Giorni

Non uno a farmi il filo
e tirarmi su lo zigomo,
mi saltellano in tanti
repentini,
con il carrello della spesa,
girano intorno alla caviglia
ch’è già stata compromessa.

Si prendono di me
il canto morto in gola,
il filler non assolve
la piega giro bocca,
né contrae la smorfia
di stupore, alla bimbetta
che trascina il sole.

E il dopo, torna indietro
mi sale sulla ruga,
tento braccia alzate
l’invito a proseguire,
annodo ancora il verso
del mattino,
chè avere l’oro sulle spalle nude
non è premessa inutile,
né gioco.

Beatrice Zanini

Mare

Soltanto il mare
sa parlare d’amore.
Le onde vi sussurrano
piano una canzone
che “T’amo” ripete all’infinito.
L’acqua che sfiora la caviglia
suscita lo stesso brivido esaltante
del tocco di una mano carezzante.
E quando il mare burrascoso
strepita con fragore asordante,
pare l’urlo straziante
di un amante furioso.
Si placa infine e tace
simile a pianto lancinante
cui segue una dolcissima quiete.

Michela Tarquini

Published in: on gennaio 8, 2011 at 07:33  Comments (7)  
Tags: , , , , , , , , , , , , , ,

Alati e non


Non esisteva ancora
non era nata mai
la donna con il sole
alla caviglia
davanti alle inferriate
dell’inverno
acciambellato sotto la grondaia
il gatto legge i fondi
della vita
e la civetta
quando straripa il suono
della sera
inargenta di voli il davanzale
turni da srotolare
lungo i giorni
forse perduti e ritrovati
insieme
lucifero e l’angelica sua ombra

Cristina Bove

Published in: on Mag 23, 2010 at 07:30  Comments (7)  
Tags: , , , , , , , , , , , , , , , ,

Pensieri forbici


Una corda al polso
la tua
che mi vorresti migliore
all’altro braccio,
famiglia,
dovrei essere perfetto;
una corda alla caviglia
degli amici
perché sia sempre divertente
ed all’altra gamba
di chi ancora non ho incontrato;
tirato ad ogni angolo,
questa gravità che mi schiaccia
cado come sasso
nell’acqua
e saranno i cerchi
allargandosi
a parlarvi
della mia voglia
di volare.

Gian Luca Sechi

Published in: on dicembre 16, 2009 at 07:45  Comments (5)  
Tags: , , , , , , ,