Una carezza in un pugno

A mezzanotte sai
che io ti penserò
ovunque tu sarai, sei mia
e stringerò il cuscino fra le braccia
mentre cercherò il tuo viso
che splendido nell’ombra apparirà
mi sembrerà di cogliere
una stella in mezzo al ciel,
così tu non sarai lontano
quando brillerai nella mia mano.
Ma non vorrei che tu
a mezzanotte e tre,
stai già pensando a un altro uomo.
Mi sento già sperduto
e la mia mano
dove prima tu brillavi,
è diventata un pugno chiuso, sai.
Cattivo come adesso
non lo sono stato mai,
e quando mezzanotte viene,
se davvero mi vuoi bene,
pensami mezz’ora almeno,
e dal pugno chiuso
una carezza nascerà.
E stringerò il cuscino fra le braccia
mentre cercherò il tuo viso
che splendido nell’ombra apparirà.
Ma non vorrei che tu
a mezzanotte e tre,
stai già pensando a un altro uomo.
Mi sento già sperduto
e la mia mano
dove prima tu brillavi,
è diventata un pugno chiuso, sai.
Cattivo come adesso
non lo sono stato mai,
e quando mezzanotte viene,
se davvero mi vuoi bene,
pensami mezz’ora almeno,
e dal pugno chiuso
una carezza nascerà.

LUCIANO BERETTA  E MIKI DEL PRETE

Annunci
Published in: on agosto 24, 2016 at 06:53  Lascia un commento  

Bang bang

Bang bang

Mi ricordo quando noi
eravamo due bambini
e puntavamo le pistole
dai cavalli a dondolo

Bang, bang io sparo a te
bang, bang tu spari a me
bang, bang e vincerà
bang, bang chi al cuore colpirà

Son passati gli anni e poi
noi ci siamo innamorati
correvamo per i prati
tu scherzavi insieme a me

Bang, bang per ridere
bang, bang sparavi a me
bang, bang e vincerà
bang, bang chi al cuore colpirà

Certo non scherzavi tu
quando mi sparavi al cuor
nel mirar non sbagliavi mai
prova a negare se tu puoi

Ora non mi ami più
ed ho sentito un colpo al cuore
quando mi hai detto che
non vuoi stare più con me

Bang, bang e resto qui
bang, bang a piangere
bang, bang hai vinto tu
bang, bang il cuore non l’ho più

Quando vedo intorno a me
che i bambini giocano
e poi fingon di sparare
come mi si stringe il cuor

Bang, bang rivedo te
bang, bang che spari a me
bang, bang quel suono sai
bang, bang non lo scorderò mai

ALESSANDRO COLOMBINI  E  MIKI DEL PRETE

§

Bang bang you shot me down
Bang bang I hit the ground
Bang bang that awful sound
Bang bang my baby shot me down

I was five and you were six
We rode on horses made of sticks I wore black you wore white
You would always win the fight

Bang bang you shot me down
Bang bang I hit the ground
Bang bang that awful sound
Bang bang my baby shot me down

Seasons came and changed the time
I grew up I called you mine
You would always laugh and say
Remember when we used to play

Bang bang you shot me down
Bang bang I hit the ground
Bang bang that awful sound
Bang bang my baby shot me down

Music played and people sang
Just for me the church bells rang
After echoes from a gun
We both vowed that we’d be one

Now you’re gone I don’t know why
Sometimes I cry
You didn’t say goodbye
You didn’t take the time to lie

Bang bang you shot me down
Bang bang I hit the ground
Bang bang that awful sound
Bang bang my baby shot me down

SONNY BONO

Published in: on agosto 1, 2016 at 07:35  Comments (1)