E’ poesia?

Ho spesso trasferito nello scritto
d’anima mia i sogni e le bellezze
ed una penna é andata sempre
a riempire d’emozioni un foglio.
Mi chiedo adesso, all’occorrenza,
se è poesia questa sofferenza
che pure voglio registrar stasera,
chiaro d’inchiostro dalla china nera
come solerte garrulo ronzio.
Le affibbierò parole senza senso
‘sì da confonderla con vaga follia
ed ordinarle a brutto muso e lesto
di abdicar da un trono di regina.
Dovrò usare ingegno e fantasia
perché io presto la esorcizzi tutta
adoperando un po’ di tatto, forse,
e qualche verso d’abile ironia.

Aurelio Zucchi

…Uomo che parti

Uomo che parti
non vai mai solo.
Ti porti i sogni
per i sentieri,
ti porti i mondi
i segreti i respiri
le carezze gli ansimi
i capogiri…
la fame e la sete
ti porti in difesa
l’oscuro ed il chiaro,
il domani e lo ieri,
il dolce e l’amaro
dell’ora contesa…
la luce spenta
la luce accesa.

Uomo che parti,
comunque ti giri
ti tieni ti scuoti,
ti porti l’attesa
coi pieni e coi vuoti
: la morte lenta
la vita sospesa…

Uomo che parti
e non chiudi le porte,
sei come la chiocciola
: ti porti via la casa…
parti… ti porti.

Silvano Conti

Addio 2010, benvenuto 2011


ADÎO 2010,  BÄNVGNÓ 2011

Sé, Viviana, l é sicûr,
a sån pròpri armès al bûr!
Mo i tû vérs, äl tåu parôl,
par dnunzièr fèls marabótt
i dan säns ala Poesî!
Massmamänt qué vérs Nadèl
ch’ai arîva al Banbinèl
e pò dåpp, sóbbit dedrî,
nòva vétta con l Ân Nòv,
i Povêta i an da insésster:
Nòva Lûs, sänper pió cèr,
soferänza an in vlän pió,
âria e zîl e al månnd intîr
tótt inpgnè par fèr sparîr
mâfia, ‘ndràngheta e i sû stalîr!

§

Sì, Viviana, è sicuro,
siamo proprio rimasti al buio!
Ma i tuoi versi, le tue parole,
per denunciare falsi marabutti
danno senso alla Poesia!
Soprattutto qui verso Natale
ch’è in arrivo il Bambinello
e poi dopo, subito dietro,
nuova vita con l’Anno Nuovo,
i Povêti devono insistere:
Nuova Luce, sempre più chiaro,
sofferenza non ne vogliamo più,
aria e cielo e il mondo intero
tutti impegnati a far scomparire
mafia, ‘ndrangheta egli stallieri!

Sandro Sermenghi