Mani

Cambio metodo, sai?
Impavida e spavalda
tra suoni d’aria
in correnti viaggiatrici
onoro la mia difesa
perdonandomi dalle colpe
inflitte solo da me stessa.
 
E’ sempre così.
 
Mi strazio ramificata
in estensioni di pensiero
che poi diventa vita mia
         in conchiglia
               in tana
forse in egoismo opportuno.
 
Mi tocco in forme
d’energia fluente
-ora-
cospirata da galleggianti
matasse roventi
da sbucciare
poi…
nella gestualità
    dello specchiarmi
mi si sgrana un corpo
di pelle rassicurata
da una nuova primavera.
 
Frenetico, rispettoso.
 
Caloroso nella freddezza
impiccato a metà
d’una negazione
da inventare…
per una nuova bugia illusoria
da raccontare.
 
Efficace?
No. Se la pelle lasciata
per strada non emana
quel po’ di vero
che sa fare piccola differenza
nella gestualità
d’accoglimento
del diverso

Glò

Quello che le donne non dicono

Ci fanno compagnia certe lettere d’amore
parole che restano con noi,
e non andiamo via
ma nascondiamo del dolore
che scivola, lo sentiremo poi,
abbiamo troppa fantasia, e se diciamo una bugia
è una mancata verità che prima o poi succederà
cambia il vento ma noi no
e se ci trasformiamo un po’
è per la voglia di piacere a chi c’è già o potrà arrivare a stare con noi,
siamo così
è difficile spiegare
certe giornate amare, lascia stare, tanto ci potrai trovare qui,
con le nostre notti bianche,
ma non saremo stanche neanche quando ti diremo ancora un altro “si”.
In fretta vanno via della giornate senza fine,
silenzi che familiarità,
e lasciano una scia le frasi da bambine
che tornano, ma chi le ascolterà…
E dalle macchine per noi
i complimenti dei playboy
ma non li sentiamo più
se c’è chi non ce li fa più
cambia il vento ma noi no
e se ci confondiamo un po’
è per la voglia di capire chi non riesce più a parlare
ancora con noi.
Siamo così, dolcemente complicate,
sempre più emozionate, delicate,
ma potrai trovarci ancora quì
nelle sere tempestose
portaci delle rose
nuove cose
e ti diremo ancora un altro “si”,
è difficile spiegare
certe giornate amare, lascia stare, tanto ci potrai trovare qui,
con le nostre notti bianche,
ma non saremo stanche neanche quando ti diremo ancora un altro “si”

ENRICO RUGGERI

La sera dei miracoli

È la sera dei miracoli fai attenzione
qualcuno nei vicoli di Roma
con la bocca fa a pezzi una canzone.
È la sera dei cani che parlano tra di loro
della luna che sta per cadere
e la gente corre nelle piazze per andare a vedere
questa sera così dolce che si potrebbe bere
da passare in centomila in uno stadio
una sera così strana e profonda che lo dice anche la radio
anzi la manda in onda
tanto nera da sporcare le lenzuola.
È l’ora dei miracoli che mi confonde
mi sembra di sentire il rumore di una nave sulle onde.
Si muove la città con le piazze e i giardini e la gente nei bar
galleggia e se ne va, anche senza corrente camminerà
ma questa sera vola, le sue vele sulle case sono mille lenzuola.
Ci sono anche i delinquenti
non bisogna avere paura ma soltanto stare un poco attenti.
A due a due gli innamorati
sciolgono le vele come i pirati
e in mezzo a questo mare cercherò di scoprire quale stella sei
perché mi perderei se dovessi capire che stanotte non ci sei.
È la notte dei miracoli fai attenzione
qualcuno nei vicoli di Roma
ha scritto una canzone.
Lontano una luce diventa sempre più grande
nella notte che sta per finire
e la nave che fa ritorno,
per portarci a dormire.

LUCIO DALLA           (1943-2012)

…Mentivano

Mentivano
di dolci parole
gli sguardi
arroccati nel tempo
dei ricordi.

: cicale cicaleggiavano all’estate

Mentivano
gelidi (di morte)
soavi sequenze
d’anime spente
a rincorrerli invano.

: per una bugia ritrovata
quante smarrite verità?

Chiedevano
alla luna.

Silvano Conti

Published in: on novembre 25, 2011 at 07:12  Comments (4)  
Tags: , , , , , , , , , , ,

Se i sogni sono bugie

meglio mentire…..

Ho perso di vista me stessa
il mio ruolo non so bene
qual è…
Tra le rovine
di una casa non mia
ascolto il rumore
d’una ferrovia….
Immagino i treni
che passavano lenti,
vecchi binari
fatti di stenti,
carrozze scrostate
che storie raccontan,
eco di voci
pianti di donna…
Sulle rotaie
vecchia ferraglia
traccio una retta,
forse una sfida,
che mi conduca
e non mi divida
dalla bugia
che m’ha ridato la vita!

Beatrice Zanini

Published in: on ottobre 8, 2011 at 07:20  Comments (3)  
Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Inseguire ciò che mi sfugge

 
Inseguire ciò che mi sfugge
fra quello che dici selezionare
cosa nascosto sotto parole
si percepisce nel tono
o quando smette un attimo
la voce capire che lì
in quel non detto è tutto
ciò per cui mi hai chiamata
.
ma oggi è un altro giorno
e il passato è una bugia
cui non presta fede
il tuo presente ha altro
e non mi sente
.
bugie le tue promesse di ieri
non c’è più
un domani certo per noi
non mi dai concretezza
ti affidi alle condizioni del tempo
.
e io vorrei solo urlare
questa solitudine
in cui mi ha cacciata la tua distanza
e ritrovare
quando stavo bene con me
quando stavo
senza te
.
ma il cuore sussulta impazzisce
appena trova la tua voce
a dire qualunque cosa
senza importanza mi fa ballare
e impazzire il respiro
ogni tua parola mi tiene sospesa
oltre i confini terreni
e arresa dico sì a tutto
e mi scordo del brutto
.
e sogno di essere con te
le tue braccia mi cingono
nel silenzio di prima
dove non hai detto
dove non ti ho detto
.
guardo fuori i voli colorati delle ghiandaie
solo loro mi sono fedeli
si posa una coppia sull’albero bruno
a loro solo sono fedele
.
e il telefono tace
nessuno mi chiama
non cerco nessuno
solo riuscire ad avere un pianto
solo piangere nel mattino
se restano nudi e vuoti
gli alberi scheletriti dell’inverno

azzurrabianca

Russians

In Europe and America, there’s a growing feeling of hysteria
Conditioned to respond to all the threats
In the rhetorical speeches of the Soviets
Mr. Krushchev said we will bury you
I don’t subscribe to this point of view
It would be such an ignorant thing to do
If the Russians love their children too

How can I save my little boy from Oppenheimer’s deadly toy
There is no monopoly in common sense
On either side of the political fence
We share the same biology
Regardless of ideology
Believe me when I say to you
I hope the Russians love their children too

There is no historical precedent
To put the words in the mouth of the President
There’s no such thing as a winnable war
It’s a lie we don’t believe anymore
Mr. Reagan says we will protect you
I don’t subscribe to this point of view
Believe me when I say to you
I hope the Russians love their children too

We share the same biology
Regardless of ideology
What might save us, me, and you
Is if the Russians love their children too

§

In Europa e in America c’è un crescendo d’isteria
Condizionato in risposta alle minacce
Dei retorici discorsi dei Sovietici
Il sig. Krushev ha detto vogliamo seppellirvi
Io non sottoscrivo questo punto di vista
Sarebbe come una cosa ignorante da fare
Se anche i Russi amano i loro bambini

Come posso salvare il mio piccolo ragazzo dal giocattolo di morte di Oppenheimer
Non c’è monopolio nel senso comune
Da ogni lato dello schieramento politico
Condividiamo la stessa biologia
A dispetto dell’ideologia
Credimi quando te lo dico
Spero che anche i Russi amino i loro bambini

Non c’è precedente storico
Per mettere le parole in bocca al Presidente
Non c’è nessuna cosa come una guerra da vincere
È una bugia in cui non ci crediamo più
Il sig. Reagan dice noi ti proteggeremo
Non sottoscrivo questo punto di vista
Credimi quando te lo dico
Spero che anche i Russi amino i loro bambini

Condividiamo la stessa biologia
A dispetto dell’ideologia
La cosa che può salvare noi, me e te
È che anche i Russi amino i loro bambini

STING

(Gordon Matthew Thomas Sumner)

Lasciatemi fare

Scrivo per alleviare
non so bene cosa
e mi racconto una bugia
l’ennesima
chè tanto solo chi lo prova
sa
che c’è un dolore
che ti marcisce dentro
e non ha scrupolo
né coscienza né rispetto
proprio come certi
che a ciarlare pompano
il diaframma
a far bella figura

tanto la nota scade uguale
se non c’è l’anima
e mani che ti puzzano
di umori
e sangue ubriaco

non perdete tempo
a cercarmi
non mi troverete

ora danzo con gli spettri
almeno non mi sbaglio.

Beatrice Zanini

Published in: on novembre 22, 2010 at 07:26  Comments (6)  
Tags: , , , , , , , , , , , ,

Epitaffi

In vita non sono stato uno stinco di santo,
ma ora che questo corpo martoriato e stanco
sta facendo terra per i ceci,
mi ritrovo ad essere uomo pieno di pregi.
Non lo sapevo d’esser così di virtù adorno,
stanno scritte tutte su questo bianco marmo,
con lettere d’argento, sotto ad una croce
e sopra ad una prece, in bella mostra una
fotografia, lì c’è tutta la vita mia.
Sarà che sono morto ma non mi riconosco
in quella che reputo essere una grossa bugia.
Animo nobile, spirito illuminato, marito
fedele, padre adorato…
non è che avrete esagerato?
Sono stato quel che sono stato, non nego
che ho pure rubato e raggirato,
ma l’ho fatto con il potente, l’arrogante,
con coloro che fanno piangere la gente
e che della stessa non gliene frega niente.
Lasciatemi riposare sotto quest’albero fronzuto,
fate tacere quel prete che di me non sa nulla.
che di me s’è ricordato una volta l’anno,
quando per le porte, con la scusa della benedizione,
andava bussando e dentro la busta rimediava
i soldi per la sua congregazione.
Io sto bene qui da solo, tra un ladro
e due brave donne, tanto non c’è niente da rubare
e quando che verrà la notte a tutto penserò,
meno che a sollevar le gonne.
Di me ricordate solo quel che vi ho dato,
forse poco o quasi niente,
questo lo sa l’Onnipotente,
non lo sapete voi e neppure io.
Di sbagli, è vero, ne ho fatti tanti,
proprio per questo qui giace un uomo,
non l’ultimo dei santi.

Claudio Pompi

Amo il sogno…e amo la bugia di poter di Re t’amo

sogno (in)finito di un’estate sott’acqua
o son desta?

desta di te che m’appari in REM
fase finale o l’inizio
di onirico gioco che sp(i)azza

il mare dentro e nel mezzo
noi, in membra di sale
e lingue avvoltolate

è danza marina “ligure”
i nostri sensi consenzienti
passo a due
e il cuore che scoppietta
il battito vero

e invece balzo fuori (sp)onda
e il letto è un grande spazio
che mi contiene appena

eppure è stato come viverti di petto
l’odore del salmastro ancora qui
tra le lenzuola
e il pensiero che non scade.

Beatrice Zanini

Published in: on gennaio 7, 2010 at 07:08  Comments (4)  
Tags: , , , , , , , , ,