Guidommi amor

Guidommi Amor, ardendo ancora il sole,
sopra l’acque di Giulio, in un mirteto,
e era il mar tranquillo e il ciel quieto,
quantunque alquanto zefir, come suole,
movesse agli arbuscei le cime sole:
quando mi parve udire un canto lieto
tanto, che simil non fu consueto
d’udir già mai nelle mortali scuole.
Per ch’io: “Angela forse, o ninfa, o dea
canta con seco in questo loco eletto”,
meco diceva, “degli antichi amori”.
Quinci madonna in assai bel ricetto
del bosco ombroso, in su l’erbe e in su’ fiori,
vidi cantando, e con altre sedea.

GIOVANNI BOCCACCIO

Annunci
Published in: on maggio 25, 2018 at 07:14  Comments (2)  

Intorn’ad una fonte

.
Intorn’ad una fonte, in un pratello
di verdi erbette pieno e di bei fiori,
sedean tre angiolette, i loro amori
forse narrando, ed a ciascuna ‘l bello
viso adombrava un verde ramicello
ch’i capei d’or cingea, al qual di fuori
e dentro insieme i dua vaghi colori
avvolgeva un suave venticello.
E dopo alquanto l’una alle due disse
(com’io udi’): “Deh, se per avventura
di ciascuna l’amante or qui venisse,
fuggiremo noi quinci per paura?”.
A cui le due risposer: “Chi fuggisse,
poco savia saria, con tal ventura!”.
.
GIOVANNI BOCCACCIO
Published in: on maggio 12, 2015 at 07:04  Comments (4)