Davanti alla Villa


Mulino di Parisio, via Toscana
vie dell’infanzia
e di giorni speciali
marchiati a fuoco.
Mille-Miglia
era un gioco alzarsi all’alba
poi aggrappata al collo di mio padre
aspettare che il rombo dei motori
nato là, oltre il mistero della curva
tuonasse fino a rimbalzarmi in petto.
Ruggenti belve
che schizzavano grigie e polverose
tra due selve di folla.
Ecco la Maserati, la più attesa
ecco un pezzo del cuore di Bologna!
Ecco Taruffi!
e Nuvolari, senza più la coda e lo schienale
rimasti in un tornante d’Appennino.
Ecco gli eroi!
Tutti mio padre li riconosceva
aveva respirato insieme a loro
quel profumo di olio e di benzina
nella fabbrica là sul Pontevecchio
e sugli asfalti.
Io, con lui, annusavo quella polvere
e gioivo, e tremavo
come tremavano i vetri delle case
lì sulla strada, davanti alla Villa.
Vie Toscana, Parisio
teatro dei miei giochi a nascondino
dietro il canale
tra i sacchi del Mulino.

Viviana Santandrea

Il carnevale continua

Carnevale è passato, ma i nostri amici poeti sono prolifici ed entusiasti, ed hanno ancora in serbo sorprese per allietarci con le loro composizioni giocose che  inneggiano all’allegria ed al buonumore. Ci fa piacere pubblicare comunque i loro lavori, nonostante questo sia un periodo di quaresima (da intendersi in tutti i sensi… purtroppo), ma non sempre è possibile, soprattutto per motivi di spazio.  Le nostre pagine, anche per motivi tipografici, mal si adattano ad ospitare poesie molto lunghe o brevi poemetti, che obbligherebbero il lettore ad una faticosa rincorsa dei versi perdendo magari il filo, il significato e la bellezza complessiva dei testi. E’ per questo motivo, tanto per intenderci, che non vedrete mai pubblicati sul Cantiere nè  “Le bateau ivre” nè i “Sepolcri”!  Sarebbe comunque un peccato penalizzare per motivi di lunghezza chi ha composto brani di più largo respiro e li vuole proporre ai nostri amici. E’ questo il caso del poemetto carnascialesco del nostro Sandrèn, un divertente e divertito monologo d’autore che ha per protagonista (e chi altri se no?) la maschera comica per eccellenza della sua Bologna, il dottor Balanzone. Per dare la possibilità a tutti di gustarlo nella sua interezza abbiamo pensato di inserire qui un link per indirizzarvi alla pagina web che ospita la sua composizione. E’ un esperimento che potremo ripetere anche con altri lavori che per motivi di spazio non possono essere direttamente pubblicati sulle pagine del nostro sito.  Complimentandomi con l’autore per il suo consueto spirito sagace e la sua vulcanica fantasia vi auguro una buona lettura!

Il Cantiere

Ecco il link:

BALANZUNE’ (BALANZONATA) di Sandro Sermenghi

http://docs.google.com/View?id=df5dp7k3_0fb62chfw


Quac, quac, zirudèla dl’ucaréna

 
.
Zirudèla pr’una strèla
ed stasîra in caruzèla,
qué cminzéppia col tetrâstic
al våul fîg e zért fantâstic
 
d mé ch’av cant sta bèla fôla,
ch’l’à un intäns prufómm ed viôla,
d’un pinén e d’na furmîga
ch’i zughèven int na dîga,
d’òt cavrón e d’una måssca
ch’i sbrufèven dl’aqua fråssca,
e dla zant ch’i êrn ed pasâg’
ch’s’fèven fèr quatôrg’ masâg’.
 
In stasîra l’é la fèsta
d’un cagnàtt cun mòsa lèsta
ch’al sulîva la ganbéina
par brindèr a un’anadréina,
afianchè da un purzèl grâs
con un’aria da gradâs
ch’al s’pipàja un mèz tuscàn
e int el man al strécca un mlån.
 
Lé d’av§én pâsa un fuglèr
bûr ch’al s dà un gran da fèr
par pluchèr dantr int un fòs
sèt radécc’, trî âi e un òs:
ló puvrén l’é un’ânma in panna,
sanza laggna gnint da zanna,
ló l’ha såul sî poesî
e quarantasèt busî.
 
Drî a un cantån i é chi s’invänta
nôv sunétt e una carsänta
e int al fiómm piånba a cufétt
par studièr ong’ palafétt,
mäntr’ai pâsa un grâs francbåll
rôsa grånchi che un piståll
a s’al guèrda, cånpra e mîra
ed San Làzar a la Fîra.
 
I én mirâbil dû aquedótt
che dal vén i n han par tótt,
e int al fèr benefizänza
i guaréssn al mèl ed panza
ch’l’à ciapè un zåuvn inglais
che my God, cun del pretais,
l’é arivè qué zà a Bulåggna
par studièr la maila dåggna.
 
A sbindlón sta un calendèri
che viazànd int un armèri
al s’acôrz d’avàir finé
i tarsantssantazénc dé,
e ardupè sta un presidänt
che pr avàir gratè acsé tant
ló canbièr al vrêv Naziån
parché al s trôva in depresiån.
 
Pò incrusànd un bèl tumåur
ch’al s’avanza traditåur
e al culpéss, brótt asasén,
òultr’al guêrz anc al pió cén,
spónta svêlt un zâl gerâni,
squilibrè in zémma a un crâni,
ch’al va in gîr in biziclatta
con zenq zvatt e una barzlatta.
 
I é parfén la mâfia scuénzia
che in Itaglia à méss la sgrénfia
e l’acåppa d’inuzént,
che ai ciapéss dîs azidént!
Coi sû amîg ed tangentòpoli
mé ai mitrêv int na tendòpoli
a vanghèr cun dågg’ milòrd
tótt i giåz dal Polo Nòrd.
 
L’é pre§anta anc la fantèsma,
che col pólline ai vén l’èsma,
ch’la va spâs al dåpp-mezdé
a cunprèr prêt-à-porter
par piasàir a un Livruttén
e a tótt quant i limalén
che in curîra o in fånd a un fiåur
i s la sguåzzn e i fan l’amåur.
 
Só int al zîl våula una fójja
che cun l’aqua la s’inmójja
parché l’à dscurdè l’unbrèla
chez d n’amîga raganèla
ch’fèva in aria dsdòt castî,
mêz da séder mêz da in pî,
cun tragg’ gât e una galéina
e una nóvvla in naftaléina.
 
E a la fén ed st’elzevîr,
ch’l’é trascåurs int un suspîr,
i é inpruvîs un râz ed lóuna
che infilànd al bûs dla cróuna
l’intravàdd, cm’é Adam, Carpàn
a carpón såura un lanpiån
a la zàirca dl’Ucaréina
par premièr int l’aria féina
 
d Bûdri, ed nòt, sta bagatèla
che l’arlûs cunpâgn na strèla:
tant salût da mî surèla,
toch e dai la zirudèla!
 

§

.
QUAC, QUAC,  ZIRUDELLA DELL’OCARINA
.
 
 
Zirudella per una stella
di stasera in carrozzella,
qui comincia col tetrastico
il volo figo e certo fantastico
 
di me che vi canto sta bella fola
che ha un intenso profumo di viola,
d’un bambino e d’una formica
che giocavano in una diga,
d’otto caproni e d’una mosca
che sbruffavano dell’acqua fresca
e della gente ch’era di passaggio
che si faceva fare quattordici massaggi.
 
Questa sera è la festa
d’un cagnetto con mossa lesta
che solleva la gambina
per brindare a un’anatrina,
affiancato da un porcello grasso
con un’aria da gradasso
che si pipacchia un mezzo toscano
e nelle mani stringe un melone.
 
Lì vicino passa un focolare
buio che si dà un gran daffare
per piluccare dentro a un fosso
sette radicchi, tre agli e un osso:
lui poverino è un’anima in pena,
senza legna niente da cena,
lui ha solo sei poesie
e quarantasette bugie.
 
Dietro a un cantone c’è chi s’inventa
nove sonetti e una crescente
e nel fiume piomba a capofitto
per studiare undici palafitte,
mentre passa un grasso francobollo
rosa gronchi(o) che un pistola
se lo guarda, compra e mira
di San Lazzaro alla Fiera.
 
Son mirabili due acquedotti
che del vino ne hanno per tutti,
e nel fare beneficenza
guariscono il male di panza
che ha colpito un giovine inglese
che mio Dio, con delle pretese,
è arrivato qua giù a Bologna
per studiare la mela cotogna.
 
Penzoloni sta un calendario
che viaggiando in un armario
si accorge di aver finito
i trecentosessantacinque giorni,
e nascosto sta un presidente
che per aver grattato così tanto
lui vorrebbe cambiar Nazione
perché si trova in depressione.
 
Poi incrociando un bel tumore
che s’avanza traditore
e colpisce, brutto assassino,
oltre al guercio anche il più piccino,
spunta lesto un giallo geranio,
squilibrato in cima a un cranio,
che va in giro in bicicletta
con cinque civette e una barzelletta.
 
C’è perfin la mafia sporca e maligna
che in Italia ha messo la sgrinfia
ed accoppa degli innocenti,
che le arrivasser dieci accidenti!
Coi suoi amici di tangentopoli
li metterei in una tendopoli
a vangare con dodici milord
tutti i ghiacci del Polo Nord.
 
È presente anche la fantasma,
che col polline le viene l’asma,
che va spesso nel pomeriggio
a comprare fini abiti preconfezionati
per piacere a un Leprottino
e a tutti quanti gli animalini
che in corriera o in fondo a un fiore
se la sguazzano e fanno l’amore.
 
Su nel cielo vola una foglia
che con la pioggia si immolla
perché ha scordato l’ombrella
a casa d’un’amica raganella
che faceva in aria diciotto castelli,
mezza seduta e mezza in piedi,
con tredici gatti e una gallina
e una nuvola in naftalina.
 
E alla fine di questo elzeviro,
che è trascorso in un sospiro,
c’è improvviso un raggio di luna
che infilando il buco della cruna
intravede, com’è Adamo, Carpani
carponi sopra un lampione
alla cerca dell’Ocarina
per premiare nell’aria fina
 
di Budrio, di notte, sta bagattella
che luccica come una stella:
tanti saluti da mia sorella,
tocc e dai la zirudella!
 

Sandro Sermenghi

Una zirudella (a volte anche cirudella), in dialetto bolognese zirudèla, è un caratteristico componimento umoristico dialettale tipico della provincia di Bologna (e parzialmente diffuso anche nel ferrarese e nel modenese). Lo spirito delle zirudelle è affine agli stornelli, ma la struttura tipica è ben caratterizzata da versi ottonari con rima baciata, suddivisi in quartine, che iniziavano con la parola zirudèla e si concludevano con espressioni ripetitive come toc-e-dâi la zirudèla oppure tic e tac la zirudèla, spesso con accompagnamento musicale.   [da Wikipedia]

Published in: on dicembre 3, 2009 at 07:05  Comments (2)  
Tags: , , , ,

Permettete questo tango?

Il nostro caro amico Sandro Sermenghi ci ha dato notizia di un interessante evento che si terrà il 23 novembre a Bologna.  Si tratta di uno spettacolo di poesia e musica che, avendo per tema la passione,   non poteva che svilupparsi sulle note del tango argentino. Sono invitati tutti ad intervenire,  bolognesi e non,  gli amici poeti o anche i semplici appassionati e gli amanti della buona musica. Questa è la locandina dello spettacolo con tutte le informazioni utili:

Chi l’ha detto che i poeti sono tristi e noiosi, e non amano la buona compagnia?

Published in: on novembre 18, 2009 at 18:18  Comments (5)  
Tags: , , ,

L’utilitè dal Latén

Tavolo di libri
 
 
Dû trî ân fà
a inbianché la cà
e só e źå par la scalatta
e fnèster avérti par fèr sughèr i mûr
e corr a cunprèr al bianc
e i butiglién di culûr fôrsi parché
un po’ d vardulén ai sta bän
t’al sè
cal bianc cand al se spórca sóbbit
o chisà l’é méi un pô d naigher
acsé ai vén un avòri
ch’al reśésst de pió.
E spósta tótt i môbil
e tîra ed zà e spenź ed là
che un quelc pà
prémma o pò se stiancarà…
sé sé sé l’é pròpi finé acsé!
ha ha haaaaa!
al pà stanc dnànz dla casapânca
qualla ch’l’é péńna ed poveśì
dåpp pió d quarantân d sarvézzi onorè
śnarvè da zintunèra d galerî
l’ha źdó
al s é stianchè int na luśnè
e patapumfete santa palatta
totti äl mi poveśî
i éren là in tèra śgunbiè.
E alåura cun gran pazénzia
arcói fói dåpp a fói
sistéma incôsa mo
ala fén am amanchèva un pà!
Pänsa e ripänsa fén a quand
eureca!
con quâter lîber ed latén
ch’avèva lé a purtè ed man
(ón dal Pecio e dla Giancarla)
ai ho arméss in pî la situaziån:
dóvv as capéss benéssum…
l’utilitè dla cultûra!

§

L’UTILITÀ  DEL  LATINO

Due tre anni fa
imbiancai la casa
e su e giù per la scaletta
e finestre aperte per far asciugare i muri
e corri a comprare il bianco
e i bottiglini dei colori forse perché
un po’ di verdolino ci sta bene
tu lo sai
quel bianco candido si sporca subito
o chissà è meglio un po’ di nero
così ci viene un avorio
che resiste di più.
E sposta tutti i mobili
e tira di qua e spingi di là
che un qualche piede
prima o poi si romperà…
sì sì sì è propio finita così!
ha ha haaaaa!
il piede stanco davanti della cassapanca
quella ch’è piena di poesie
dopo più di quarant’anni di servizio onorato
sfibrato da centinaia di gallerie
ha ceduto
s’è rotto in un fulmine
e patapumfete santa paletta
tutte le mie poesie
erano là in terra scompigliate.
E allora con gran pazienza
raccogli foglio dopo foglio
sistema tutto ma
alla fine mi mancava un piede!
Pensa e ripensa fino a quando
eureka!
con quattro libri di latino
che avevo lì a portata di mano
(uno del Pecio e della Giancarla)
ho rimesso in piedi la situazione:
dove si capisce benissimo…
l’utilità della cultura!

Sandro Sermenghi

Published in: on novembre 16, 2009 at 08:08  Comments (2)  
Tags: , , , , ,

Quadràtt ed dòna

 Spazio
  Zéi såurazéi e bisbéi,
tatt calzàtt e canzunàtt,
rímmel fard rusàtt e un tango
i én ed Dòna un bel quadràtt:
pò drî a cla taila as nascånd…
un côr ch’l’é pió grand dal månd!
 Ritratto
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
RITRATTO DI DONNA
 
Ciglia sopracciglia bisbigli,
tette calzette canzonette,
rímmel fard e un rossetto e un tango
sono di Donna un bel quadretto:
poi la tela dietro nasconde…
un cuor ch’è più grande del mondo!
 

 Sandro Sermenghi

Published in: on novembre 13, 2009 at 08:48  Comments (3)  
Tags: , , , , ,