Giorni

Non uno a farmi il filo
e tirarmi su lo zigomo,
mi saltellano in tanti
repentini,
con il carrello della spesa,
girano intorno alla caviglia
ch’è già stata compromessa.

Si prendono di me
il canto morto in gola,
il filler non assolve
la piega giro bocca,
né contrae la smorfia
di stupore, alla bimbetta
che trascina il sole.

E il dopo, torna indietro
mi sale sulla ruga,
tento braccia alzate
l’invito a proseguire,
annodo ancora il verso
del mattino,
chè avere l’oro sulle spalle nude
non è premessa inutile,
né gioco.

Beatrice Zanini

Tutto in una notte

Viaggio da solo
nella notte
due ubriachi
che fanno a botte

drogati si bucano la vita
forse non sanno
ma vogliono farla finita

mentre macchine
bruciano semafori rossi
di questa città
stanotte nessuno
le fermerà

un vecchio
spinge un carrello di primizie
mi sbaglio
son tutti scarti dell’immondizie

una ragazza
su un marciapiede
vende l’amore
a chi glielo chiede

l’alba è vicina
anche per oggi

la notte di loro
nessuno si accorge

Pierluigi Ciolini

Una spesa

Ho fatto la spesa, ieri.
Di pensieri il carrello ho riempito,
pensieri di ogni tipo,
alcuni di scarso valore
me che mi han tormentato per ore ed ore,
pensieri rimasti a metà, altri di vita compiuta
ma mai veramente vissuta.
Altri ancora, leggeri come farfalle,
variopinti, sereni e leggiadri,
di primavera vestiti,
pensieri anche arditi, audaci,
di rosso ammantati
come il cuore da cui son sgorgati.
Ho fatto la spesa, oggi,
una spesa speciale, l’ha fatta il cuore
la mente da lui zittita
in disparte se n’è stata, forse avvilita
ma nel carrello posto per lei non c’era.
E’ la stagione del cuore, della primavera.

Sandra Greggio

Published in: on aprile 13, 2011 at 07:32  Comments (4)  
Tags: , , , , , , , , , , , ,