Racconto d’inverno

A WINTER’S TALE

It is a winter’s tale
That the snow blind twilight ferries over the lakes
And floating fields from the farm in the cup of the vales,
Gliding windless through the hand folded flakes,
The pale breath of cattle at the stealthy sail,

And the stars falling cold,
And the smell of hay in the snow, and the far owl
Warning among the folds, and the frozen hold
Flocked with the sheep white smoke of the farm house cowl
In the river wended vales where the tale was told.

Once when the world turned old
On a star of faith pure as the drifting bread,
As the food and flames of the snow, a man unrolled
The scrolls of fire that burned in his heart and head,
Torn and alone in a farm house in a fold

Of fields. And burning then
In his firelit island ringed by the winged snow
And the dung hills white as wool and the hen
Roosts sleeping chill till the flame of the cock crow
Combs through the mantled yards and the morning men

Stumble out with their spades,
The cattle stirring, the mousing cat stepping shy,
The puffed birds hopping and hunting, the milkmaids
Gentle in their clogs over the fallen sky,
And all the woken farm at its white trades,

He knelt, he wept, he prayed,
By the spit and the black pot in the log bright light
And the cup and the cut bread in the dancing shade,
In the muffled house, in the quick of night,
At the point of love, forsaken and afraid.

He knelt on the cold stones,
He wept form the crest of grief, he prayed to the veiled sky
May his hunger go howling on bare white bones
Past the statues of the stables and the sky roofed sties
And the duck pond glass and the blinding byres alone

Into the home of prayers
And fires where he should prowl down the cloud
Of his snow blind love and rush in the white lairs.
His naked need struck him howling and bowed
Though no sound flowed down the hand folded air

But only the wind strung
Hunger of birds in the fields of the bread of water, tossed
In high corn and the harvest melting on their tongues.
And his nameless need bound him burning and lost
When cold as snow he should run the wended vales among

The rivers mouthed in night,
And drown in the drifts of his need, and lie curled caught
In the always desiring centre of the white
Inhuman cradle and the bride bed forever sought
By the believer lost and the hurled outcast of light.

Deliver him, he cried,
By losing him all in love, and cast his need
Alone and naked in the engulfing bride,
Never to flourish in the fields of the white seed
Or flower under the time dying flesh astride.

Listen. The minstrels sing
In the departed villages. The nightingale,
Dust in the buried wood, flies on the grains of her wings
And spells on the winds of the dead his winter’s tale.
The voice of the dust of water from the withered spring

Is telling. The wizened
Stream with bells and baying water bounds. The dew rings
On the gristed leaves and the long gone glistening
Parish of snow. The carved mouths in the rock are wind swept strings.
Time sings through the intricately dead snow drop. Listen.

It was a hand or sound
In the long ago land that glided the dark door wide
And there outside on the bread of the ground
A she bird rose and rayed like a burning bride.
A she bird dawned, and her breast with snow and scarlet downed.

Look. And the dancers move
On the departed, snow bushed green, wanton in moon light
As a dust of pigeons. Exulting, the grave hooved
Horses, centaur dead, turn and tread the drenched white
Paddocks in the farms of birds. The dead oak walks for love.

The carved limbs in the rock
Leap, as to trumpets. Calligraphy of the old
Leaves is dancing. Lines of age on the stones weave in a flock.
And the harp shaped voice of the water’s dust plucks in a fold
Of fields. For love, the long ago she bird rises. Look.

And the wild wings were raised
Above her folded head, and the soft feathered voice
Was flying through the house as though the she bird praised
And all the elements of the slow fall rejoiced
That a man knelt alone in the cup of the vales,

In the mantle and calm,
By the spit and the black pot in the log bright light.
And the sky of birds in the plumed voice charmed
Him up and he ran like a wind after the kindling flight
Past the blind barns and byres of the windless farm.

In the poles of the year
When black birds died like priests in the cloaked hedge row
And over the cloth of counties the far hills rode near,
Under the one leaved trees ran a scarecrow of snow
And fast through the drifts of the thickets antlered like deer,

Rags and prayers down the knee-
Deep hillocks and loud on the numbed lakes,
All night lost and long wading in the wake of the she-
Bird through the times and lands and tribes of the slow flakes.
Listen and look where she sails the goose plucked sea,

The sky, the bird, the bride,
The cloud, the need, the planted stars, the joy beyond
The fields of seed and the time dying flesh astride,
The heavens, the heaven, the grave, the burning font.
In the far ago land the door of his death glided wide,

And the bird descended.
On a bread white hill over the cupped farm
And the lakes and floating fields and the river wended
Vales where he prayed to come to the last harm
And the home of prayers and fires, the tale ended.

The dancing perishes
On the white, no longer growing green, and, minstrel dead,
The singing breaks in the snow shoed villages of wishes
That once cut the figures of birds on the deep bread
And over the glazed lakes skated the shapes of fishes

Flying. The rite is shorn
Of nightingale and centaur dead horse. The springs wither
Back. Lines of age sleep on the stones till trumpeting dawn.
Exultation lies down. Time buries the spring weather
That belled and bounded with the fossil and the dew reborn.

For the bird lay bedded
In a choir of wings, as though she slept or died,
And the wings glided wide and he was hymned and wedded,
And through the thighs of the engulfing bride,
The woman breasted and the heaven headed

Bird, he was brought low,
Burning in the bride bed of love, in the whirl-
Pool at the wanting centre, in the folds
Of paradise, in the spun bud of the world.
And she rose with him flowering in her melting snow.

§

È un racconto d’inverno

Che il crepuscolo cieco di neve traghetta sui laghi
E i campi galleggianti, dal podere nella conca delle valli,
E scivola via senza vento tra i fiocchi avvolti da mani,
Col pallido fiato del bestiame nella vela furtiva,

E la fredda caduta di stelle,

E il sentore di fieno nella neve, e il lontano ammonimento
Del gufo dagli ovili, e il gelido chiuso affollato
Dal bianco gregge che fuma dal camino della casa fra i campi
Nelle valli viaggiate dal fiume dove il racconto fu narrato.

Un giorno che il mondo invecchiava

Su una stella di fede pura come il pane ammucchiato dal vento,
Come le fiamme e il nutrimento della neve, un uomo svolse
Il rotolo di fuoco che bruciava nella sua testa e nel suo cuore,
Solo e tormentato in una casa di campagna in un ovile

Di campi. E allora ardendo

Nella sua isola dai bagliori di fuoco, circondata da ali di neve,
Fra i mucchi di letame candidi come lana e le galline
appollaiate
Che dormono, tutte gelate, finché la fiamma del canto del gallo
Non rastrelli le aie ammantate, e gli uomini del mattino

Escano con la vanga, inciampicando,

E il bestiame si muova, il gatto cerchi i topi con passo felpato,
Gli uccelli in caccia saltellino arruffati, le ragazze del latte
Gìrino in zoccoli leggère sopra il cielo caduto, e tutta quanta
La fattoria si svegli alle sue bianche faccende,

Egli s’inginocchiò, e pianse, e pregò,

Presso lo spiedo e il nero paiolo al chiarore del ceppo,
Presso la ciotola e il pane tagliato fra le ombre danzanti,
Nella casa imbacuccata, nel vivo della notte,
In punto d’amore, sgomento e abbandonato.

S’inginocchiò sulle gelide pietre,

Pianse dalla vetta del dolore, pregò il cielo velato
Che la sua fame se ne andasse urlando su bianche ossa spogliate,
Oltre le statue delle scuderie e i porcili dal tetto di cielo
E lo stagno vitreo delle anatre e le accecanti stalle delle mucche

Solitaria alla casa delle preghiere

E dei fuochi, dov’egli andrebbe in cerca di preda nella nuvola
Del suo amore cieco di neve e balzerebbe nelle candide tane.
Il suo bisogno nudo lo sferzava urlante e prostemato,
Benché non s’udisse alcun suono per l’aria avvolta da mani,

Ma solo il vento che accordava

La fame degli uccelli nei campi del pane fatto d’acqua, agitati
Nel grano alto, il raccolto disciolto sulle lingue.
E il suo bisogno innominato lo incatenò smarrito e bruciante,
Mentre freddo come neve avrebbe voluto viaggiare le valli

Tra i fiumi sboccanti nel buio,

E affogare nei flutti del suo desiderio, e rannicchiarsi
Nel centro sempre bramoso della candida culla
Inumana e nel letto nuziale in eterno anelato
Dal credente perduto e dal reietto escluso dalla luce.

Sàlvalo, gridò allora,

Perdèndolo tutto nell’amore, e scaglia il suo desiderio
Nudo e solo nell’abisso della sposa,
Perché mai cresca nei campi del candido seme o germogli
Sotto la carne morente del tempo a cavalcioni.

Ascolta. I menestrelli cantano

Nei villaggi defunti. L’usignuolo,
Polvere nel bosco sepolto, vola con ali sfarinate
Sillabando ai venti dei morti il suo racconto d’inverno.
La voce della polvere dell’acqua narra dalla sorgente

Disseccata. Il torrente aggrinzito

Balza con acque latranti e campane. La rugiada tintinna
Sopra le foglie triturate e sul dissolto scintillio della provincia
Della neve. Le bocche scolpite nella roccia sono corde sfiorate!
Dal vento. Il tempo canta dal morto intrico del bucaneve.
Ascolta.

Una mano, o un suono,

Nel paese di tanto tempo fa, aprì la nera porta,
E là fuori, sul pane della terra, s’alzò un uccello-donna
E sfolgorò come una sposa in fiamme. Come un’alba spuntò
E il suo petto aveva piume di porpora e di neve.

Guarda. E sul morto prato

Cespuglio so di neve danzano i ballerini, lascivi al chiaro di luna
Come polvere di colombi. Esultanti, i solenni cavalli, morti
Centauri, girano scalpitandonei bianchi recinti inzuppati
Delle fattorie degli uccelli. La quercia morta va in cerca
d’amore.

Le membra scolpite nella roccia

Sussultano, come a trombe. Danza la calligrafia d’antichissime
foglie.
I segni dell’età sopra le pietre s’intessono in un bioccolo.
La voce d’arpa della polvere dell’acqua pizzica le sue corde in
un ovile
Di campi. Per amore, risorge l’uccello-donna d’un tempo.
Guarda.

E le ali selvagge si levarono

Sopra il suo capo avvolto, e la voce di soffice piuma
Volò attraverso la casa come un inno di lode,
E tutti gli elementi della lenta caduta gioirono che un uomo
S’inginocchiasse solitario nella conca delle valli,

Nel manto e nella calma,

Presso lo spiedo e il nero paiolo, al chiarore del ceppo.
E il cielo degli uccelli nella voce piumata lo sedusse ad alzarsi,
Ed egli corse come vento dietro il volo di fiamma, oltre i ciechi
granai,
Oltre le stalle delle mucche della fattoria senza vento.

Nei poli dell’anno, mentre i merli

Simili a preti morivano sulle siepi ammantate, e sulla tunica
Delle contee cavalcando i colli lontani s’appressavano,
Sotto alberi dall’unica foglia uno spauracchio di neve
Corse attraverso le macchie con corna di cervo, mucchio di
stracci,

E di preghiere, giù per le collinette

Alte fino al ginocchio, e a voce alta sui laghi intirizziti,
Tutta la notte sperduto e a lungo seguendo le tracce della
femmina-
Uccello, attraverso i tempi e le terre e le tribù dei lenti fiocchi.
Ascolta e guarda dove ella veleggia sul mare d’oche spiumate:

Il cielo, l’uccello, la sposa,

La nube, il desiderio, le stelle seminate, la gioia
Oltre i campi del seme e della carne morente del tempo a
cavalcioni,
Il paradiso, il cielo, la tomba, l’acquasantiera ardente.
Nel paese d’allora, si spalancò la porta della sua morte

E l’uccello discese.

Su un colle bianco come pane sulla fattoria nella conca
Sui laghi e i campi galleggianti e le valli viaggiate dal fiume
Dov’egli implorava di giungere al male estremo e alla casa
Delle preghiere e dei fuochi, il racconto ebbe fine.

La danza smuore sul bianco!

Che più non rinverdisce e, morto menestrello,
Il canto s’interrompe nei villaggi dei sogni calzati di neve
Che un tempo scolpivano forme d’uccelli nel pane alto
E sui laghi invetriati pattinavano profili di pesci
Volanti. Il rito è amputato
Dell’usignolo e del cavallo, centauro morto. Le sorgenti
disseccano.
I segni dell’età sulle pietre dormono nell’attesa delle trombe
Dell’alba. L’esultanza è abbattuta. li tempo seppellisce la stagione
Primaverile che scampanò e balzò con il fossile e la rugiada
rinata.

Poiché ella giacque

In un coro di ali, come dormisse o fosse morta,
E le ali s’aprirono e l’uomo con inni fu congiunto,
E tra le cosce della sposa risucchiante,
Uccello dai seni di donna e dalla testa di cielo,

Fu condotto

A bruciare nel letto nuziale dell’amore,
Nel gorgo del centro voglioso, negli ovili
Del paradiso, nel bocciuolo rotante del mondo.
Ed ella sorse con lui, fiorita in neve disciolta.

DYLAN MARLAIS THOMAS

Published in: on Mag 17, 2019 at 06:59  Comments (1)  

Cerca la carne sulle ossa

FIND MEAT ON BONES

Find meat on bones that soon have none,
And drink in the two milked crags,
The merriest marrow and the dregs
Before the ladies’ breasts are hags
And the limbs are torn.
Disturb no winding-sheets, my son,
But when the ladies are cold as stone
Then hang a ram rose over the rags.

‘Rebel against the binding moon
And the parliament of sky,
The kingcrafts of the wicked sea,
Autocracy of night and day,
Dictatorship of sun.
Rebel against the flesh and bone,
The word of the blood, the wily skin,
And the maggot no man can slay.’

‘The thirst is quenched, the hunger gone,
And my heart is cracked across;
My face is haggard in the glass,
My lips are withered with a kiss,
My breasts are thin.
A merry girl took me for man,
I laid her down and told her sin,
And put beside her a ram rose.

‘The maggot that no man can kill
And the man no rope can hang
Rebel against my father’s dream
That out of a bower of red swine
Howls the foul fiend to heel.
I cannot murder, like a fool,
Season and sunshine, grace and girl,
Nor can I smother the sweet waking.’

Black night still ministers the moon,
And the sky lays down her laws,
The sea speaks in a kingly voice,
Light and dark are no enemies
But one companion.
‘War on the spider and the wren!
War on the destiny of man!
Doom on the sun!’
Before death takes you, O take back this.

§

Cerca la carne sulle ossa fra non molto
Spolpate e bevi alle due munte rupi
Il dolce midollo e la feccia,
Prima che le mammelle delle dame
Siano vizze e le membra brandelli.
Non profanare, figlio, i sudari, ma quando
Vedrai le dame fredda pietra, appendi
Una rosa d’ariete sugli stracci.

Ribèllati alle leggi della luna
E al parlamento del cielo,
Al governo del mare perverso,
A tirannia del giorno e della notte,
A dittatura di sole.
Ribèllati all’osso e alla carne,
A parola di sangue, ad astuzia di pelle,
E al verme che nessuno può ammazzare.

La sete è spenta, la fame placata,
E lungo il cuore ho uno spacco;
La faccia è smunta allo specchio,
Le labbra smorte dai baci
Ed è smagrito il mio petto.
Una ragazza allegra mi prese per uomo,
La stesi giù e le narrai il peccato,
Le misi accanto una rosa d’ariete.

Il verme che nessuno può ammazzare
E l’uomo che nessuna corda impicca
Si ribellano al sogno di mio padre
Che da un ostello di rossi porci
Ulula il sozzo demonio alle spalle.
Non posso come un pazzo assassinare
Stagione e sole, grazia e ragazza,
Né il mio dolce risveglio soffocare.

La nera notte amministri la luna,
Il cielo detti pure le sue leggi,
Il mare parli con voce regale:
Non nemici ma un unico compagno
Sono il buio e la luce.
Guerra al ragno e allo scricciolo!
Guerra al destino umano!
E distruzione al sole!
Prima che morte ti prenda, ah sconfessalo!

DYLAN MARLAIS THOMAS
Published in: on dicembre 20, 2018 at 07:05  Comments (1)  

Perchè levante gela

WHY EAST WIND CHILLS

Why east wind chills and south wind cools
Shall not be known till windwell dries
And west’s no longer drowned
In winds that bring the fruit and rind
Of many a hundred falls;
Why silk is soft and the stone wounds
The child shall question all his days,
Why night-time rain and the breast’s blood
Both quench his thirst he’ll have a black reply.

When cometh Jack Frost? the children ask.
Shall they clasp a comet in their fists?
Not till, from high and low, their dust
Sprinkles in children’s eyes a long-last sleep
And dusk is crowded with the children’s ghosts,
Shall a white answer echo from the rooftops.

All things are known: the stars’ advice
Calls some content to travel with the winds,
Though what the stars ask as they round
Time upon time the towers of the skies
Is heard but little till the stars go out.
I hear content, and ‘Be Content’
Ring like a handbell through the corridors,
And ‘Know no answer,’ and I know
No answer to the children’s cry
Of echo’s answer and the man of frost
And ghostly comets over the raised fists.

§

Perché levante gela e austro rinfresca
Non sarà conosciuto finché il pozzo del vento non dissecchi
E l’ovest non resti più immerso
Nei venti che recano il frutto e la corteccia
Di centinaia e centinaia di cadute;
Perché la seta è soffice e la pietra ferisce
Il fanciullo si chiederà ogni giorno,
Perché pioggia notturna e sangue di mammella
Tutti e due lo dissetano, avrà una nera risposta.

Quando verrà Mastro Gelo? domandano i bambini.
Stringeranno nei pugni una cometa?
Finché la loro polvere, dal cielo e da terra,
Non sparga in occhi infantili un lungo ultimo sonno
E l’ombra non sia folta di fantasmi di bimbi,
Nessuna bianca risposta farà eco dalle cime dei tetti.

Tutto è conosciuto: il consiglio degli astri
Esorta qualche contento a viaggiare coi venti,
Ma ciò che chiedono gli astri mentre aggirano
Tempo dopo tempo le torri dei cieli
Sarà poco ascoltato, prima che gli astri siano spenti.
Io ascolto contento e “Contèntati”
Squilla pei corridoi come una campanella,
E “Nessuna risposta” e io non ho
Nessuna risposta al pianto dei bambini
Né di risposta d’eco né dell’uomo di gelo
Né di comete spettrali sopra i pugni levati.

DYLAN MARLAIS THOMAS

Published in: on luglio 7, 2017 at 07:25  Comments (3)  

Ci fu un tempo

violinist-735413_960_720

WAS THERE A TIME

Was there a time when dancers with their fiddles
In children’s circuses could stay their troubles?
There was a time they could cry over books,
But time has sent its maggot on their track.
Under the arc of the sky they are unsafe.
What’s never known is safest in this life.
Under the skysigns they who have no arms
have cleanest hands, and, as the heartless ghost
Alone’s unhurt, so the blind man sees best.

§

Ci fu un tempo che i funamboli con i loro violini
Nei circhi dei bambini potevano frenarne i turbamenti?
Ci fu un tempo che potevano piangere sui libri,
Ma il tempo ha posto il verme sul loro sentiero.
Sotto l’arco del cielo essi non sono al sicuro.
Ciò che rimane ignoto in questa vita è più sicuro.
Sotto i segni del cielo chi è privo di braccia
Ha le mani più nette, e, come il fantasma senza cuore
È il solo illeso, il cieco vede meglio.

DYLAN MARLAIS THOMAS

Published in: on ottobre 15, 2016 at 07:04  Comments (1)  

E morte non avrà dominio

AND DEATH SHALL HAVE NO DOMINION

And death shall have no dominion.
Dead mean naked they shall be one
With the man in the wind and the west moon;
When their bones are picked clean and the clean bones gone,
They shall have stars at elbow and foot;
Though they go mad they shall be sane,
Though they sink through the sea they shall rise again;
Though lovers be lost love shall not;
And death shall have no dominion.

And death shall have no dominion.
Under the windings of the sea
They lying long shall not die windily;
Twisting on racks when sinews give way,
Strapped to a wheel, yet they shall not break;
Faith in their hands shall snap in two,
And the unicorn evils run them through;
Split all ends up they shan’t crack;
And death shall have no dominion.

And death shall have no dominion.
No more may gulls cry at their ears
Or waves break loud on the seashores;
Where blew a flower may a flower no more
Lift its head to the blows of the rain;
Though they be mad and dead as nails,
Heads of the characters hammer through daisies;
Break in the sun till the sun breaks down,
And death shall have no dominion.

§

E morte non avrà dominio.
E i morti nudi saranno uno
Con l’uomo nel vento e la luna occidentale;
Quando le loro ossa saranno scarnificate e dissolte,
Avranno stelle ai gomiti e ai piedi;
Per quanto impazziti saranno savi,
Per quanto affondino nel mare torneranno a risorgere;
Per quanto gli amanti si perdano amore resterà;
E morte non avrà dominio.

E morte non avrà dominio.
Sotto i gorghi del mare
Giacendo a lungo non moriranno nel vento;
Torcendosi ai tormenti al cedere dei tèndini,
Legati a una ruota, pur non si romperanno;
Si spaccherà la fede in quelle mani,
E l’unicorno del peccato li passerà da parte a parte;
Strappati da ogni lato non si spaccheranno
E morte non avrà dominio.

E morte non avrà dominio.
Mai più possano i gabbiani gridargli agli orecchi
Né onde frangersi furiose sulle rive;
Dove fiore sbocciò possa fiore mai più
Sollevare il capo agli scrosci della pioggia;
Per quanto impazzite e morte come chiodi,
Le teste di quei tali martellano fra le margherite;
Irromperanno nel sole fin che il sole cadrà,
E morte non avrà dominio.

DYLAN MARLAIS THOMAS

Published in: on ottobre 3, 2015 at 07:13  Comments (3)  

Il pagliaccio sulla luna

CLOWN IN THE MOON

My tears are like the quiet drift
Of petals from some magic rose;
And all my grief flows from the rift
Of unremembered skies and snows.

I think, that if I touched the earth,
It would crumble;
It is so sad and beautiful,
So tremulously like a dream.

§

Le mie lacrime sono come un quieto turbine
di petali da una certa magica rosa;
e tutto il mio dolore fluisce dalla fessura
di nevi e cieli dimenticati.
Penso che se toccassi la terra,
si sbriciolerebbe,
è così triste e bella,
così trepidamente simile a un sogno.

DYLAN MARLAIS THOMAS

Published in: on febbraio 27, 2015 at 07:14  Comments (2)  

Questo pane che spezzo

THIS BREAD I BREAK

This bread I break was once the oat,
This wine upon a foreign tree
Plunged in its fruit;
Man in the day or wind at night
Laid the crops low, broke the grape”s joy.

Once in this wine the summer blood
Knocked in the flesh that decked the vine,
Once in this bread
The oat was merry in the wind;
Man broke the sun, pulled the wind down.

This flesh you break, this blood you let
Make desolation in the vein,
Were oat and grape
Born of the sensual root and sap;
My wine you drink, my bread you snap.

§

Questo pane che spezzo un tempo era frumento,
questo vino su un albero straniero
nei suoi frutti era immerso;
l’uomo di giorno o il vento nella notte
piegò a terra le messi, spezzò la gioia dell’uva.

In questo vino, un tempo, il sangue dell’estate
batteva nella carne che vestiva la vite;
un tempo, in questo pane,
il frumento era allegro in mezzo al vento;
l’uomo ha spezzato il sole e ha rovesciato il vento.

Questa carne che spezzi, questo sangue a cui lasci
devastare le vene, erano un tempo
frumento ed uva, nati
da radice e linfa sensuali.
E’ il mio vino che bevi, è il mio pane che addenti.

DYLAN MARLAIS THOMAS

Published in: on settembre 28, 2014 at 07:18  Comments (1)  

Qui in primavera

HERE IN THIS SPRING

Here in this spring, stars float along the void;
Here in this ornamental winter
Down pelts the naked weather;
This summer buries a spring bird.

Symbols are selected from the years’
Slow rounding of four seasons’ coasts,
In autumn teach three seasons’ fires
And four birds’ notes.

I should tell summer from the trees, the worms
Tell, if at all, the winter’s storms
Or the funeral of the sun;
I should learn spring by the cuckooing,
And the slug should teach me destruction.

A worm tells summer better than the clock,
The slug’s a living calendar of days;
What shall it tell me if a timeless insect
Says the world wears away?

§

Qui in primavera, le stelle navigano il vuoto;
Qui nell’inverno ornamentale
Il nudo cielo viene giù a rovesci;
L’estate seppellisce l’uccello nato in primavera.

I simboli provengono dal lento costeggiare dell’anno
Le rive di quattro stagioni;
Fuochi di tre stagioni insegnano in autunno
E note di quattro uccelli.

Dovrei distinguere l’estate dagli alberi, i vermi,
Se lo fanno, narrano le tempeste dell’inverno
O il funerale del sole;
Dovrei imparare la primavera dal canto del cuculo
E la lumaca mi dovrebbe insegnare distruzione.

Un verme racconta l’estate meglio dell’orologio,
La lumaca è un vivente calendario di giorni;
Che cosa mi dirà se un insetto senza tempo
Dice che il mondo lentamente si consuma?

DYLAN MARLAIS THOMAS

Published in: on ottobre 21, 2012 at 07:34  Comments (3)  

La forza che nello stelo spinge il fiore

 

The force that through the green fuse drives the flower

Drives my green age; that blasts the roots of trees

Is my destroyer.

And I am dumb to tell the crooked rose

My youth is bent by the same wintry fever.

The force that drives the water through the rocks

Drives my red blood; that dries the mouthing streams

Turns mine to wax.

And I am dumb to mouth unto my veins

How at the mountain spring the same mouth sucks.

The hand that whirls the water in the pool

Stirs the quicksand; that ropes the blowing wind

Hauls my shroud sail.

And I am dumb to tell the hanging man

How of my clay is made the hangman’s lime.

The lips of time leech to the fountain head;

Love drips and gathers, but the fallen blood

Shall calm her sores.

And I am dumb to tell a weather’s wind

How time has ticked a heaven round the stars.

And I am dumb to tell the lover’s tomb

How at my sheet goes the same crooked worm.

§

La forza che nello stelo spinge il fiore,

spinge la mia giovane età; la stessa che dilania le radici degli alberi

è la mia distruttrice.

E sono muto a dire alla rosa avvizzita

che la mia giovinezza è piegata dall’identica febbre invernale.

La forza che guida l’acqua tra le rocce

governa il mio sangue; quella che aspira le correnti alle foci

trasforma le mie in cera.

E sono muto a gridare alle mie vene

che alla fonte montana succhia la stessa bocca.

La mano che agita l’acqua nella pozza

Smuove sabbie mobili; quella che imbriglia i burrascosi venti

pure il mio sudario, regge.

E sono muto a dire all’impiccato

quanto del mio essere vi è nel boia che lo impicca.

Le labbra del tempo leccano il punto in cui la fonte sgorga;

l’amore goccia e coagula, ma il sangue che crolla

calmerà le ferite di lei.

E sono muto a dire al vento dell’inverno

come il tempo abbia scandito un cielo intorno agli astri.

E sono muto a dire alla tomba dell’innamorato

come verso il mio lenzuolo strisci lo stesso raggrinzito verme.

DYLAN MARLAIS THOMAS

Dai sospiri

OUT OF THE SIGHS

Out of the sighs a little comes,
But not of grief, for I have knocked down that
Before the agony; the spirit grows,
Forgets, and cries;
A little comes, is tasted and found good;
All could not disappoint;
There must, be praised, some certainty,
If not of loving well, then not,
And that is true after perpetual defeat.

After such fighting as the weakest know,
There’s more than dying;
Lose the great pains or stuff the wound,
He’ll ache too long
Through no regret of leaving woman waiting
For her soldier stained with spilt words
That spill such acrid blood.

Were that enough, enough to ease the pain,
Feeling regret when this is wasted
That made me happy in the sun,
How much was happy while it lasted,
Were vagueness enough and the sweet lies plenty,
The hollow words could bear all suffering
And cure me of ills.

Were that enough, bone, blood, and sinew,
The twisted brain, the fair-formed loin,
Groping for matter under the dog’s plate,
Man should be cured of distemper.
For all there is to give I offer:
Crumbs, barn, and halter.

§

Dai sospiri nasce qualcosa,
Ma non dolore, questo l’ho annientato
Prima dell’agonia; lo spirito cresce,
Scorda, e piange;
Nasce un nonnulla che, gustato, è buono;
Non tutto poteva deludere;
C’è, grazie a Dio, qualche certezza:
Che non è amore se non si ama bene,
E questo è vero dopo perpetua sconfitta.

Dopo siffatta lotta, come il più debole sa,
C’è di più che il morire;
Lascia i grandi dolori o tampona la piaga,
Ancora a lungo egli dovrà soffrire,
E non per il rimpianto di lasciare una donna in attesa
Del suo soldato sporco di parole
Che spargono un sangue così acre.

Se ciò bastasse, se ciò bastasse a dar sollievo al male,
Il provare rimpianto quando quello è perduto
Che mi rendeva felice nel sole,
Quanto felice il tempo che durava,
Se ambiguità bastassero e abbondanza di dolci menzogne,
Potrebbero le vacue parole sostenere tutta la sofferenza
E guarirmi dai mali.

Se ciò bastasse, osso, tendine, sangue,
Il cervello attorcigliato, i lombi ben fatti,
Cercando a tastoni la materia sotto la ciotola del cane,
L’uomo potrebbe guarire dal cimurro.
Ché tutto quello che va dato, io l’offro:
Briciole, stalla, e cavezza.

DYLAN MARLAIS THOMAS