Pescatori

Sull’ onda che sussurra
vola una brezza franca;
trine di spuma bianca
fioriscon l’onda azzurra.
Di fiotti e di querele
affanna il mar le rive;
com’ ali fuggitive
passan lontan le vele.
Per sabbie e per ghiareti,
fra l’àlighe odoranti,
i pescatori ansanti
traggon dal mar le reti.
Infaticati e rudi
s’alternano al cimento;
sferzano il sole e il vento
i corpi seminudi.
Validi corpi in grame
vesti: petti villosi,
lacerti poderosi,
tinti in color di rame.
Dietro la tesa fune
ecco una rete oscilla;
guizza la preda e brilla
dentro le maglie brune …
Or chi vuol ricordare
pericoli e strapazzi?
Buona pesca, ragazzi!
Sia benedetto il mare!

ARTURO GRAF

Published in: on settembre 20, 2019 at 06:56  Lascia un commento  

La vetta

Avanti! Pochi altri passi
e poi sarem sulla vetta!
avanti pur senza fretta,
per mezzo agli sterpi e ai sassi.

La vetta è là, tutta sgombra,
tutta serena nel sole,
lungi da quanto si duole,
fuor dalle nebbie e dall’ombra.

Anima inquieta e stanca,
non ti rivolgere indietro:
in basso il vapore tetro,
in alto la luce bianca.

Voi, cui travaglia ed opprime
un cruccio greve e nascoso,
ponete mente: riposo
non è se non sulle cime.

ARTURO GRAF

Published in: on Mag 8, 2013 at 07:04  Comments (3)