Venti di maggio

WINDS OF MAY

Winds of May, that dance on the sea,
Dancing a ring-around in glee
From furrow to furrow, while overhead
The foam flies up to be garlanded,
In silvery arches spanning the air,
Saw you my true love anywhere?
Welladay! Welladay!
For the winds of May!
Love is unhappy when love is away!

§

Venti di maggio, che danzate sul mare,
ballando un gioioso girotondo
di solco in solco mentre sulle creste
la spuma vola a farsi ghirlanda
di archi d’argento che attraversano l’aria,
avete visto il mio amore da qualche parte?
Ahimè! Ahimè!
Venti di maggio!
Amore è triste se il suo amore è assente.

JAMES JOYCE

Annunci
Published in: on marzo 25, 2017 at 07:13  Comments (3)  

Quando la timida stella appare in cielo

When the shy star goes forth in heaven
All maidenly, disconsolate,
Hear you amid the drowsy even
One who is singing by your gate.
His song is softer than the dew
And he is come to visit you.

O bend no more in revery
When he at eventide is calling.
Nor muse: Who may this singer be
Whose song about my heart is falling?
Know you by this, the lover’s chant,
‘Tis I that am your visitant.

§

Quando la timida stella appare in cielo
tutta verginale, sconsolata,
tu odi nella sera sonnolenta
uno che canta alla tua porta.
Più tenero di rugiada è il suo canto
e lui viene a visitare te.

Non ti abbandonare ai sogni
quando lui viene la sera,
non pensare: chi sarà mai
a versarmi il suo canto nel cuore?
Sappi da questa, litania d’amante,
sono io il tuo visitatore.

JAMES JOYCE
Published in: on gennaio 19, 2016 at 07:41  Lascia un commento  

A noi venne amore

LOVE CAME TO US

Love came to us in time gone by
When one at twilight shyly played
And one in fear was standing nigh.
For Love at first is all afraid.

We were grave lovers. Love is past
That had his sweet hours many a one;
Welcome to us now at the last
The ways that we shall go upon.

§

A noi venne Amore nei tempi andati,

Che l’una al crepuscolo schiva sonava

E l’altro accanto stava pauroso…

Che Amore in principio è tutto tremore.

Fu grave amarsi. Finito è l’amore,

Le sue dolci ore non rare.

Salutiamo finalmente le strade

Per cui dovremo andare.

JAMES JOYCE

Published in: on settembre 5, 2012 at 07:17  Comments (4)  

Una preghiera

A PRAYER

Again!
Come, give, yield all your strength to me!
From far a low word breathes on the breaking brain
Its cruel calm, submission’s misery,
Gentling her awe as to a soul predestined.
Cease, silent love! My doom!

Blind me with your dark nearness, O have mercy, beloved enemy of my will!
I dare not withstand the cold touch that I dread.
Draw from me still
My slow life! Bend deeper on me, threatening head,
Proud by my downfall, remembering, pitying
Him who is, him who was!

Again!
Together, folded by the night, they lay on earth. I hear
From far her low word breathe on my breaking brain.
Come! I yield. Bend deeper upon me! I am here.
Subduer, do not leave me! Only joy, only anguish,
Take me, save me, soothe me, O spare me!

§

Ancora! Vieni, dona, cedi tutta la tua forza a me!
Da lungi una bassa parola àlita sul cervello scoppiante
la sua calma crudele, angoscia della sommissione,
addolcendo il suo terrore come ad anima predestinata.
Cessa, silenzioso amore! Mio fato!

Accècami con la tua cupa vicinanza, oh abbi pietà, adorato nemico del mio volere!
Resistere non oso al freddo tocco che mi spaura.
Trai da me ancora
la mia torpida vita! Su me più basso chinati, minacciosa testa,
tu del mio crollo fiera, rammemorante, pietosa,
colui che è, colui che fu!

Ancora!
Insieme, avviluppati dalla notte, sulla terra giacciono. Io odo
da lungi la sua bassa parola alitare sul mio cervello scoppiante.
Vieni! lo cedo. Su me più basso chinati. Son qui.
Soggiogatore, non mi abbandonare! Sola gioia, sola angoscia,
prendimi, salvami, calmami, oh risparmiami!

JAMES JOYCE