Se prima non termina il viaggio

 
 
 
Se
prima
non termina il viaggio,
la nòia,  precipuo sènso
di trepidi oggi, non c’è più,
ma  stanchezza battaglia coraggio
o viltà.
.
So
di esser
vile, non mi annoio, mi stanco,
ammirando bellezze di Sogno.
Irreale la vita di sempre
è male tristezza, bisogna guardarsi
d’intorno.
.
Al
risveglio,
la pelle, pendente al mio collo,
rupìta da’ solchi rugosi, profondi,
marcati,  segnano fronte spaziosa,
e improntano gli occhi
di zampe.
.
E
la testa,
capo con radi capelli, di grigio
canuto, tremante, amètrope, mentre
il ventre, gonfiato cascante adiposo, 
partécipa  totale al biorìtmo
del viaggio.
.
La
continua illusione,
creata dal sogno, giovinezza
di onirico verbo dormo…
Apro gli occhi invecchiati. Lucido
alfine sveglio scorgo la pista.
Finita…
.
Un
viaggio di nome
partenza tornata:  in esso
ritrovo la fonte, la lama di Luce
dall’Ombre. Sgregato mi fondo
nell’Altra come avevo sperato.
Per sempre.

Paolo Santangelo

Annunci

Mi batteva il cuore; svelto, a cavallo!

ES SCHLUG MEIN HERZ; GESCHWIND ZU PFERDE!

Es schlug mein Herz; geschwind zu Pferde!
Und fort! wild, wie ein Held zur Schlacht.
Der Abend wiegte schon die Erde,
Und an den Bergen hing die Nacht;
Schon stund im Nebelkleid die Eiche
Wie ein getürmter Riese da,
Wo Finsternis aus dem Gesträuche
Mit hundert schwarzen Augen sah.

Der Mond von einem Wolkenhügel
Sah schläfrig aus dem Duft hervor;
Die Winde schwangen leise Flügel,
Umsausten schauerlich mein Ohr;
Die Nacht schuf tausend Ungeheuer;
Doch tausendfacher war mein Mut;
Mein Geist war ein verzehrend Feuer,
Mein ganzes Herz zerfloß in Glut.

Ich sah dich, und die milde Freude
Floß aus dem süßen Blick auf mich.
Ganz war mein Herz an deiner Seite,
Und jeder Atemzug für dich.
Ein rosafarbes Frühlingswetter
Lag auf dem lieblichen Gesicht,
Und Zärtlichkeit für mich, ihr Götter!
Ich hofft es, ich verdient es nicht.

Der Abschied, wie bedrängt, wie trübe!
Aus deinen Blicken sprach dein Herz.
In deinen Küssen welche Liebe,
O welche Wonne, welcher Schmerz!
Du gingst, ich stund und sah zur Erden,
Und sah dir nach mit nassem Blick;
Und doch, welch Glück! geliebt zu werden,
Und lieben, Götter, welch ein Glück!

§

Mi batteva il cuore; svelto, a cavallo!
E via! Con l’impeto dell’eroe in battaglia.
La sera cullava già la terra,
e sui monti si posava la notte;
se ne stava vestita di nebbia la quercia,
gigantesca guardiana, là
dove la tenebre dai cespugli
con cento occhi neri guardava.

Da un cumulo di nubi la luna
sbucava assonnata tra le nebbie;
i venti agitavano le ali sommesse,
sibilavano orridi al mio orecchio;
la notte generava migliaia di mostri,
ma io mille volte più coraggio avevo;
il mio spirito era un fuoco ardente,
il mio cuore intero una brace.

Ti vidi, e una mite gioia
passò dal tuo dolce sguardo su di me;
fu tutto per te il mio cuore,
fu tuo ogni mio respiro.
Una rosea primavera
colorava l’adorabile volto,
e tenerezza per me, o numi,
m’attendevo, ma meriti non avevo.

L’addio, invece, mesto e penoso.
Dai tuoi occhi parlava il cuore;
nei tuoi baci quanto amore,
oh che delizia, e che dolore!
Partisti, e io restai, guardando a terra,
guardando te che andavi, con umido sguardo;
eppure, che gioia essere amati,
e amare, o numi, che gioia!

JOHANN WOLFGANG VON GOETHE

La luna è un fermacapelli

 
La luna è un fermacapelli e il mondo gira,
.
sulla strada
è una battaglia
di vetri
.
inutili rossetti
si increspano
sui volti
.
il vento fischia
le sue canzoni
specialmente
agli ubriachi
.
il mare
è una coperta
tagliata dalle prue
dei suicidi
.
sassi di lana
colpiscono il fuoco
.
divampa la notte
l’omertà delle stelle
 
la luna è un fermacapelli e il mondo gira
la luna è un fermacapelli e il mondo gira
sono stracci
con volti da uomini
la luna è un fermacapelli
le porte delle chiese
non hanno pietà
e il mondo gira…
 
filastrocche abbruttite dalla pietra avvizzita
storie di follia, di parrucchieri gesticolanti
di teste brillantinate che suonano vuote
di party con l’obbligo di ridere
ed il divieto di sudare…
 
la luna è un fermacapelli e il mondo gira
la luna è un fermacapelli e il mondo gira
la luna è un fermacapelli e il mondo gira
non ne hai avuto abbastanza?

Massimo Pastore

Versi aurei

VERS DORÉS

L’art ne veut point de pleurs et ne transige pas,
Voilà ma poétique en deux mots : elle est faite
De beaucoup de mépris pour l’homme et de combats
Contre l’amour criard et contre l’ennui bête.

Je sais qu’il faut souffrir pour monter à ce faîte
Et que la côte est rude à regarder d’en bas.
Je le sais, et je sais aussi que maint poète
A trop étroits les reins ou les poumons trop gras.

Aussi ceux-là sont grands, en dépit de l’envie,
Qui, dans l’âpre bataille ayant vaincu la vie
Et s’étant affranchis du joug des passions,

Tandis que le rêveur végète comme un arbre
Et que s’agitent, – tas plaintif, – les nations,
Se recueillent dans un égoïsme de marbre.

§

L’arte non vuole lacrime e non transige,
ecco in due parole la mia poetica: è fatta
di grande disprezzo per l’uomo e di lotte
contro l’amore stridulo e la stupida noia.

So che bisogna penare per ascender la vetta
e la salita è ripida a guardarla dal basso.
Lo so, e so anche che molti poeti
hanno spalle troppo strette o polmoni fiacchi.

Così sono grandi coloro che, a dispetto dell’invidia,
avendo vinto la vita nell’aspra battaglia
ed ormai liberi dal giogo delle passioni,

mentre come un albero vegeta il sognatore
e si agitano – lamentoso ammasso – le nazioni,
si raccolgono in un egoismo di marmo.

PAUL VERLAINE

Zirudella della Vaccamatta

ZIRUDÈLA DLA VACAMATA

 
Zirudèla a una fantèsma
d’editåur ch’l’um fa vgnîr l’èsma,
gnint recâpit o letûr,
abunè, baiûc e unûr!
Diretåur Gino Duprè
ch’l’é ardupè in mèz dla strè,
Cló ch’al scrîv sta Vacamata
(ch’ai trarêv una zavâta!)
ló as firmé Banmodabån
e sunâi, ste gran minciån,
Pannadóca e infén Filfrén
tant ch’am véns un mèz smalvén;
pò con Lèctor e Mike Hatt’
l’um fé avrîr al rubinàtt!
Diziunèri e lîber rèr
a druvé par dezifrèr,
par risòlver gl’insgunbiè
e al mesâg’ tótt quant zifrè!
In ajût am vens la Lidia
Lanzarén, che trè l’aczîdia
– s’êren vésst la sîra prémma
pr una zanna can la rémma –
l’am lasé in segreterî
d’avàir dscuért la gióssta vî!
Zirca egli óng’ i êren dla sîra
quand curiåus pió d na braghîra
cminzipié la ciacarè
cun la Lidia, tante inpgnè
int l’arspàndrum ai quisît,
ch’la dscurèva quant dîs prît!
Dapp pió ed trantanôv minûd
am scapé dû trî stranûd
e gli uràcc’ infuganté
svélt la Lidia a ringrazié.
Pò am fiché int la cultûra
e a zarché int la spartûra,
in cantéina int i scatlón
dovv a téggn i lîber bón,
in campâgna ai Prè ed Cavrèra
da mi ziéina pêrla rèra,
par truvèr un alfabêt
ch’s’arvi§éss al quèsi grêc
adruvè int la Vacamata
dal furbàtt ch’al crûv la pgnâta.
Guèrda e zàirca quand eurèca,
bvûda adèsi una ciuféca,
al conpiùter a pensé
e a quî dl’Enel al taché!
Dantr a un mócc’ ed scarabâtel
dapp a Uórd, Fàil e Carâter
zónt in Sìmbol l’um fó cèr
che al furmànt l’era in granèr:
“Int al vèsper dal dsnôv d mâz,
quand s’avséina l’ùltum râz,
Cló l’arîva intànt ch’ai pâsa,
dnanz a la Madòna Grâsa,
ed San Lócca la Madòna
ch’pôrta piôva ed aria bôna!”
E a la Lidia ed Lanzarén,
masstra ed cinno grand e cén,
che dal grêc l’avé l’idéa
i é da fèri… un’epopéa!
Quand fó vèner dsdòt ed mâz
am sintèva mât cme un sdâz:
bôna nôva, mé a pinsé,
parché zêrt, arêv zurè,
l’Ebdromedèri é arivè!
zà int la pòsta andé d vulè
e int na bóssta pajaréina
i era al “Fói” ed chèrta féina,
mo int la pàgina secånda
n’i era brîsa gnanc un’ånda
dal mesâg’ tótt quant zifrè
che mé asptèva! E acsé intignè
l’indmàn sîra in Saragoza
dnanz ala Madóna Grâsa
drétt smagnåus a srêv andè
pr incuntrèr… l’Innuminè!
Mai dîr gât s t an l’è int al sâc,
e al progèt l’andé a tarsâc,
parché al sâbet la mi amråusa,
che mé ai fîl par fèrla spåusa
fén da quand fónn in America
dantr a Disni in teleférica,
la mi amràusa quand l’um vdé
biånda e sacca la cmandé:
“Al Salån dal Pass Zelèst,
môvet, svélt, ch’al n’é pió prèst!”
A cal pónt l’um fó inpusébbil
cgnósser cl’Èser Invi§ébbil
haccatìtipi://Bim.tu/
vacamata – ch’i én pió ed dû? –
che in bulgnàis al fà la gâta
e al mitrêv “só par la râta”,
e ch’al dscårr d Bonzi e Biancån
cm’ed Rufén, Pzôl e zambån;
dla batâglia dal Primèr
ed Gîg Longhi al marinèr,
dal “spziarî” ed Nén Marcàtt
o ed Zarvlè nostr architàtt;
pò ed Nasìca détt Majàn
cme d’Ermete, Tstån e Uriàn,
ed Gandåulf ch’l’avèva al Cåurs
e dla Flèvia dla vî dl’Åurs!
Dal teàter pr al dialàtt
Cló as fà un trésst mègher quadràtt;
dla prunónzia ed zért atûr,
di chepcómic e di autûr,
Cló as in dîs d tótt i culûr:
a san pròpi armès al bûr!
Un mazlèr o un chepstaziån,
Gianni o Ànzel, cal “Sdundlån”,
Adri o Elio cal “Maicàtt”:
mo chi él ste “Fapugnàtt”?
Él Carpàn cantànt bagiàn,
o él Tén barzlatta in man?
Fôrsi é Sandro opûr Vidèl,
o un sugèt ed S. Rafèl?
Mo s’al fóss Lîvra Gigèn
Cló ch’l’ha l’èpis birichén?
Oh! i é un grâs tåurd ch’l’ûrla e al zîrla,
dånca qué l’é åura ed finîrla!
Zért ai é di èter scritûr
in bulgnài§, str’al cèr e al bûr,
mo quall ch’vèl l’é avàir na vétta,
col conpiùter só in sufétta
o nés pr aria in strè Mazåur,
in dialàtt e con dl’amåur!
Pò ed Budri in Piaza bèla
toc e dài la zirudèla!
 

§

Zirudella a una fantasma
d’editore che mi fa venir l’asma,
niente recapito o lettori,
abbonati, soldi e onori!
Direttore Gino Delprato
ch’è nascosto in mezzo alla strada,
Colui che scrive sta Vaccamatta
(che gli tirerei una ciabatta!)
lui si firmò Benmadavvero
e scemo, sto gran minchione,
Pennadoca e Fildiferrino
tanto che mi venne un mezzo malore;
poi con Lector e Michele Cappellaio
mi fece aprire il rubinetto!
Dizionari e libri rari
consultai per decifrare,
per risolver le incrociate
e il messaggio tutto cifrato!
In soccorso mi venne la Lidia
Lanzarini, che gettata l’accidia
– c’eravam visti la sera prima
per una cena con la rima –
mi lasciò in segreteria
d’aver scoperto la giusta via!
Circa le undici eran di sera
quando curioso più d’una pettegola
cominciai la chiacchierata
con la Lidia, tanto impegnata
nel rispondermi ai quesiti,
che parlava quanto dieci preti!
Dopo oltre trentanove minuti
mi scapparno due tre sternuti
e con le orecchie infuocate
svelto la Lidia ringraziai.
Poi mi misi nella cultura
e cercai dentro la madia,
in cantina negli scatoloni
dove tengo i libri buoni,
in campagna ai Prati di Caprara
da mia zia donna preclara,
per trovare un alfabeto
che rassomigliasse al quasi greco
adoperato nella Vaccamatta
dal furbetto che sta in camuffa.
Guarda e cerca quando eureka,
bevuta adagio una ciofeca,
al computer io pensai
e a quelli dell’Enel lo attaccai!
Dentro a un mucchio di carabàttole
dopo Word, File e Caratteri
giunto in Symbol mi fu chiaro
che avevo trovato la soluzione:
“Al vespro del 19 maggio,
quando s’avvicina l’ultimo raggio,
Colui arriva mentre passa,
davanti alla Madonna Grassa,
di San Luca la Madonna
che porta pioggia ed aria buona!”
E alla Lidia Lanzarini,
maestra di bimbi grandi e piccini,
che del greco ebbe l’idea
c’è da farle… un’epopea!
Quando fu venerdì 18 maggio
mi sentivo matto come un setaccio:
buona nuova, io pensai,
perché certo, avrei giurato,
l’Ebdromedario è arrivato!
Giù nella posta andai di volata
e in una busta paglierina
c’era il “Foglio” di carta fine,
ma nella pagina seconda
non c’era neanche un’onda
del messaggio tutto cifrato
che io aspettavo! Ed irritato
l’indomani sera in Saragozza
dinanzi alla Madonna Grassa
dritto agitato sarei andato
per incontrare… l’Innominato!
Mai dir gatto se non l’hai nel sacco,
e il progetto andò a catafascio,
perché il sabato la mia amorosa,
che io filo per averla sposa
fin da quando fummo in America
dentro a Disney in teleferica,
la mia amorosa quando mi vide
bionda e secca comandò:
“Al Salone del Pesce Azzurro,
muoviti, svelto, che non è più presto!”
A quel punto mi fu impossibile
conoscere quell’Essere Invisibile
http://Beam.to/
vacamatta – che sono più di due? –
che in bolognese sta sornione
e lo metterei “su per la salita”,
che discorre di Bonzi e Bianconi
come di Ruffini, Pezzoli e Zamboni
della battaglia del Primaro
di Luigi Longhi il marinaro,
delle “spezie” di Nino Marchetti
o di Cervellati nostro architetto;
poi di Nasìca detto Majani
come d’Ermete, Testoni e Oriani,
di Gandolfi che aveva il Corso
e della Flavia di via dell’Orso.
Del teatro per il dialetto
Colui ci fa un triste magro quadretto;
della pronuncia di certi attori,
dei capocomici e degli autori,
Colui ce ne dice di tutti i colori:
siamo proprio rimasti al buio!
Un macellaio o un capostazione,
Gianni o Angelo, quel “Perdigiorno”,
Adri o Elio il “Villanello”:
ma chi è questo “Prendingiro”?
È Carpani cantante baggiano,
o è Tino barzelletta in mano?
Forse è Sandro oppur Vitali,
o è un tipo di S. Ruffillo?
Ma se fosse Lepri Luigino
Colui che ha il lapis birichino?
Oh! c’è un grasso tordo che urla e zirla,
dunque qui è or di finirla!
Certo ci sono degli altri scrittori
in bolognese, sull’imbrunire,
ma ciò che vale è avere una vita,
col computer su in soffitta
o naso per aria in strada Maggiore,
in dialetto e con dell’amore!
Poi di Budrio in Piazza bella
toc e dai la zirudella!
 

Sandro Sermenghi

Published in: on febbraio 10, 2012 at 07:10  Comments (2)  
Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Cattiva me

 
 
Cattiva me
Sempre un passo indietro
Sospesa ma non in volo
Cuore di burro di sole
Di riso e acqua di mare
Così simile al sapore delle lacrime
Dolore di una ferita aperta malamente ricucita.
.
Cattiva me
Così sola dimenticata
Dalla mia stessa storia
Piena di Nomi
In fila come croci
Cimitero di guerra
E nemmeno una battaglia persa in fondo.
.
Cattiva me
Cosa mi manca
Per essere meno stanca
E colorare anche il cielo più nero
Ed essere contenta
Di tutte le parole di scorta
Che ho ancora nell’anima
Rea confessa e assolta
Cattiva me.

Maria Attanasio

A capofitto nell’anno bisestile 2012

A CUFÉTT INT L ÂN BISÈST 2012

A vòi fèr al girundlån
e a infåurc un vaird insónni
cme s’la fóss un’aventûra
mé ch’a viâz da pió d vént ân
in stra mèz ala Poesî,
e a m i fécc con dsinvultûra!
Ai n’é tanti, dòn e òmen,
ch’viâzen trésst in sti mumént
ch’i én in câsa o i van zarcànd
la cadäina sfrutadåura
d fèr di tûren nòt e dé,
ch’vrénn andèr con la famajja
in muntâgna al mèr o ai sí
mo ch’ai tåcca d cuntintères
d’un uvén cån dû radécc’!
Bän, nuèter bî bulgnîs,
par l’amèra congiuntûra
s cuntintän pr al Bån Nadèl
ed pluchèr vèci parnîs,
pò andèr zå pr i ûltum pirû
dl’Ân ch’finéss sänza surîs!
Acsé entrarän con tant’angósstia
in cl antepâtic Ân Bisèst
pr’inizièr na vétta nòva:
gnínta scónt a tótt i lêrz
speranzû§ ed psair rubèr
cómm i an fât in fén adès!
Sänpr in èlt i én i Povêta
con la forza sovrumèna
ch’i an i Pûr: Vîva l Amåur,
tótt al månd al se dsdarà
e sugnànd pió giósst turtlén
fôrsi… la batâglia al vinzarà!

§

Voglio fare il giramondo
e inforco un verde sogno
come se fosse un’avventura
io che viaggio da oltre vent’anni
sempre in mezzo alla Poesia,
e mi ci ficco con disinvoltura!
Ce ne son tanti, donne e uomini,
che viaggiano tristi in questi momenti
in cassa integrazione o van cercando
la catena di montaggio
per fare turni notte e giorno,
che andrebbero con la famiglia
in montagna al mare o sugli sci
ma che devono accontentarsi
d’un ovino con due radicchi!
Bene, noi bei bolognesi,
per l’amara congiuntura
ci accontentiamo per il Buon Natale
di leccare vecchie pernici,
poi scendere gli ultimi gradini
dell’Anno che finisce senza sorrisi!
Così entreremo con tant’angustia
in quell’antipatico Anno Bisestile
per iniziare vita nuova:
niente sconti a tutti i lerci
speranzosi di poter rubare
come han fatto fino adesso!
Sempre in alto sono i Poeti
con la forza sovrumana
che hanno i Puri: Viva l’Amore,
tutto il mondo si sveglierà
e sognando più giusti tortellini
forse… la battaglia vincerà!

Sandro Sermenghi

La guerra di Piero

Dormi sepolto in un campo di grano
non è la rosa non è il tulipano
che ti fan veglia dall’ombra dei fossi
ma son mille papaveri rossi

lungo le sponde del mio torrente
voglio che scendano i lucci argentati
non più i cadaveri dei soldati
portati in braccio dalla corrente

così dicevi ed era inverno
e come gli altri verso l’inferno
te ne vai triste come chi deve
il vento ti sputa in faccia la neve

fermati Piero , fermati adesso
lascia che il vento ti passi un po’ addosso
dei morti in battaglia ti porti la voce
chi diede la vita ebbe in cambio una croce

ma tu non lo udisti e il tempo passava
con le stagioni a passo di giava
ed arrivasti a varcar la frontiera
in un bel giorno di primavera

e mentre marciavi con l’anima in spalle
vedesti un uomo in fondo alla valle
che aveva il tuo stesso identico umore
ma la divisa di un altro colore

sparagli Piero , sparagli ora
e dopo un colpo sparagli ancora
fino a che tu non lo vedrai esangue
cadere in terra a coprire il suo sangue

e se gli sparo in fronte o nel cuore
soltanto il tempo avrà per morire
ma il tempo a me resterà per vedere
vedere gli occhi di un uomo che muore

e mentre gli usi questa premura
quello si volta , ti vede e ha paura
ed imbraccia l’artiglieria
non ti ricambia la cortesia

cadesti in terra senza un lamento
e ti accorgesti in un solo momento
che il tempo non ti sarebbe bastato
a chiedere perdono per ogni peccato

cadesti interra senza un lamento
e ti accorgesti in un solo momento
che la tua vita finiva quel giorno
e non ci sarebbe stato un ritorno

Ninetta mia crepare di maggio
ci vuole tanto troppo coraggio
Ninetta bella dritto all’inferno
avrei preferito andarci in inverno

e mentre il grano ti stava a sentire
dentro alle mani stringevi un fucile
dentro alla bocca stringevi parole
troppo gelate per sciogliersi al sole

dormi sepolto in un campo di grano
non è la rosa non è il tulipano
che ti fan veglia dall’ombra dei fossi
ma sono mille papaveri rossi.

FABRIZIO DE ANDRÉ

NON È INVINCIBILE

La mafia non è affatto invincibile; è un fatto umano e come tutti i fatti umani ha un inizio e avrà anche una fine. Piuttosto, bisogna rendersi conto che si può vincere non pretendendo l’eroismo da inermi cittadini, ma impegnando in questa battaglia tutte le forze migliori delle istituzioni.

GIOVANNI FALCONE

Natale de guerra

Ammalappena che s’è fatto giorno

la prima luce è entrata ne la stalla

e er Bambinello s’è guardato intorno.

– Che freddo, mamma mia! Chi m’aripara?

Che freddo, mamma mia! Chi m’ariscalla?

– Fijo, la legna è diventata rara

e costa troppo cara pè compralla…

– E l’asinello mio dov’è finito?

– Trasporta la mitraja

sur campo de battaja: è requisito.

– Er bove? – Pure quello…

fu mannato ar macello.

– Ma li Re Maggi arriveno? – E’ impossibbile

perchè nun c’è la stella che li guida;

la stella nun vò uscì: poco se fida

pè paura de quarche diriggibbile…-

Er Bambinello ha chiesto:- Indove stanno

tutti li campagnoli che l’antr’anno

portaveno la robba ne la grotta?

Nun c’è neppuro un sacco de polenta,

nemmanco una frocella de ricotta…

– Fijo, li campagnoli stanno in guerra,

tutti ar campo e combatteno. La mano

che seminava er grano

e che serviva pè vangà la tera

adesso viè addoprata unicamente per ammazzà la gente…

Guarda, laggiù, li lampi

de li bombardamenti!

Li senti, Dio ce scampi,

li quattrocentoventi

che spaccheno li campi?-

Ner dì così la Madre der Signore

s’è stretta er Fijo ar core

e s’è asciugata l’occhi cò le fasce.

Una lagrima amara pè chi nasce,

una lagrima dorce pè chi more…

TRILUSSA