Clocks

The lights go out and I can’t be saved
Tides that I tried to swim against
Have brought me down upon my knees
Oh I beg, I beg and plead, singing

Come out of the things unsaid
Shoot an apple off my head and a
Trouble that can’t be named
A tiger’s waiting to be tamed, singing

You are, you are

Confusion that never stops
The closing walls and the ticking clocks gonna
Come back and take you home
I could not stop, that you now know, singing

Come out upon my seas
Cursed missed opportunities am I
A part of the cure
Or am I part of the disease, singing

You are, you are
You are, you are
You are, you are

And nothing else compares
And nothing else compares
And nothing else compares

You are, you are

Home, home, where I wanted to go
Home, home, where I wanted to go
Home, home, where I wanted to go (You are)
Home, home, where I wanted to go (You are)

.

§
 .
OROLOGI
 .
Le luci se ne vanno e non posso essere salvato
Le maree contro cui provo a nuotare
Mi hanno portato giù in ginocchio
Oh supplico, supplico e prego cantando
Vieni fuori dalle cose non dette
Spara via una mela dalla mia testa e un
Problema che non può essere nominato
Una tigre sta aspettando di essere addomesticata
Tu sei, tu sei
Confusione che non si ferma mai
I muri che si chiudono e gli orologi che ticchettano,
son dovuto tornare indietro e ti ho portato a casa
non ho potuto fermarmi dal dirti quel che tu adesso sai cantando
Vieni fuori sui miei mari
Maledette opportunità perse, sono io
Una parte della cura
O sono parte della malattia cantando
Tu sei, tu sei
Niente di comparabile
Tu sei casa,
la casa in cui volevo andare
.
CHRIS MARTIN
 .
Annunci
Published in: on febbraio 11, 2016 at 07:09  Comments (1)