Poesia in cerca di buonumore


Stamani sono 46 chili da buttare
motore in avarìa e poco carburante.
Tentare un volo d’ordinanza
sarebbe morte di poco conto
manco i titoli di coda
chè quella è in manutenzione
da una vita
a un passo dal cielo – direi adesso –
Hai presente quel cielo
dove gli angeli si tuffano
in acrobazie olimpiche?
Ecco, io ne vorrei uno almeno
per rifarmi un po’ le unghie
e graffiare qualche verso
in sintonia di buonumore.
Quando rido ho fossette
da corteggiare tutte
occhi di gatta in tentazione
labbra che smontano gli indugi.
Mi si tiene a prezzo contenuto
piccoli pasti, tre volte al giorno.
E poi vuoi mettere nel letto?
Ci sto, spazio accartocciato
come un gomitolo riavvolto
misura d’uovo.
Mi prendete?
Faccio fusa senza addebito
di mora.

Beatrice Zanini

E’ Carnovale, gente!


È Carnovale, gente! E perciò abbasta
a stà cor muso lungo, triste e griggio,
che pare che venimo da un litiggio.
Prennemo un’espressione più entusiasta
perché accosì s’addice a sta gran festa
ch’è ffatta pe cantà, magnà e ballà,
e bbeve tutti assieme pe scordà
l’affani che ciavemo in de la testa.
Ammascheramo er viso d’alegria,
che ognuno faccia quelo che cià in còre;
facemoce pijà dar bon’umore
che qui la vita core e scappa via!
Fermamola! pe un giorno…due…tre…
facenno le stranezze e le frescacce,
che intanto chiunque stia llì a governacce
gni giorno ne fa più de me e de te!
Tiramo li coriannoli pe ll’aria,
sonamo le trombette a sprofusione
ed intonamo assieme na canzone
e passerà perfino quarsia caria.
Scordamise l’amori lagrimosi,
la crisi co la disoccupazzione,
le tasche vòte, e quela confusione
che c’è nfra li partiti indecorosi
dicenno ste parole de maggìa:
“ O Carnovale, Carnovale bbello
spalancace er portone ar tu’castello
ma lassa fòra ogn’ideologgia!”

Armando Bettozzi