Cosa ne stai facendo di te? E’ solo un temporale. Passerà

Tu non cancelli mai la tua arte
nemmeno te lo chiedesse un cane un idiota tua madre
tu non cancelli mai la tua arte.
È straordinario! Lo capisci? È straordinario!

Credo che con i pochi soldi che mi sono rimasti
comprerò due grandi tele
forse due metri o tre o magari mezzo chilometro di tele
le sovrapporrò l’una all’altra.
Sulla prima tela infierirò con i pugni con le unghie con i morsi
e se non ti sembrerà abbastanza
con un taglierino
così da farla sembrare la pelle di un uomo
dilaniata crocifissa scarnificata
e sulla tela, seconda pelle, che apparirà di sotto
dipingerò tanti piccoli tagli,
non userò il colore rosso
ma il castano il verde e l’arancione
come i tuoi capelli le tue scarpe il tuo rossetto
lo intitolerò:
cosa ne stai facendo di te?
È solo un temporale.
Passerà.

Il problema è che ho molto di più di ciò che mi serve
ma è come se volessi tutto tutto tutto
mi chiedi : – quando capisci di aver finito un lavoro? –
            ti domando: -come si capisce di aver finito di fare l’amore?-
e concludo dicendoti che se avessi la possibilità di essere un altro
di essere chiunque io desideri
vorrei essere te. Amore mio…

Massimo Pastore

Annunci

Almeno

Quando
un cenno t’aspetti
anche solo
d’impercettibile luce,
vorresti ti destasse
la speranza
d’esserne sfiorata,
di veder mutato caldo
il castano dei capelli
al guizzo d’un gesto
che ti spoglia.

O al tocco d’una mano
che ti confonda,
ti perda ormai su un corpo
dove deporre la mente
al tremulo risveglio.

Dopo l’attesa
il compirsi d’un attimo
almeno.

Daniela Procida

Published in: on luglio 6, 2010 at 07:23  Comments (2)  
Tags: , , , , , , , , , , , , ,