Tra i filari

 
Nell’arco del battito lesto
della tacita notte
si stende il filtro quieto della pace.
E’ tregua effimera nei campi in fiore.
Al cospetto della luna
si snatura il rosso dei papaveri.
Geme il cuore nostalgia arcaica,
si abbevera alle classiche scritture
e anche il dolore si cosparge
di coriandoli allegri e profumati.
Breve, impercettibile il respiro del creato.
Gioca impavida la sorte con la vita
tra i filari su in collina.
Anche l’ombra ha la sua luce.

Roberta Bagnoli

Come volevasi dimostrare

 
In vent’anni la fragile Italietta
s’è ridotta a coriandoli sospesa
dal mondo derisa e vilipesa
s’è affossata a tutta tavoletta.
.
Orge carnascialesche anche in diretta,
figuracce da dignità offesa,
promesse evase con fiducia lesa:
un cocktail nero da crisi perfetta.
.
Ma ora che il carnevale è finito
la quaresima incombe nera nera:
se lo spread cala a un punto più gradito
.
se la finanza si rialza e spera,
cala invece la mannaia sul mito
d’una manovra equa, illusione mera.

Umberto Marinello

Il potere dei sensi


Ha un verso
il mio sentire
nube che scarica
pioggia e grandine
sul fuoco.
Ha un senso
il mio vedere
scatto che amplifica
le antenne del cuore.
Ha un permesso
il mio toccare
forbice di velluto
che colleziona
coriandoli di luce.
Ha un nesso
il mio odorare
memoria di profumi
che parte in folle emozione
e poi finisce
in un bagno di sapone.
Ha un plesso
il mio gustare
lingua di frontiera
che invita al tavolo di pace
Oriente ed Occidente.

Roberta Bagnoli

Brivido di calore


Brivido di calore
cinge l’anima
stigma azzurro
s’imprime lentamente
aureola circoncisa
nel bagno candido
del primo mattino
porta via il dolore
di una piaga di rosa
avvolgente.
Resto in piedi
nel silenzio lucente
non sfido la notte
l’aurora dimora soffusa
mi bacia gli occhi
e spoglia il mio cuore.
Sono viva e cammino
nella tenera luce
braccia di madre
come sole di granito
mi sorreggono
e mi donano carezze di neve
rivoli dolci solcano gote stupite.
S’illumina la strada
di coriandoli sottili
pioggia di luce
in armonia di danza.

Roberta Bagnoli

Coriandoli

E’ scintillar degli occhi
la mia miglior risposta
alla domanda che mi pongo
quando mia alba arriva calma
e a pedate la notte prende.

I forti battiti di questo cuore
son coriandoli dei dolci suoni,
dei sette colori della vita tutta
e dei profumi anche primordiali
mentre va via l’ultima onda
ancor di luce non siglata.

Andrà a confondersi lontano,
forse nel più perfetto centro
di questo mar che come me
vuole ora solo respirare.

Aurelio Zucchi

Published in: on agosto 28, 2010 at 07:07  Comments (1)  
Tags: , , , , , , , , , , , , , , , ,

Ottimismo

Il tempo delle attese è finito.
Ora sempre pani freschi sulla tavola
e colori vivaci tutt’intorno.

Spargeremo semi a piene mani
e zolle di speranza in faccia al mondo.

Perle di smeraldi e verdi rubini
saliranno dal fondo del mare
cantando e vociando
per farsi notare.

Nell’aria agitata dalle ali del vento
voleranno cestini con petali di rosa
e schiamazzi dalle finestre aperte
non più omertose.

Tra i coriandoli degli sbandieratori
e le statue verniciate dei mimi
la piazza festante uscirà all’aperto
senza vergogne e senza pudori.

Lorenzo Poggi

Essenza di gioia


Essenza di gioia
come scintillio
di cristalli di luce
in danza armoniosa
che dal cielo scendono
per allietare e dare sostanza
al sogno dell’essere,
essere pregno di quel vuoto
da riempire per ritornare
al nido semplice di quiete.
Essenza di gioia
come carezza infinita
di diamanti puri e trasparenti
che al contatto del Divino Amore
si sciolgono in coriandoli soffici
di neve armonica
a rendere sazio il cuore
d’ogni creatura che ha fatto
della Luce e della Pace
la sua unica dimora
per scelta volontaria.

Roberta Bagnoli

Per te

Domani forse avrò
ancora i miei pugni in tasca che sudano miseria
Ma …
Per te che come aratro dalle lacrime ti fai solcare il viso
… che estrai dal tuo cappello un seme di saggezza
e poi lo pianti
… che seduta a cavallo di un muretto stracci l’anima
però ci fai coriandoli
… che fai l’equilibrista e sorridi
sul bordo del marciapiede
… che ti appoggi sulle mie spalle per farti guidare
ma ci vedi più degli altri
… che pensi che tutto ti spetta
ma che niente ti appartiene
… che con la tua faccia da cane bastonato
cerchi una mano che ti accarezzi ancora
… che dici il coraggio mio dov’è ?
e lo hai sempre avuto accanto
… che senza più la luce del tuo sorriso
vai per strade buie e poi inciampi
… che ti dondoli in cerca di un entrata
ma devi solo uscire
… che in questa notte che non è d’inverno
ma che ti porta la neve nel cuore
… che mi scappi
ma sei pur sempre poesia

Per te che puoi darmi solo un pezzo di pane è un po’ di vino

per un po’ almeno sarò cantastorie

Pierluigi Ciolini

Nel mio cuore


Sei tu
che passeggi nel mio cuore,
raccogli fiori e foglie cadute,
coriandoli e stelle filanti,
nani e ballerine,
Alice e le sue meraviglie,
rose e spine, bambini
e giovani donne innamorate.
Sei tu
che passeggi nel mio cuore
e incontri dame e cavalieri,
scacchi e tarocchi
e carte truccate,
cavalli volanti, asini parlanti,
nuvole di zucchero filato,
un pappagallo impagliato
e un cardellino innamorato.
Sei tu
che navighi nel mio cuore
ed ammiri polene e navi pirata,
segui le onde
ed a volte hai mal di mare
e credi sia amore
tutto quello che vedi,
che ti viene addosso
che ti perde ritrovandoti
come dopo un sonno agitato.
Sei tu
che cammini nel mio cuore
a passi svelti raccogli
pezzi di vetro e ne fai gioielli.

Maria Attanasio

E’ Carnovale, gente!


È Carnovale, gente! E perciò abbasta
a stà cor muso lungo, triste e griggio,
che pare che venimo da un litiggio.
Prennemo un’espressione più entusiasta
perché accosì s’addice a sta gran festa
ch’è ffatta pe cantà, magnà e ballà,
e bbeve tutti assieme pe scordà
l’affani che ciavemo in de la testa.
Ammascheramo er viso d’alegria,
che ognuno faccia quelo che cià in còre;
facemoce pijà dar bon’umore
che qui la vita core e scappa via!
Fermamola! pe un giorno…due…tre…
facenno le stranezze e le frescacce,
che intanto chiunque stia llì a governacce
gni giorno ne fa più de me e de te!
Tiramo li coriannoli pe ll’aria,
sonamo le trombette a sprofusione
ed intonamo assieme na canzone
e passerà perfino quarsia caria.
Scordamise l’amori lagrimosi,
la crisi co la disoccupazzione,
le tasche vòte, e quela confusione
che c’è nfra li partiti indecorosi
dicenno ste parole de maggìa:
“ O Carnovale, Carnovale bbello
spalancace er portone ar tu’castello
ma lassa fòra ogn’ideologgia!”

Armando Bettozzi