Bologna

Bologna è una vecchia signora dai fianchi un po’ molli
col seno sul piano padano ed il culo sui colli,
Bologna arrogante e papale, Bologna la rossa e fetale,
Bologna la grassa e l’ umana già un poco Romagna e in odor di Toscana…

Bologna per me provinciale Parigi minore:
mercati all’ aperto, bistrots, della “rive gauche” l’ odore
con Sartre che pontificava, Baudelaire fra l’ assenzio cantava
ed io, modenese volgare, a sudarmi un amore, fosse pure ancillare.

Però che Bohème confortevole giocata fra casa e osterie
quando a ogni bicchiere rimbalzano le filosofie…
Oh quanto eravamo poetici, ma senza pudore e paura
e i vecchi “imberiaghi” sembravano la letteratura…
Oh quanto eravam tutti artistici, ma senza pudore o vergogna
cullati fra i portici cosce di mamma Bologna…

Bologna è una donna emiliana di zigomo forte,
Bologna capace d’ amore, capace di morte,
che sa quel che conta e che vale, che sa dov’ è il sugo del sale,
che calcola il giusto la vita e che sa stare in piedi per quanto colpita…

Bologna è una ricca signora che fu contadina:
benessere, ville, gioielli… e salami in vetrina,
che sa che l’ odor di miseria da mandare giù è cosa seria
e vuole sentirsi sicura con quello che ha addosso, perchè sa la paura.

Lo sprechi il tuo odor di benessere però con lo strano binomio
dei morti per sogni davanti al tuo Santo Petronio
e i tuoi bolognesi, se esistono, ci sono od ormai si son persi
confusi e legati a migliaia di mondi diversi?
Oh quante parole ti cantano, cullando i cliché della gente,
cantando canzoni che è come cantare di niente…

Bologna è una strana signora, volgare matrona,
Bologna bambina per bene, Bologna “busona”,
Bologna ombelico di tutto, mi spingi a un singhiozzo e ad un rutto,
rimorso per quel che m’ hai dato, che è quasi ricordo, e in odor di passato…

FRANCESCO GUCCINI

Fard

Fuoco d’artificio
disidratato
dalle mie stesse ossa;
si muove
tra balli d’aria invisibile;
pesantezza nell’oblìo di un fard
creato per abbellire,
per nascondere
per evidenziare,
far della mia ombra
la mia ricercatezza
dell’esser pura.
Tutto sfuma. Tutto tace
tra la sua polvere cristallina…
nei vari echi
di essermi pervasa dentro
come in una prigionìa.
In forza – in fragilità
in esser semplicemente io:
donna e uomo
asessuati di sola essenza…

Glò

Published in: on novembre 4, 2011 at 07:33  Comments (3)  
Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Io ne ho ancora

Non posso                                                                                                                                                                                                                                               immaginarmi                                                                                                                                                                                                                                                               un popolo senza casa,                                                                                                                                                                                                                                     eppure io vedo                                                                                                                                                                                                                                                        ogni giorno                                                                                                                                                                                                                                                              come vagano senza meta,                                                                                                                                                                                                                                 come dei disperati                                                                                                                                                                                                                                             cercano radici e cose                                                                                                                                                                                                                                             che dovrebbero dare un senso alla loro vita.                                                                                                                                                                                         Povero uomo bianco                                                                                                                                                                                                                                            nella tua violenza                                                                                                                                                                                                                                                      nel tuo splendore                                                                                                                                                                                                                                                         in tutto il tuo benessere                                                                                                                                                                                                                                          hai perduto la tua eredità                                                                                                                                                                                                                                      ora tu vuoi la mia                                                                                                                                                                                                                                                 allora prendila,                                                                                                                                                                                                                                                            io ne ho ancora.

JOHN TWOBIRDS ARBUCKLE   (poeta Navajo)

Spot

Immagini
dentro schermi
saccenti.
Echi d’acquisto
equipaggiati
di castelli,
mulini,
madri volanti,
padri sorridenti,
figli sguazzanti
in favole di pane
o di biscotti
senza toccare mai
la fragilità
di un guscio fresco
tra calli
teneri di fatiche,
senza specchiarsi mai
nella perla di un sudore
sopra occhi
di chi ha visto scorrere
anni di progresso
poi affacciati
alla rovina
di genuinità
sotto l’età
del sole stanco
… … …
Cosa conosce
l’anima di un bambino
se non una corsa
accerchiata
dal (finto) benessere
filastroccato?
Solo il voler avere
tra segmenti pindarici
della pretesa.

Glò