Dalla ferrovia

 
In questo…
mattino stupendo
colmato dall’azzurro
del cielo assaporo
i  profumi d’un tempo
Rivedo…
la gente distesa, e sopita,
i bagnanti che
s’avviano al mare
col loro soffuso vociare
Le barche all’ormeggio
nelle acque quieti
ed il treno…
che passa sinuoso
col  fischio armonioso
tra il mare e le case
I bianco/rosa oleandri
attaccati alle mura,
e  della fontanella,
il gioco continuo
dello zampillo
Un quadro finito
dai tanti colori
da immortalare su tela…
da un valente pittore

Ciro Germano

Fratello

Ci porta, il vento, serafiche imposture:
montagne così brevi di mano
che noialtri, ci sembra d’esser stati su un treno
nottetempo
dormiti come certi soldati senza odio
tra le città che cambia il dialetto
stesse madri
sull’uscio con le scagne di paglia.

Certe nebbie
ormai ce le raccontano i padri
dì, fratello
te le ricordi quelle serate appiccicose?
Sembrava che le strade spugnassero i colori
e come barche a melma di prora
poi s’andava
a sparigliarsi giacca e gambali.
Siamo terra, ce lo ricorda il modo
con cui affrontiamo il passo
la meraviglia dentro negli occhi
a un campo arato,
il gusto di tenere dell’erba tra le mani.

Ma siamo tutta terra viaggiante
siamo mare
lo stomaco che prende difetto
siamo umore; due mani aperte a tutto che viene.
Si, fratello
dovessimo affrontare una scena a muso duro
tu tireresti come quel vecchio
e io quel pesce;
il gioco della vita e la morte
una balera
un pianto o una giornata di scuola.
E poi, più niente.
Terrazze, forse, dove scaldarci ossa e pane
guardare le bagnanti tornare
e farci belli.

Massimo Botturi