Contrasti

Scorre la vita
e non aspetta:

nemmeno quando ci sbatti contro
e tutto si ferma.

O mentre tu assapori ignaro
il gusto dell’essenza, c’è
 chi come Paolo
           -muore-
 senza una ragione ben precisa.

Fiocchi d’amaranto piovono
sulla neve ancora fresca …
sa di nuovo l’acciaio al polso
            senza vita.

Beatrice Zanini

Published in: on novembre 20, 2011 at 07:16  Comments (8)  
Tags: , , , , , , , , ,

Controvento

Fior d’amaranto
ti scrivo mentre canto controvento
sul mare di S. Angelo: che incanto!

Sandro Sermenghi

Published in: on maggio 5, 2011 at 07:24  Comments (6)  
Tags: , , , ,

‘O culore d’e pparole

Quant’è bello ‘o culore d’e pparole
e che festa addiventa nu foglietto,
nu piezzo ‘e carta –
nu’ importa si è stracciato
e po’ azzeccato –
e si è tutto ngialluto
p’ ‘a vecchiaia,
che fa?
che te ne mporta?
Addeventa na festa
si ‘e pparole
ca porta scritte
so’ state scigliute
a ssicond’ ‘o culore d’ ‘e pparole.
Tu liegge
e vide ‘o blù
vide ‘o cceleste
vide ‘o russagno
‘o vverde
‘o ppavunazzo,
te vene sotto all’uocchie ll’amaranto
si chillo c’ha scigliuto
canusceva
‘a faccia
‘a voce
e ll’uocchie ‘e nu tramonto.
Chillo ca sceglie,
si nun sceglie buono,
se mmescano ‘e culore d’ ‘e pparole.
E che succede?
Na mmescanfresca
‘e migliar’ ‘e parole,
tutte eguale
e d’ ‘o stesso culore:
grigio scuro.
Nun siente ‘o mare,
e ‘o mare parla,
dice.
Nun parla ‘o cielo,
e ‘o cielo è pparlatore.
‘A funtana nun mena.
‘O viento more.
Si sbatte nu balcone,
nun ‘o siente.
‘O friddo se cunfonne c’ ‘o calore
e ‘a gente parla cumme fosse muta.

E chisto è ‘o punto:
manco nu pittore
po’ scegliere ‘o culore d’ ‘e pparole.

§

Quant’è bello il colore delle parole,
e che festa diventa un foglietto,
un pezzo di carta –
non importa se è stracciato
e poi riattaccato –
e se è tutto ingiallito
per la vecchiaia,
che fa?
che te ne importa?
Diventa una festa,
se le parole
che porta scritte
sono state scelte
secondo il colore delle parole.
Tu leggi
E vedi il blu
Vedi il celeste
Vedi il rossiccio
Il verde
Il paonazzo,
ti viene sotto gli occhi l’amaranto
se chi ha scelto
conosceva
la faccia
la voce
e gli occhi di un tramonto.
Se chi sceglie,
non sceglie bene,
si mischiano i colori delle parole.
E che succede?
Una confusione
di migliaia di parole,
tutte uguali
e dello stesso colore:
grigio scuro.
Non senti il mare,
eppure il mare parla,
dice.
Non parla il cielo,
eppure il cielo è parlatore.
La fontana  inaridisce.
Il vento muore.
Se sbatte un balcone,
non lo senti.
Il freddo si confonde con il calore
e la gente parla come fosse muta.
E questo è il problema:
nemmeno un pittore
può scegliere il colore delle parole.

EDUARDO DE FILIPPO

Andrò a rivedere la collina


Andrò a rivedere la collina
prestar le curve ed un suo fianco
al solito capriccio del mio mare
prima d’esser lui invaghito a mille
di un nuovissimo e lento tramonto.
Andrò a rivederla dileguarsi
nel primo arrendersi del liso giorno
che consegnandosi al suo dio tempo
da verde a nera la fa diventare
così che con la notte io la confonda.
Questi occhi distrarrò nell’amaranto
d’antico cielo tutto riversato
nell’ultima pretesa di quel sole
che pur morendo nell’ingenuo inganno
vuol dare vita al replicar del mare.

Aurelio Zucchi

Published in: on maggio 22, 2010 at 07:12  Comments (6)  
Tags: , , , , , , , , , , , , , , , ,