Giorno di trebbiatura

Nel giorno di sole e d’aria sbarazzina
la polverosa pula svolazzante
entra negli occhi, e in quel preciso istante
escon le lacrime, e il pugno li strofina.

E torna, così, e soltanto, resta, il bello
d’una giornata che è la grande festa
che alla fatica, dà…ma non l’arresta,
che già aspetta, la cantina, il vin novello.

Canta il motore della trebbia, e il forcone
balla, e suda, il contadino, felice
e pe’ogni chicco in cuor suo benedice
il cielo, mentre s’ingrossa ogni covone.

Sull’aia gioiosa vengono a portare
il desinar, le donne, ai contadini
come la chioccia fa coi suoi pulcini,
col vino buono, che aiuta a sopportare…

Più tardi incomincia a uscire dal camino,
un buon profumo – e a spandersi d’intorno –
dell’arrosto umettato co’olio e vino
(lo starnazzo è più fioco), dell’oca al forno.

S’accende, più tardi, il luccichio di stelle,
e in mezzo al silenzioso tramestio,
ci sta chi cerca di vederci Dio
per ringraziarlo di tante cose belle.

Armando Bettozzi

Sei donna

Sei bionda o bruna o rossa
Canuta o pelata
Sei donna magra o grassa
Anoressica o bulimica
Tu donna sorridi o piangi
Sei timida o spavalda
Forte o debole
Sai essere madre e moglie
Amante e amica
Sei chioccia sei tigre
Sei pantera o farfalla
Sei formica sei cicala
Sei rosa o sei ortica
Sei quercia sei salice
Sei roccia sei sabbia
Sei calore sei ghiaccio
Sei lacrime sei sorrisi
Sei amore gioia dolore
Sei indispensabile per l’universo

Gianna Faraon

Dammi un piedino, Fernanda

DÂM UN PIDÉN, FERNÂNDA

Fernânda,
parché it bèla
cme un fiåur fiuränt,
parché am pièset
cme un usèl cantarén,
parché it frassca
cme l’âcua ed surzànt,
parché it chèlda
cme la ciòza coi pipién?
Fernânda,
dâm un pidén
d’in dóvv partîr
pr un inprorogâbil viâz
int l’amåur,
pr arivèr in dóvv al piasair,
al fradd al frèmit,
al dulåur d’òmen e dòna,
insàmm,
i én paradîs,
îsla isolè scgnusó
disabitè abandunè
dai fìat lancia honda
e da tótt al sfasâm
ch’avän datåuren!
Fernânda,
dât una priladéina
e sänper da tótt i lè,
a drétta o a manca
opûr de drî,
soché et truvarè
inpurtànt, interesànt;
mo såul l’òmen at srà
amîg, cunpâgn,
sfusgnån!

§

Fernanda,
perché sei bella
come un fiore che sboccia,
perché mi piaci
come un uccello canterino,
perché sei fresca
come l’acqua di sorgente,
perché sei calda
come la chioccia coi pulcini?
Fernanda,
dammi un piedino
da dove partire
per un improrogabile viaggio
nell’amore,
per arrivare dove il piacere,
il freddo il fremito,
il dolore d’uomo e donna,
insieme,
sono paradiso,
isola isolata sconosciuta
disabitata abbandonata
dai fiat lancia honda
e da tutto lo sfasciume
che abbiamo dintorno.
Fernanda,
gìrati e rigìrati
e sempre da tutti i lati,
a dritta o a manca
oppure dietro,
qualchecosa troverai
importante, interessante;
ma solo l’uomo ti sarà
amico, compagno,
amante!

Sandro Sermenghi