Non lo vince la pioggia

Non lo vince la pioggia

Non lo vince il vento

Non lo vince la neve, o la calura dell’estate

Ha un corpo forte

Non ha desideri

Non perde mai la calma

Ride sempre di un sorriso tranquillo

Ogni giorno mangia quattro scodelle di riso bruno, del miso e un po’ di verdure

In tutte le cose, non tiene in considerazione se stesso

Osserva attento, ascolta, capisce

E non dimentica

Vive in una piccola capanna dal tetto d’erba, all’ombra di un bosco di pini nelle campagne

Se ad est c’è un bimbo malato, va a curarlo

Se a ovest c’è una madre stanca, va a sorreggere il suo covone di riso

Se a sud c’è qualcuno vicino alla morte, gli va a dire che non serve aver paura

Se a nord c’è una lite o una disputa legale, esclama: smettetela con tali sciocchezze

In tempo di siccità versa le sue lacrime

Se l’estate è fredda va in giro dandosene pensiero

Tutti dicono che è una testa vuota

Nessuno lo elogia

E nessuno è preoccupato per causa sua

Questa è la persona

Che io voglio diventare

 

KENJI MIYAZAWA

Sakura (Fiori di ciliegio) – Canzone popolare giapponese

Annunci
Published in: on agosto 11, 2013 at 06:53  Comments (2)