Mi batteva il cuore; svelto, a cavallo!

ES SCHLUG MEIN HERZ; GESCHWIND ZU PFERDE!

Es schlug mein Herz; geschwind zu Pferde!
Und fort! wild, wie ein Held zur Schlacht.
Der Abend wiegte schon die Erde,
Und an den Bergen hing die Nacht;
Schon stund im Nebelkleid die Eiche
Wie ein getürmter Riese da,
Wo Finsternis aus dem Gesträuche
Mit hundert schwarzen Augen sah.

Der Mond von einem Wolkenhügel
Sah schläfrig aus dem Duft hervor;
Die Winde schwangen leise Flügel,
Umsausten schauerlich mein Ohr;
Die Nacht schuf tausend Ungeheuer;
Doch tausendfacher war mein Mut;
Mein Geist war ein verzehrend Feuer,
Mein ganzes Herz zerfloß in Glut.

Ich sah dich, und die milde Freude
Floß aus dem süßen Blick auf mich.
Ganz war mein Herz an deiner Seite,
Und jeder Atemzug für dich.
Ein rosafarbes Frühlingswetter
Lag auf dem lieblichen Gesicht,
Und Zärtlichkeit für mich, ihr Götter!
Ich hofft es, ich verdient es nicht.

Der Abschied, wie bedrängt, wie trübe!
Aus deinen Blicken sprach dein Herz.
In deinen Küssen welche Liebe,
O welche Wonne, welcher Schmerz!
Du gingst, ich stund und sah zur Erden,
Und sah dir nach mit nassem Blick;
Und doch, welch Glück! geliebt zu werden,
Und lieben, Götter, welch ein Glück!

§

Mi batteva il cuore; svelto, a cavallo!
E via! Con l’impeto dell’eroe in battaglia.
La sera cullava già la terra,
e sui monti si posava la notte;
se ne stava vestita di nebbia la quercia,
gigantesca guardiana, là
dove la tenebre dai cespugli
con cento occhi neri guardava.

Da un cumulo di nubi la luna
sbucava assonnata tra le nebbie;
i venti agitavano le ali sommesse,
sibilavano orridi al mio orecchio;
la notte generava migliaia di mostri,
ma io mille volte più coraggio avevo;
il mio spirito era un fuoco ardente,
il mio cuore intero una brace.

Ti vidi, e una mite gioia
passò dal tuo dolce sguardo su di me;
fu tutto per te il mio cuore,
fu tuo ogni mio respiro.
Una rosea primavera
colorava l’adorabile volto,
e tenerezza per me, o numi,
m’attendevo, ma meriti non avevo.

L’addio, invece, mesto e penoso.
Dai tuoi occhi parlava il cuore;
nei tuoi baci quanto amore,
oh che delizia, e che dolore!
Partisti, e io restai, guardando a terra,
guardando te che andavi, con umido sguardo;
eppure, che gioia essere amati,
e amare, o numi, che gioia!

JOHANN WOLFGANG VON GOETHE

Annunci

Post scriptum

Qualcuno gode nell’orto
la sua ora di delizia,
qualcuno forsennato
scrive versi tra le ceste di noci,
qualcuno raschia il tartaro dalle botti
nei sottani. A mezza età
il poeta sopravvive. La sua fortuna
durò un soffio, un lampo
la sua grazia.

LEONARDO SINISGALLI

Published in: on maggio 4, 2012 at 07:10  Comments (3)  
Tags: , , , , , , , , , , , , ,

Amado mio

Amado mio
Love me forever
And let forever begin tonight

Amado mio
When we’re together
I’m in a dream world
Of sweet delight

Many times I’ve whispered
Amado mio
It was just a phrase
That I heard in plays
I was acting a part

But now when I whisper
Amado mio
Can’t you tell I care
By the feeling there
‘Cause it comes from my heart

I want you ever
I love my darling
Wanting to hold you
And hold you tight

Amado mio
Love me forever
And let forever
Begin tonight

Many times I’ve whispered
Amado mio
It was just a phrase
That I heard in plays
I was acting a part

But now when I whisper
Amado mio
Can’t you tell I care
By the feeling there
‘Cause it comes from my heart

I want you ever
I love my darling
Wanting to hold you
And hold you tight

Amado mio
Love me forever
And let forever
Begin tonight
And let forever
Begin tonight
And let forever
Begin tonight

§

Amado mio
Amami per sempre
E lascia che per sempre inizi stasera

Amado mio
Quando siamo insieme
Sono in un mondo di sogni
Di dolce delizia.

Tante volte ho sospirato
Amado mio
Era solo una frase
Che avevo sentito in recite
Nelle quali avevo una parte

Ma ora quando sospiro
Amado mio
Non puoi dire che io lo faccia
In quella stessa maniera
Perchè viene dal mio cuore

Ti voglio sempre
Ti amo amore
Voglio stringerti
E stringerti forte

ALLAN ROBERTS  E  DORIS FISHER

Published in: on febbraio 7, 2012 at 07:28  Comments (2)  
Tags: , , , , , , , ,

Il passero

Passer, deliciae meae puellae,
quicum ludere, quem in sinu tenere,
cui primum digitum dare appetenti
et acris solet incitare morsus,
cum desiderio meo nitenti
carum nescio quid libet iocari
et solaciolum sui doloris,
credo ut tum gravis acquiescat ardor:
tecum ludere sicut ipsa possem
et tristis animi levare curas!

§

Il passero, delizia della mia fanciulla,
con cui suole giocare, e tenerlo in seno,
ed a lui bramoso dare la punta del dito
ed eccitare focosi morsi,
quando alla mia splendida malinconia
piace scherzare a non so che di caro
e piccolo sollievo del suo dolore,
credo perché allora s’acquieti il forte ardore:
teco potessi come lei giocare
ed alleviare le tristi pene del cuore!

CAIO VALERIO CATULLO

Lento fluire


Croce e delizia,
dei miei pensieri
Fuoco e gelo,
della mia passione
Eterea ti scorgo,
al di là …oltre il vero,
e  un fremito si staglia
Inappagato desiderio,
dei miei sogni,
dannato ti rincorro
condannato da immutato…
lento fluire

Ciro Germano

Published in: on settembre 29, 2010 at 07:38  Comments (3)  
Tags: , , , , , , , , , ,

Eccoli i mostri

Ciao bimbo delizia
dei miei occhi
fammi entrare nel tuo sogno
Ah stringerti fra le braccia
Fammi  odorare
lasciami respirare su di te
Ascolta il battito del mio cuore
Vieni il paradiso ti presento
Tu sogno di seta
essere con te
è diventare come te
dài accompagnami
che ti mondo dal peccato
abbracciami

Marcello Plavier

Published in: on aprile 14, 2010 at 07:21  Comments (5)  
Tags: , , , , , , , , ,