C’era una volta

una bambina riccia

smilza e curiosa

di lucertole e ragni

tesseva fili d’erba

con raggi di sole

grano e stelle in  cesti

accanto la notte

ma era sola

lasciata

per altro

mescolata

tra sassi.

Lei era ignara e felice

d’esser così unica

in quel  prato di papaveri.

Oggi donna sola

non tesse nè prega

si guarda paure

le osserva e le teme

le lancia attorno e

il mondo intriso e

dolente

le caccia

sul viso rigato.

Dov’è quella bambina

felice?

Occorrono secoli

d’ansie e ritorni

abbracci a iosa e carezze baciate

per vedere anche solo

i suoi capelli

scomposti in onde

di Maggio.

Tinti Baldini