiato io voglio ber.
Deh, t’annoda al collo il manto,
Bell’Amore! e mentr’io canto,
Corri a farmi da coppier.
Ahi! l’umana vita fugge
Come ruota che si strugge
Più che gira, e sempre va.
Sonno eterno in poca fossa
Sulla polvere e fra l’ossa
Il mio corpo dormirà.
A che i balsami e i conforti
Sulle tombe? A che su’ morti
Tanto vino e tanti fior?
A me il nappo e la corona
Or ch’io spiro, or che risuona
La mia lira e m’arde il cor.
Vieni e meco ti trastulla;
Qui m’invita la fanciulla
Che sa ridere e trescar.
Ah, Cupido! è meglio, innanzi
Che fra’ morti ignudo io danzi,
Dar gli affanni ai venti e al mar.

ANACREONTE

Annunci
Published in: on febbraio 16, 2018 at 06:53  Comments (3)  

Libagioni

Suvvia dunque,
portaci un orcio, ragazzo,
di modo che beva d’un fiato,
versando dieci parti d’acqua e dieci di vino,
affinchè di nuovo io possa baccheggiare sfrenatamente.
Suvvia, di nuovo non più così con chiasso e urla
pratichiamo la bevuta sciitica,
ma sorseggiando fra canti leggiadri.

ANACREONTE

Published in: on aprile 29, 2015 at 06:52  Comments (3)  

La fanciulla di Lesbo

La palla rossa
a me lancia Eros dai capelli d’oro
e con una fanciulla dai sandali a colori
mi spinge a giocare.

Ma essa, ch’è di Lesbo dalle belle case,
sdegna a me bianco già sul capo
e avida sospira per un altro.

ANACREONTE

Published in: on maggio 21, 2014 at 07:28  Comments (5)  

Eros

Eros è come un fabbro:
mi stronca col suo enorme maglio,
poi mi lava il sangue
in un gelido torrente.

ANACREONTE

Published in: on giugno 25, 2011 at 07:21  Comments (3)  
Tags: , , , ,