Tungsteno

ho smesso la capriola e il ciangottare
io sasso
non ho da offrire miele né riparo
a nessun uomo e a nessun dio
io sola
cuore subossidato
che non ho messo mai radici mai

sul dente di leone ha vinto il vento
su di me sarà fulmine e saetta
a scavare in un giorno apocalittico
la ragione del mondo

ora mi fa solletico il passaggio
della bufera piccola da tasca
io impavida
sfido me stessa ed ogni mio pensiero
e quanto
di mia bellezza fosse malachite
anche il pudore
di non offrirmi grumo infinitesimo
a chi mi ha regalato l’universo

Cristina Bove

Maggio

Vesto l’anima
d’azzurra borragine
nel verde grano
mi adagio.
Respiro
un’aria antica
ancor
profumata d’erbe.
Sul respiro
ti tengo
nell’attimo
che il vento
sparge
i piumini
del dente di leone.

Graziella Cappelli

Published in: on maggio 12, 2011 at 07:28  Comments (10)  
Tags: , , , , , , , , ,

Il soffione di mia zia

AL SUPIÅN ED MI ZIÉNNA

Al supiån o pessacan
ch’as i dîs anc dänt d leån
(mo an môsga gnanc un pôc!)
ste zal fiåur popolèr
cån la fójja ch’l’é diurêtica
e mî ziénna ch’l’é diabêtica
sänza dójja as al mâgna
as pôl ciamèr anc tarâsac
e se as vôl pûr pessalèt.
E madûr par dnànz ai ûc’
mé al guèrd e pò a i sóppi
esprimànd un desidêri:
se i piumén i van vî tótt
fôrsi pò al srà realtè!

§

Il soffione o pisciacane
detto dente di leone
(ma non morde proprio affatto!)
questo fiore popolare
la cui foglia è assai diuretica
e la mia zia diabetica
senza doglia se lo mangia
si può dire anche taràssaco
come pure piscialetto.
E maturo avanti agli occhi
me lo guardo e poi lo soffio
mentre esprimo un desiderio:
se i piumini van via tutti
forse poi si avvererà!

Sandro Sermenghi