Hotel California

 
.
On a dark desert highway, cool wind in my hair
Warm smell of colitas rising up through the air
Up ahead in the distance I saw a shimmering light
My head grew heavy and my sight grew dim
I had to stop for the nightThere she stood in the doorway, I heard the mission bell
Then I was thinking to myself this could be Heaven or this could be Hell
Then she lit up a candle and she showed me the way
There were voices down the corridor I thought I heard them say”Welcome to the Hotel California
Such a lovely place
(Such a lovely place)
Such a lovely face
Plenty of room at the Hotel California
Any time of year
(Any time of year)
You can find it here”

Her mind is Tiffany twisted, she got the Mercedes Benz
She got a lot of pretty, pretty boys that she calls friends
How they dance in the courtyard, sweet summer sweat
Some dance to remember, some dance to forget

So I called up the captain, “Please bring me my wine”
image: http://static.urx.io/units/web/urx-unit-loader.gif
He said, “We haven’t had that spirit here since 1969”
And still those voices are calling from far away
Wake you up in the middle of the night just to hear them say

“Welcome to the Hotel California
Such a lovely place
(Such a lovely place)
Such a lovely face
They’re living it up at the Hotel California
What a nice surprise
(What a nice surprise)
Bring your alibis”

Mirrors on the ceiling, the pink champagne on ice
And she said, “We are all just prisoners here of our own device”
And in the master’s chambers they gathered for the feast
They stab it with their steely knives but they just can’t kill the beast

Last thing I remember I was running for the door
I had to find the passage back to the place I was before
“Relax,” said the night man, “We are programmed to receive
You can check out any time you like but you can never leave”

§
Su un’autostrada buia e deserta, con il vento fresco tra i capelli
un caldo profumo di colitas, si solleva nell’aria
più avanti in lontananza, vidi una luce scintillante
la mia testa divenne pesante e la mia vista si indebolì
dovetti fermarmi per la notteLei stava sulla soglia
ed io udii il campanello d’allarme
mentre pensavo tra me
‘potrebbe essere il paradiso o potrebbe essere l’inferno’
poi lei accese la candela e mi mostrò la strada
si udivano nelle voci nei corridoi
e credevo che dicessero….Benvenuto all’Hotel California
un posto così amabile
un volto così amabile
ci sono tante camere all’Hotel California
in ogni momento dell’anno puoi trovarne una

La sua mente è perversa, ha le curvature di una Mercedes
ha tanti bei ragazzi che chiama amici
danzano nel cortile, sudati per la dolce estate
alcuni danzano per ricordare, altri per dimenticare

Chiamai il Capitano,
‘Per favore, mi porti del vino’,
lui disse ‘non abbiamo quel tipo di bevanda dal 1969’
ed ancora quelle voci si facevano udire da lontano
ti svegliavano nel mezzo della notte
solo per sentirle sussurrare…

Benvenuto all’Hotel California
un posto così amabile
un volto così amabile
si stanno divertendo molto all’Hotel California
che bella sorpresa, ti porge le sue scuse

Specchi sul soffitto
champagne rosato sul ghiaccio
e lei disse ‘Noi siamo tutti prigionieri del nostro nuovo congegno’
e nella camera del padrone
si sono raccolti per il banchetto
lo trafiggono con i loro coltelli in acciaio
ma non possono uccidere la bestia

L’ultima cosa che ricordo
è che stavo correndo verso la porta
cercai il passaggio che mi riportasse indietro nel posto in cui ero prima
‘Rilassati’ disse l’uomo della notte
noi siamo programmati per ricevere
tu puoi lasciare l’albergo quando vuoi,
ma non potrai mai abbandonarci

GLENN FREY  E  DON HENLEY
 .
Annunci
Published in: on dicembre 29, 2016 at 07:37  Comments (1)  

Quanno nascette Ninno

Quanno nascette Ninno a Bettlemme
Era nott’e pareva miezo juorno.
Maje le Stelle – lustre e belle Se vedetteno accossí:
E a cchiù lucente
Jett’a chiammà li Magge all’Uriente.

De pressa se scetajeno l’aucielle
Cantanno de na forma tutta nova:
Pe ‘nsí agrille – co li strille,
E zombanno a ccà e a llà;
È nato, è nato,
Decevano, lo Dio, che nc’à criato.

Co tutto ch’era vierno, Ninno bello,
Nascetteno a migliara rose e sciure.
Pe ‘nsí o ffieno sicco e tuosto
Che fuje puosto – sott’a Te,
Se ‘nfigliulette,
E de frunnelle e sciure se vestette.

A no paese che se chiamma Ngadde,
Sciurettero le bigne e ascette l’uva.
Ninno mio sapuritiello,
Rappusciello – d’uva -sì Tu;
Ca tutt’amore
Faje doce a vocca, e po ‘mbriache o core.

No ‘nc’erano nnemmice pe la terra,
La pecora pasceva co lione;
Co’ o caprette – se vedette
O liupardo pazzeà;
L’urzo e o vitiello
E co’ lo lupo ‘npace o pecoriello.

Se rrevotaje nsomma tutt’o Munno,
Lu cielo, a terra, o mare, e tutt’i gente.
Chi dormeva – se senteva
‘Npiett’o core pazzeà
Pe la priezza;
E se sonnava pace e contentezza.

Guardavano le ppecore i Pasturi,
E n’Angelo sbrannente cchiù d’o sole
Comparette – e le dicette:
No ve spaventate no;
Contento e riso
La terra è arreventata Paraviso.

A buie è nato ogge a Bettalemme
Du Munno l’aspettato Sarvatore.
Dint’i panni o trovarrite,
Nu potite – maje sgarrà,
Arravugliato,
E dinto a lo Presebbio curcato.

A meliune l’Angiule calate
Co chiste se mettetten’a cantare:
Gloria a Dio, pace’n terra,
Nu cchiù guerra – è nato già
Lo Rre d’amore,
Che dà priezza e pace a ogni core.

Sbatteva o core mpietto a ssi Pasture;
E l’uno ‘nfaccia all’auto diceva:
Che tardammo? – Priesto, jammo,
Ca mme sento scevolí
Pe lo golfo
Che tengo de vedé sso Ninno Dio.

Zombanno, comm’a ciereve ferute,
Correttero i Pasture a la Capanna;
Là trovajeno Maria
Co Giuseppe e a Gioja mia;
E ‘n chillo Viso
Provajeno no muorzo e Paraviso.

Restajeno ‘ncantate e boccapierte
Pe tanto tiempo senza dì parola;
Po jettanno – lacremanno
Nu suspiro pe sfocà,
Da dint’o core
Cacciajeno a migliara atte d’amore.

Co a scusa de donare li presiente
Se jetteno azzeccanno chiano chiano.
Ninno no li refiutaje,
L’azzettaje – comm’a ddí,
Ca lle mettette
Le Mmane ‘n capo e li benedicette.

Piglianno confedenzia a poco a poco,
Cercajeno licenzia a la Mamma:
Se mangiajeno li Pedille
Coi vasille – mprimmo, e po
Chelle Manelle,
All’urtemo lo Musso e i Mascarielle.

Po assieme se mettetteno a sonare
E a cantà cu l’Angiule e Maria,
Co na voce – ccossí doce,
Che Gesù facette: ah aah…
E po chiudette
Chill’uocchie aggraziate e s’addormette.

La ninna che cantajeno mme pare
Ch’avette a esse chesta che mò dico.
Ma nfrattanto – o la canto,
Mmacenateve de stà
Co li Pasture
Vecíno a Ninno bello vuje pure.

“Viene suonno da lo Cielo,
Vien’e adduorme sso Nennillo;
Pe pietà, ca è peccerillo,
Viene suonno e non tardà.

Gioia bella de sto core,
Vorria suonno arreventare,
Doce, doce pe te fare
Ss’uocchie bell’addormentà.

Ma si Tu p’esser’amato
Te si fatto Bammeniello,
Sulo amore è o sonnariello
Che dormire te po fa.

Ment’è chesto può fa nonna,
Pe Te st’arma è arza e bona.
T’amo, t’a… Uh sta canzona
Già t’ha fatto addobeà!
T’amo Dio – Bello mio,
T’amo Gíoja, t’amo, t’a…

Cantanno po e sonanno li Pasture
Tornajeno a le mantre nata vota:
Ma che buò ca cchiù arrecietto
Non trovajeno int’a lu pietto:
A o caro Bene
Facevan’ ogni poco ò va e biene.

Lo ‘nfierno sulamente e i peccature
Ncocciuse comm’a isso e ostinate
Se mettetteno appaura,
Pecchè a scura – vonno stà
Li spurtegliune,
Fujenno da lo sole li briccune.

Io pure songo niro peccatore,
Ma non boglio esse cuoccio e ostinato.
Io non boglio cchiù peccare,
Voglio amare – voglio stà
Co Ninno bello
Comme nce sta lo voje e l’aseniello.

Nennillo mio, Tu si sole d’amore,
Faje luce e scarfe pure o peccatore
Quanno è tutto – niro e brutto
Comm’a pece, tanno cchiù
Lo tiene mente,
E o faje arreventà bello e sbrannente.

Ma Tu mme diciarraje ca chiagniste,
Acciò chiíagnesse pure o peccatore.
Agg o tuorto – haje fosse muorto
N’ora primmo de peccà!
Tu m’aje amato,
E io pe paga t’aggio maltrattato!

A buje, uocchie mieje, doje fontane
Avrite a fa de lagreme chiagnenno
Pe llavare – pe’ scarfare
Li pedilli di Giesù;
Chi sa pracato
Decesse: via, ca t’aggio perdonato.

Viato me si agqio sta fortuna!
Che maje pozzo cchiù desiderare?
O Maria – Speranza mia,
Ment’io chiango, prega Tu:
Penza ca pure
Si fatta Mamma de li peccature.

ALFONSO MARIA DE’ LIGUORI

Published in: on dicembre 21, 2016 at 07:47  Comments (4)  

Pensieri e parole

Che ne sai di un bambino che rubava
e soltanto nel buio giocava
e del sole che trafigge i solai, che ne sai
e di un mondo tutto chiuso in una via
e di un cinema di periferia
che ne sai della nostra ferrovia, che ne sai.
Conosci me la mia lealtà
tu sai che oggi morirei per onestà.
Conosci me il nome mio
tu sola sai se è vero o no che credo in Dio.
Che ne sai tu di un campo di grano
poesia di un amore profano
la paura d’esser preso per mano, che ne sai
l’amore mio
che ne sai di un ragazzo perbene
è roccia ormai
che mostrava tutte quante le sue pene:
e sfida il tempo e sfida il vento e tu lo sai
la mia sincerità per rubare la sua verginità,
sì tu lo sai
che ne sai.
Davanti a me c’è un’altra vita
la nostra è già finita
e nuove notti e nuovi giorni
cara vai o torni con me.
Davanti a te ci sono io
dammi forza mio Dio
o un altro uomo
chiedo adesso perdono
e nuove notti e nuovi giorni
cara non odiarmi se puoi.
Conosci me
che ne sai di un viaggio in Inghilterra
quel che darei
che ne sai di un amore israelita
perché negli altri ritrovassi gli occhi miei
di due occhi sbarrati che mi han detto bugiardo è finita.
Che ne sai di un ragazzo che ti amava
che parlava e niente sapeva
eppur quel che diceva chissà perché chissà
si tu lo sai
adesso è verità.
Davanti a me c’è un’altra vita
la nostra è già finita
e nuove notti e nuovi giorni
cara vai o torni con me.
Davanti a te ci sono io
dammi forza mio Dio
o un altro uomo
chiedo adesso perdono
e nuove notti e nuovi giorni
cara non odiarmi se puoi.

LUCIO BATTISTI  E  MOGOL

Published in: on dicembre 14, 2016 at 07:44  Comments (1)  

Resta cu’mme

Ammore…Ammore…Ammore…
Dimme tu che ll’ aggi’ ‘a di’,
dimme tu comme aggi’ ‘a fa
stasera,
dimane
pe’ ‘a fa restà…
Resta cu’ mme
pe’ carità,
statte cu’ mme
nun me lassà.
Famme penà,
famme ‘mpazzì,
famme dannà,
ma dimme si.
Moro pe’tte,
vivo pe’ tte,
vita d’ ‘a vita mia.
Nun me ‘mporta d’o passato,
nun me ‘mporta ‘e chi t’avuto,
resta cu’ mme, cu’ mme.

DOMENICO MODUGNO

Published in: on dicembre 7, 2016 at 07:34  Lascia un commento  

Monday, Monday

Monday, Monday, so good to me
Monday mornin’, it was all I hoped it would be
Oh Monday mornin’, Monday mornin’ couldn’t guarantee
That Monday evenin’ you would still be here with me

Monday, Monday, can’t trust that day
Monday, Monday, sometimes it just turns out that way
Oh Monday mornin’ you gave me no warnin’ of what was to be
Oh Monday, Monday, how could you leave and not take me

Every other day, every other day
Every other day of the week is fine, yeah
But whenever Monday comes, but whenever Monday comes
A you can find me cryin’ all of the time

Monday, Monday, so good to me
Monday mornin’, it was all I hoped it would be
But Monday mornin’, Monday mornin’ couldn’t guarantee
That Monday evenin’ you would still be here with me

Every other day, every other day
Every other day of the week is fine, yeah
But whenever Monday comes, but whenever Monday comes
A you can find me cryin’ all of the time

Monday, Monday, can’t trust that day
Monday, Monday, it just turns out that way
Oh Monday, Monday, won’t go away
Monday, Monday, it’s here to stay
Oh Monday, Monday
Oh Monday, Monday

§
Lunedi Lunedi, così buono con me,
Lunedi Lunedi, era tutto quello che ho sperato
Oh Lunedi mattina, Lunedi mattina non poteva garantire
Che Lunedi sera lei sarebbe stata ancora qui con me.

Lunedi Lunedi, non ci si può fidare di quel giorno,

Lunedi Lunedi, a volte si scopre solo in quel modo

Oh Lunedi mattina, non mi hai dato nessun avvertimento di quello che doveva essere

Oh Lunedi Lunedi, come potresti partire e non portarmi via

Ogni altro giorno, ogni altro giorno

Ogni altro giorno della settimana va bene, sì

Ma ogni volta che Lunedi arriva, ma ogni volta che arriva Lunedi

Mi puoi trovare a piangere per tutto il tempo

Lunedi Lunedi, così buono con me,
Lunedi Lunedi, era tutto quello che ho sperato
Oh Lunedi mattina, Lunedi mattina non poteva garantire
Che Lunedi sera lei sarebbe stata ancora qui con me.
Ogni altro giorno, ogni altro giorno
Ogni altro giorno della settimana va bene, sì
Ma ogni volta che Lunedi arriva, ma ogni volta che arriva Lunedi
Mi puoi trovare a piangere per tutto il tempo
Lunedi Lunedi, non ci si può fidare di quel giorno,
Lunedi Lunedi, a volte si scopre solo in quel modo

Lunedì, lunedì vorrei andar via
Lunedi Lunedi, è qui che devo stare
 .
JOHN PHILLIPS
.
Published in: on novembre 30, 2016 at 07:09  Comments (1)  

Mamma mia dammi cento lire

Mamma mia dammi cento lire
che in America voglio andar!
Cento lire io te le do
ma in America no, no, no!
Cento lire io te le do
ma in America no, no, no!

I suoi fratelli alla finestra:
Mamma mia lassela andar!
Vai, vai pure o figlia ingrata
che qualcosa succederà!
Vai, vai pure o figlia ingrata
che qualcosa succederà!

Quando furono in mezzo al mare,
il bastimento si sprofondò!
Pescatore che peschi i pesci,
la mia figlia vai tu a pescar!
Pescatore che peschi i pesci,
la mia figlia vai tu a pescar!

Il mio sangue è rosso e fino,
i pesci del mare lo beveran!
La mia carne è bianca e pura,
la balena la mangerà!
La mia carne è bianca e pura,
la balena la mangerà!

Il consiglio della mia mamma
l’era tutta la verità,
mentre quello dei miei fratelli
resta quello che m’ha ingannà!
Mentre quello dei miei fratelli
resta quello che m’ha ingannà!

Il consiglio della mia mamma
l’era tutta la verità,
mentre quello dei miei fratelli
l’è sta’ quello che m’ha ingannà!
Mentre quello dei miei fratelli
l’è sta’quello che m’ha ingannà!

Mentre quello dei miei fratelli
l’è sta’quello che m’ha ingannà!
Mentre quello dei miei fratelli
l’è sta’ quello che m’ha ingannà!

ANONIMO PIEMONTESE

Published in: on novembre 23, 2016 at 07:12  Comments (2)  

Sixteen Tons

Some people say a man is made out of mud
A poor man’s made out of muscle and blood
Muscle and blood, skin and bones…
A mind that’s weak and a back that’s strong

You load sixteen tons, and what do you get?
another day older and deeper in debt
St. Peter, don’t you call me, ‘cause I can’t go
I owe my soul to the company store

I was born one mornin’ and the sun didn’t shine
I picked up my shovel and I walked to the mine
I loaded sixteen tons of number nine coal and
the straw boss said, “well bless my soul!”
…..you loaded…

You load sixteen tons, and what do you get?
another day older and deeper in debt
St. Peter, don’t you call me, ‘cause I can’t go
I owe my soul to the company store

I was born one mornin’ it was drizzlin’ rain
fightin’ and trouble are my middle name
I was raised in a cane-brake by an old mama lion
can’t no high-toned woman make me walk no line

You load sixteen tons, and what do you get?
another day older and deeper in debt
St. Peter, don’t you call me, ‘cause I can’t go
I owe my soul to the company store

If you see me comin’, better step aside
A lot of men didn’t, a lot of men died
One fist of iron, the other of steel
If the right one don’t get you, then the left one will

You load sixteen tons, and what do you get?
another day older and deeper in debt
St. Peter, don’t you call me, ‘cause I can’t go
I owe my soul to the company store

You load sixteen tons, and what do you get?
Another day older and deeper in debt
St. Peter don’t you call me, ‘cause I can’t go
I owe my soul to the company store

§

SEDICI TONNELLATE

Sono nato una mattina che il sole non splendeva
Raccolsi una pala e me ne andai alla miniera
Caricai sedici tonnellate di carbone
E il caposquadra mi disse: “Bene, che Dio mi benedica”

Hai caricato sedici tonnellate, e cosa hai ottenuto?
Sei più vecchio di un giorno e più indebitato
San Pietro non mi chiamare perchè non posso andare
La mia anima la devo dare alla compagnia mineraria

Hai caricato sedici tonnellate, e cosa hai ottenuto?
Sei più vecchio di un giorno e più indebitato
San Pietro non mi chiamare perchè non posso andare
La mia anima la devo dare alla compagnia mineraria

Sono nato una mattina che la pioggia cadeva leggera
Di secondo nome faccio Guai e Lotta
Una vecchia leonessa mi ha cresciuto in un canneto
E non c’è donna per quanto di alto rango che mi possa far rigare dritto

Hai caricato sedici tonnellate, e cosa hai ottenuto?
Sei più vecchio di un giorno e più indebitato
San Pietro non mi chiamare perchè non posso andare
La mia anima la devo dare alla compagnia mineraria

Quando mi vedi arrivare è meglio che ti sposti
Un sacco di gente non l’ha fatto ed un sacco ne è morta
Ho un pugno di ferro, l’altro invece è di acciaio
E se non ti becco con il destro lo farò col sinistro

Hai caricato sedici tonnellate, e cosa hai ottenuto?
Sei più vecchio di un giorno e più indebitato
San Pietro non mi chiamare perchè non posso andare
La mia anima la devo dare alla compagnia mineraria

Sono nato una mattina che il sole non splendeva
Raccolsi una pala e me ne andai alla miniera
Caricai sedici tonnellate di carbone
E il caposquadra mi disse: “Bene, che Dio mi benedica”

Hai caricato sedici tonnellate, e cosa hai ottenuto?
Sei più vecchio di un giorno e più indebitato
San Pietro non mi chiamare perchè non posso andare
La mia anima la devo dare alla compagnia mineraria.

MERLE TRAVIS

 

Published in: on novembre 16, 2016 at 07:41  Comments (1)  

Lontano lontano

Lontano lontano nel tempo
qualche cosa
negli occhi di un altro
ti farà ripensare ai miei occhi
i miei occhi che t’amavano tanto
E lontano lontano nel mondo
in un sorriso
sulle labbra di un altro
troverai quella mia timidezza
per cui tu
mi prendevi un po’ in giro
E lontano lontano nel tempo
l’espressione
di un volto per caso
ti farà ricordare il mio volto
l’aria triste che tu amavi tanto
E lontano lontano nel mondo
una sera sarai con un altro
e ad un tratto
chissà come e perché
ti troverai a parlargli di me
di un amore ormai troppo lontano.

LUIGI TENCO

Published in: on novembre 9, 2016 at 07:43  Comments (1)  

Douce France

Il revient à ma mémoire
Des souvenirs familiers
Je revois ma blouse noire
Lorsque j’étais écolier
Sur le chemin de l’école
Je chantais à pleine voix
Des romances sans paroles
Vieilles chansons d’autrefois

Douce France
Cher pays de mon enfance
Bercée de tendre insouciance
Je t’ai gardée dans mon cœur!
Mon village au clocher aux maisons sages
Où les enfants de mon âge
Ont partagé mon bonheur
Oui je t’aime
Et je te donne ce poème
Oui je t’aime
Dans la joie ou la douleur
Douce France
Cher pays de mon enfance
Bercée de tendre insouciance
Je t’ai gardée dans mon cœur

J’ai connu des paysages
Et des soleils merveilleux
Au cours de lointains voyages
Tout là-bas sous d’autres cieux
Mais combien je leur préfère
Mon ciel bleu mon horizon
Ma grande route et ma rivière
Ma prairie et ma maison.

Douce France
Cher pays de mon enfance
Bercée de tendre insouciance
Je t’ai gardée dans mon cœur!
Mon village au clocher aux maisons sages
Où les enfants de mon âge
Ont partagé mon bonheur
Oui je t’aime
Et je te donne ce poème
Oui je t’aime
Dans la joie ou la douleur
Douce France
Cher pays de mon enfance
Bercée de tendre insouciance
Je t’ai gardée dans mon cœur

§

E ‘la mia memoria, ricordi familiari

Ricordo la mia camicetta nera, quando andavo a scuola

Sulla strada per la scuola, ho cantato a piena voce

Delle canzoni senza parole, le vecchie canzoni di un tempo

Dolce Francia, caro paese della mia infanzia

Cullato da tenera spensieratezza

Ti ho tenuto nel mio cuore

O mio villaggio, dal campanile e dalle quiete case

Dove i ragazzi della mia età hanno condiviso la mia felicità

Sì, ti amo e ti do questa poesia

Sì, ti voglio bene, nella gioia o dolore

Ho conosciuto paesaggi e splendidi soli

Nei lunghi viaggi, laggiù sotto altri cieli

Ma come li preferisco, il mio cielo azzurro, il mio orizzonte

La mia strada e il mio fiume, la mia casa e il mio prato

Dolce Francia, caro paese della mia infanzia

Cullato da tenera spensieratezza

Ti ho tenuto nel mio cuore

O mio villaggio, dal campanile e dalle quiete case

Dove i ragazzi della mia età hanno condiviso la mia felicità

Sì, ti amo e ti do questa poesia

Sì, ti voglio bene, nella gioia o dolore

Dolce Francia, caro paese della mia infanzia

Cullato da tenera spensieratezza

Ti ho tenuto nel mio cuore

Dolce Francia

Dolce Francia

E ‘la mia memoria, ricordi familiari

Dolce Francia

Dolce Francia

E ‘la mia memoria, ricordi familiari

 

CHARLES TRENET

Published in: on novembre 2, 2016 at 07:21  Comments (2)  

The Future

the-future
.
Give me back my broken night
my mirrored room, my secret life
it’s lonely here,
there’s no one left to torture
Give me absolute control
over every living soul
And lie beside me, baby,
that’s an order!
Give me crack and anal sex
Take the only tree that’s left
and stuff it up the hole
in your culture
Give me back the Berlin wall
give me Stalin and St Paul
I’ve seen the future, brother:
it is murder.Things are going to slide, slide in all directions
Won’t be nothing
Nothing you can measure anymore
The blizzard, the blizzard of the world
has crossed the threshold
and it has overturned
the order of the soul
When they said REPENT REPENT
I wonder what they meant
When they said REPENT REPENT
I wonder what they meant
When they said REPENT REPENT
I wonder what they meant

You don’t know me from the wind
you never will, you never did
I’m the little jew
who wrote the Bible
I’ve seen the nations rise and fall
I’ve heard their stories, heard them all
but love’s the only engine of survival
Your servant here, he has been told
to say it clear, to say it cold:
It’s over, it ain’t going
any further
And now the wheels of heaven stop
you feel the devil’s riding crop
Get ready for the future:
it is murder

Things are going to slide …

There’ll be the breaking of the ancient
western code
Your private life will suddenly explode
There’ll be phantoms
There’ll be fires on the road
and the white man dancing
You’ll see a woman
hanging upside down
her features covered by her fallen gown
and all the lousy little poets
coming round
tryin’ to sound like Charlie Manson
and the white man dancin’

Give me back the Berlin wall
Give me Stalin and St Paul
Give me Christ
or give me Hiroshima
Destroy another fetus now
We don’t like children anyhow
I’ve seen the future, baby:
it is murder

Things are going to slide …

When they said REPENT REPENT …

§

Restituiscimi le mie notti accidentate
La mia stanza riflessa, la mia vita segreta
E’ malinconico qui,
Non è rimasto nessuno da torturare
Dammi un controllo assoluto
Su ogni anima vivente
E sta dietro di me, ragazza,
Questo è un ordine!

Dammi crack e sesso anale
Accetta l’unico albero che è rimasto
E riempi con esso il vuoto
Nella tua cultura
Ridammi indietro il muro di Berlino
Dammi Stalin e san Paolo
Ho visto il futuro, fratello:
E’ omicidio.

Le cose stanno scivolando, scivolando in tutte le direzioni
Non sarà nulla
Niente che tu possa comunque valutare
La tempesta, la tempesta del mondo
Ha oltrepassato il limite
Ed ha capovolto
L’ordine dell’anima
Quando essi dissero PENTITI PENTITI
Mi chiedo cosa intendessero
Quando dicevano PENTITI PENTITI
Mi chiedo cosa intendessero
Quando dicevano PENTITI PENTITI
Mi chiedo cosa intendessero

Tu non mi conosci dall’odore
Mai lo farai, mai lo hai fatto
Io sono il piccolo ebreo
Che scrisse la Bibbia
Ho visto le nazioni crescere e cadere
Ho sentito le loro storie, sentite tutte
Ma l’amore è l’unico motore della sopravvivenza
Al tuo servitore qui, gli è stato detto
Di dirlo con freddezza,
di dirlo in maniera indifferente:
Non durerà ancora, non proseguirà oltre
Ed ora le ruote del paradiso smettono di girare
Tu senti il frustino del diavolo
Preparati per il futuro:
E’ una tortura

Le cose stanno scivolando, scivolando in tutte le direzioni
Non sarà nulla
Niente che tu possa misurare ulteriormente
La tormenta, la tormenta del mondo
Ha attraversato la soglia
Ed ha capovolto
L’ordine dell’anima
Quando essi dissero PENTITI PENTITI
Mi chiedo cosa intendessero
Quando dicevano PENTITI PENTITI
Mi chiedo cosa intendessero
Quando dicevano PENTITI PENTITI
Mi chiedo cosa intendessero

Ci sarà la dissoluzione del vecchio
Codice occidentale
La tua vita privata di colpo esploderà
Ci saranno fantasmi
Ci saranno incendi nelle strade
E l’uomo bianco danzante
Tu vedrai una donna
Appesa a testa in giù
Le sue fattezze coperte dalla sua gonna caduta
E tutti i disgustosi inetti poeti
Verranno intorno
Cercando di suonare come Charlie Manson
E l’uomo bianco danzante

Dammi indietro il muro di Berlino
Dammi Stalin e san Paolo
Dammi Cristo
O dammi Hiroshima
Distruggi un altro feto ora
Non ci piacciono i bambini ad ogni modo
Ho visto il futuro, ragazza:
Esso è una tortura

Le cose stanno scivolando, scivolando in tutte le direzioni
Non sarà nulla
Niente che tu possa misurare ulteriormente
La tormenta, la tormenta del mondo
Ha attraversato la soglia
Ed ha capovolto
L’ordine dell’anima
Quando essi dissero PENTITI PENTITI
Mi chiedo cosa intendessero
Quando dicevano PENTITI PENTITI
Mi chiedo cosa intendessero
Quando dicevano PENTITI PENTITI
Mi chiedo cosa intendessero

 .
LEONARD COHEN
 .
Published in: on ottobre 26, 2016 at 07:00  Lascia un commento