Poesia di ogni giorno

Ti ho visto, poesia,
negli occhi
di un bimbo
gonfio nel ventre.
Nel volto di un clochard
che preparava
il suo letto di cartone.
In una bambina
vestita da donna
sul ciglio della strada.

Ti ho visto, poesia,
mentre ti specchiavi
dall’alto di un ponte
leggendo la fine.

Allora ti ho teso la mano,
affidandoti a questi semplici versi,
amandoti ancora di più.

Nel grigiore quotidiano
nella sofferenza
di chi non ha voce.

Sandra Greggio

Clochard

Nessuno mi conobbe
in questo mare di genti
perché guardarono le labbra
invece degli occhi
perché sentirono il rumore
invece delle parole
perché aspettarono il prossimo
che mi tendesse la mano.
Nessuno ebbe attenzione
per i miei gesti evidenti
perché aspettarono il tempo
invece di andarlo a cercare
perché nascosero il cuore
disimparando ad usarlo
perché affrettarono il passo
ognuno sul suo binario normale;
e così
nessuno mi conobbe
o mi vide tremare
ed io morii solo
sotto miliardi di stelle.

Gian Luca Sechi

Published in: on novembre 25, 2009 at 07:38  Comments (2)  
Tags: , , , ,