Mi domando se abbia un senso il mio ricordare

 
Mi domando se abbia un senso il mio ricordare
scandagliare i fondali della memoria
fra apparizioni fantastiche di piante e animali
ora sfuggenti ora persistenti affascinanti o orrorifici
.
isolata come un palombaro nel suo scafandro
le profondità oceaniche dell’inconscio
non sono il mio elemento e ho bisogno
di supporti protettivi per tenermi in vita
.
mi domando se questo sia morire
l’andare a ritroso a rivedere i già vissuti
momenti cristallizzati
.
aggirarmi fra alghe e coralli
anemoni di ogni colore e cavalli marini
e non sentire l’acqua sul viso
sulla pelle o fra i capelli
.
essere l’elemento estraneo che osserva
l’ossigeno aspirato dal boccaglio
il suono del mio unico respiro
a guardare fiori fra i relitti
.
mi domando se questo sia invecchiare

azzurrabianca

Estasi

L’amore è…
inaridito,
soffocato,
represso

L’antica volontà
non osta…
il sentimento,
il desiderio,
la voglia…
del donarsi

Le brevi,
fugaci apparizioni
conclamano
la brama eterea
dello sprigionarsi
la frenesia …
dei sensi

L’animo gentile
è travolto…
e soggiogato
dall’impeto naturale…
dell’umano rapporto

Ciro Germano

Published in: on febbraio 8, 2012 at 07:06  Comments (7)  
Tags: , , , , , , , , , , ,