Camera(ta) con vista

Così sono rimasta che le luci
dal soffitto sui letti piovevano ricordi
fuori, il paese
la cerchia dei Lepini un po’ più in alto
nella neve ottobrina
precoce il gelo se tu fossi andato
per quella via che non si torna indietro

ero seduta ai bordi della vita accattonando
cappello teso a quel divino gesto
io che non credo
aspettavo monete d’anestetico
sospenderti il dolore
di me c’era soltanto una preghiera

e si convinse il sole alla finestra
a farsi portatore di carezze
quasi abbraccio di madre

Cristina Bove

Sereno

Non una nuvola
questa mattina
nella coppa cristallina
del cielo.
Il sole vi disegna
fili d’oro e d’argento impastando
sullo sfondo l’azzurro e il turchese,
il violetto e il rosa.
Lo sguardo si spinge lontano
alla cerchia dei monti,
bianca corolla dell’orizzonte,
stagliata in una luce perlacea,
mentre ascolto i fremiti
del vicino mare danzante
spumoso e flessuoso
su infiniti raggi adamantini.
Nella coppa s’immergono
solo gli abitanti del cielo
e dell’aria: gabbiani, su in alto,
verso l’azzurro; gazze chiassose,
tortore e colombi tubanti più in basso.
E tutti bevono il nettare di luce.

Nino Silenzi