Schermo

Guardo lo schermo azzurro
scorro con gli occhi quelle frasi scritte con il cuore.
sono come un dolce profumo,
inebriano il cuore con parole dolci,
con dolori struggenti
di ricordi lontani.
Amori vissuti il tempo di un sospiro,
amori prigionieri del tempo che mai
saranno dimenticati

Gianna Faraon

Published in: on giugno 19, 2012 at 07:24  Comments (2)  
Tags: , , , , , , , , ,

Fantasmi

Ti ho vista velata e sola
alla trattoria dell’amore
dove non c’era nessuno.

Nella trattoria dell’amore
dove anch’io ero assente,
dove tutti erano assenti,
gli amori, i sentimenti,
le albe albine
e i tramonti di melograno,
i fiori della beltà e le rose,
quelle che ancora nessuno conosceva.

Nella trattoria dell’amore
provenienti dalla via Lattea
orde affamate di Angeli
si incontravano
e incrociavano i loro scudi
trasparenti
in un fracasso divino
dove io non riuscivo neppure a pregare.

Nella trattoria dell’amore
nessuno mangiava
perchè il cibo era assente
ma avevano tutti la pancia piena
tronfia di ire e di sfide
che diavoli vermigli provocavano
cantando di miserie e di orrori.

Una madonna sconosciuta
intonava nenie e litanie
ai suoi bambini
che la deridevano
perchè latte ella  non avea
ma sangue nero e amaro
arrivato dal grembo sverginato
della terra
e piangevano.

Nella trattoria dell’amore
tutti presenti e tutti assenti
ora
facevano festa
perchè nella strada fangosa
erano apparsi i giullari
che mangiavano a crepapelle
gli avanzi e gli avanzi
di tutti gli avanzi del mondo
e promettevano anche agli Angeli
una vita migliore.

Nella  trattoria dell’amore
ormai c’era tutto
mancava solo l’aria e il fuoco
Alla fine anch’io ero stanco
e affamato.
Non vedevo più niente
mentre l’oste, pingue e allegro,
ci invitava per la cena.

Gavino Puggioni

Pasqua di Resurrezione

PASCUA DE RESURRECCIÓN

Mirad: el arco de la vida traza
el iris sobre el campo que verdea.
Buscad vuestros amores, doncellitas,
donde brota la fuente de la piedra.
En donde el agua ríe y sueña y pasa,
allí el romance del amor se cuenta.
¿No han de mirar un día, en vuestros brazos,
atónitos, el sol de primavera,
ojos que vienen a la luz cerrados,
y que al partirse de la vida ciegan?
¿No beberán un día en vuestros senos
los que mañana labrarán la tierra?
¡Oh, celebrad este domingo claro,
madrecitas en flor, vuestras entrañas nuevas!.
Gozad esta sonrisa de vuestra ruda madre.
Ya sus hermosos nidos habitan las cigüeñas,
y escriben en las torres sus blancos garabatos.
Como esmeraldas lucen los musgos de las peñas.
Entre los robles muerden
los negros toros la menuda hierba,
y el pastor que apacienta los merinos
su pardo sayo en la montaña deja.

§

Guardate:  l’arco della vita traccia

l’iride sul campo che inverdisce.

Cercate i vostri amori, donzelle,

dove germoglia la fonte della pietra.

Dove l’acqua ride e sogna e passa,

lì il romanzo d’amore si racconta.

Non devono guardare un giorno, nelle vostre braccia,

attonite, il sole di primavera,

occhi che vengono chiusi alla luce della vita,

e se ne partono ciechi ?

Non berranno un giorno nei vostri seni

quelli che domani coltiveranno la terra?

Oh, celebrate questa domenica chiara,

mamme in fiore, le vostre viscere nuove!.

Godete questo sorriso di vostra dura madre.

Già i loro bei nidi abitano le cicogne,

e scrivono nelle torri i loro bianchi scarabocchi.

Come smeraldi brillano i muschi delle rocce.

Tra i roveri mordono i neri tori la minuta erba,

ed il pastore che pascola i merini

lascia la sua bruna casacca alla montagna

 

ANTONIO MACHADO Y RUIZ

Donne e mimose

 
Come la donna all’uomo
che dà l’amore, così
tu sbocci generosa
fiore giallo come il sole
perché di esso ti colori.
Ti spandi  donna
come  grani al sole
come acque al mare
forte e gloriosa
sostieni terre, e
germogli amori
Tu mimosa donna
del tuo avvenire sei.

Rosy Giglio

Published in: on marzo 8, 2012 at 07:17  Comments (14)  
Tags: , , , , , , , , , , ,

Schermo

Guardo lo schermo azzurro
scorro con gli occhi quelle frasi scritte con il cuore.
sono come un dolce profumo,
inebriano il cuore con parole dolci,
con dolori struggenti
di ricordi lontani.
Amori vissuti il tempo di un sospiro,
amori prigionieri del tempo che mai
saranno dimenticati

Gianna Faraon

Published in: on febbraio 29, 2012 at 07:34  Comments (6)  
Tags: , , , , , , , , , ,

Magari domani

Volesse il cielo in un futuro
certo che mi farebbe piacere
fare un po’ di baccano

Svegliare tutti gli amori addormentati
e osservarli abbracciarsi
senza alcun fine
se non l’amore di cui son fatti

Intravederli poi salpare
dal porto dove son nati
per arrivare in mezzo al mare
ed affogare il tempo che …..

che son stati lontani

E poi la notte non più quella nera
e stanca la solitudine
solo un ricordo

e di quel fiore secco
che è rimasto
si chiuda il diario delle pene

Sicuro di vederli
finalmente
come stelle brillare

Pierluigi Ciolini

Published in: on febbraio 12, 2012 at 07:15  Comments (7)  
Tags: , , , , , , , , , , , , , , , ,

Coimbra

Coimbra do Choupal
Ainda és capital
Do amor em Portugal
Ainda!
Coimbra
Onde uma vez
Com lágrimas, se fez
A história dessa Inês
Tão linda!
Coimbra das canções
Tão meigas
Que nos pões
Os nossos corações
A luz!
Coimbra dos doutores
Pra nós, os teus cantores,
A Fonte dos Amores
Ės tu !
Coimbra é uma lição
De sonho e tradição
O lente é uma canção
E a lua a Faculdade…
O livro é uma mulher
Só passa quem souber…
E aprende-se a dizer: Saudade!

Coimbra di Choupal
è ancora capitale
dell’amore in Portogallo
Ancora!
Coimbra
dove una volta
con le lacrime
si fece la storia di Inès
così bella!
Coimbra dalle canzoni così dolci
che illumini i nostri cuori
Coimbra dei dottori
per noi i tuoi cantori
la fonte degli amori
sei tu!
Coimbra é una lezione
di sogno e tradizione
La lente è una canzone
e la luna una Facoltà
Il libro è una donna
chi passa la conosce…
e impara a dire: nostalgia!

JOSÉ GALHARDO       (musica di Raul Ferrão)

Con Fido in te

 
Solo è Vento.
Sfiora volti
di genti, trafugando
alle gote tepore,
strappando loro
mute carezze.
.
Solo è Pensiero,
che scrive,
e s’imbusta
si lecca
e s’invia
al proprio indirizzo,
per poi fingersi lieto
nel potersi decantare
quei suoi falsi amori
.
Non è solo, Cane
l’accompagna
fido l’istinto, lui sa.
Sa ululare la Luna.
Sa,
il valore spolpato
dell’ osso
.
Solo è uomo,
stolido,
iroso,
rugoso
rigido
ramarro
arroccato.
Che vive di vento,
e che lecca i mille francobolli
e non sa cantare la Luna.
Che non sa essere,
Cane.
Non sa.

Flavio Zago

Published in: on gennaio 15, 2012 at 07:23  Comments (8)  
Tags: , , , , , , , , , , , , , , ,

Sono andati

tutti i mei amori
dal piccolo caramellato
Giorgio che rideva
dal dolore
a te sorella di canto
che volevi sentire le mani
o tu principessa di parole
che aspettavi il sole
o voi amici
scappati dentro
un fiume
o tu madre vera
e tu madre egualmente
e tu amore doppio e triplo
tutti sono andati

nel mio cuore
e là li trovo.

Tinti Baldini

Published in: on gennaio 15, 2012 at 06:58  Comments (17)  
Tags: , , , , , , , , , , , , ,

Amo

Amo la libertà
di scelta
di decisione, d’intuizione
Amo l’ identità
Amo la giustizia
Amo l’amicizia

Amo quando bussa sera
lucerna della luna
Amo l’orizzonte
dove si fa fonte
viva
l’anima
sgorgo di salvezza

Amo tenerezza
gentilezza
i miei intensi sensi
Amo amori densi
Cuori
immensi

Amo
virtù verità
Amo dignità
sobrietà nei sorrisi

Amo fiordalisi
nelle sfaccettature
Amo vite dure
mani callose
giardini di rose

Amo finezza
Amo stoltezza
Amo il sacco pieno e
quello vuoto
Amo il moto e nuoto
amando.
(scusate se ho scritto “Amo” troppe volte
questa è la mia sorte…)

Aurelia Tieghi