L’albero del bracciante umiliato

Arburu picciriddhu ti chiantai
cu la speranza mi cogghiu lu fruttu
cu na zappuddha d’oru ti zappai
sempri t’imbivarai cu chiantu ‘rruttu.
Poi passau unu, non ti vitti mai
stendiu la manu e si cogghiu tuttu.
E jeu l’amariceddhu mia restai
la ucca amara cu lu denti asciuttu.

§

Albero piccolissimo ti piantai
con la speranza di cogliere il frutto
con una vanga d’oro ti zappai
sempre ti abbeverai con muto pianto.
Poi passò uno, non ti vide mai
stese la mano e raccolse tutto
Ed io povera me restai
con la bocca amara e con il dente asciutto.

LEONIDA REPACI

Annunci
Published in: on agosto 18, 2011 at 07:00  Comments (9)  
Tags: , , , , , , ,