S.P.Q.R.

Quell’esse, pe, ccu, erre, inarberate
Sur portone de guasi oggni palazzo,
Quelle sò cquattro lettere der cazzo,
Che nun vonno dì ggnente, compitate.

M’aricordo però cche dda regazzo,
Cuanno leggevo a fforza de frustate,
Me le trovavo sempre appiccicate
Drent’in dell’abbeccé ttutte in un mazzo.

Un giorno arfine me te venne l’estro
De dimannanne un po’ la spiegazzione
A ddon Furgenzio ch’era er mi’ maestro.

Ecco che mm’arispose don Furgenzio:
“Ste lettre vonno dì, ssor zomarone,
Soli preti qui rreggneno: e ssilenzio.”

GIUSEPPE GIOACCHINO BELLI

Ottorino Respighi – Feste romane (Poema Sinfonico) III.Ottobrata

 

Published in: on luglio 19, 2013 at 07:04  Comments (1)  

La Giustizia

Tra le quattro vertù ch’er monno spera
ch’averiano d’avé li cardinali
ce sta dipinta la Giustizia vera
come l’hanno da fa li tribunali.
Tiè in mano uno spadone e ‘na stadera:
carca un agnello sutto li stivali:
e stà bennata có ‘na benna nera,
quann’io pé me je metterìa l’occhiali.
Ma come, cristo!, ha da trovà la strada,
cusì orba la povera Giustizia,
de contà l’oncia e de calà la spada?
Come pò vede mai si la malizia
de li curiali je dà grano o biada,
e s’è zucchero-d’orzo o regolizzia?

GIUSEPPE GIOACCHINO BELLI

Poeti di Roma

LA BOCCA DELLA VERITÀ

In d’una chiesa sopra a ‘na piazzetta

Un po’ più ssù de Piazza Montanara

Pe’ la strada che pporta a la Salara,

C’è in nell’entrà una cosa benedetta.

Pe’ tutta Roma quant’è larga e stretta

Nun poterai trovà cosa ppiù rara.

E’ una faccia de pietra che tt’impara

Chi ha detta la bucìa chi nu l’ha detta.

S’io mo’ a sta faccia, c’ha la bocca uperta,

Je ce metto una mano, e nu la striggne,

La verità da me tiella pe’certa.

Ma ssi ficca la mano uno in bucìa,

E’ sicuro che a ttìrà né a spiggne

Quella mano che lì nun vié ppiù via.

GIUSEPPE GIOACCHINO BELLI

L’ AMORE NEGLI OCCHI

I tuoi occhi, quelli che un giorno
per me si persero in infiniti sguardi,
pieni di perché.
Occhi che paziente aspettavo s’aprissero
a nuovi giorni di dolce follia
e i miei guidassero verso inesplorati
mondi di favole mai raccontate.
Ai miei perché il dito al naso portavi,
la bocca a cuore socchiusa…
-Ascolta il quieto amore che di noi
ancor nulla sa- sussurravi stringendo
la mano mia.
Intrecciavi corone di erba che sul mio capo
ponevi..
-Sei il mio re!- poi ridevi e prima ch’io
sussurrassi il nome tuo, sulla mia bocca
la tua ricadeva mordendo l’ansia e il piacere.
Dentro i tuoi occhi cieli infiniti,
in un momento albe, tramonti, pace e tempeste.
Inafferrabile scivolavi come acqua tra le dita
per poi chiuderti tra le mie braccia
– Regalami un sogno da fare…- chiedevi
T’addormentavi sicura e sorridevi.
Immeritato amore, ancor mi chiedo
quanto distante sia il mio dal tuo.

Claudio Pompi