Mattino

 
Sulla via dell’aurora vado
dove si avverano desideri
mentre pulsa l’entusiasmo
dopo tempi bui di ieri
lucciole sui granai dorati
tic tac intermittenti
cantano strofe sparse
con spirito d’umore
ancora una volta è amore!

Aurelia Tieghi

Published in: on luglio 5, 2012 at 07:04  Comments (6)  
Tags: , , , , , , , , , , , , ,

Piove

 
Piove su vecchi pensieri,
cielo reso plumbeo dalla falsità
di momenti rubati alla gioia,
nell’intimità dell’anima
defraudata con laido inganno.
.
L’acqua salvifica scende
sulle guance infiammate
dal freddo vento dell’indifferenza,
su sentimenti usati e stracciati
come carta da macero.
.
Piove, piove ancora
sul corpo ormai inerte,
su desideri d’amore annullati,
sogni spezzati e derisi
dalla stanchezza del tempo,
 
mentre la memoria vaga
nel mormorio delle ombrose fronde
alla ricerca d’una linea di confine
che allontani per sempre
ricordi ricolmi di melma.

Patrizia Mezzogori

Avrei potuto fare rumore

accelerare il tempo
delle infinite ore
scaldare letti vuoti
di desideri, illusioni
sogni non vissuti.
Ma se fosse questo tempo
una malattia?
Scrivere poesie è come pregare
e mi rivolgo ad essa
per guarire
dentro il cuore c’è tutto.
Aprile, piove
sulle colline verde speranza
non voglio correre
mentre il mare ci guarda.

Michela Turchi

Published in: on maggio 26, 2012 at 07:21  Comments (10)  
Tags: , , , , , , , , , , , , ,

Pioggia di fine estate

Leggera
tutta la notte
e tutto il giorno
l’eterna madre
ha versato sulla terra assetata
il nettare della vita.

La pioggia irrora
la mia malinconia
riarsa dalle vampe
della fulgente estate
che ora va via.
Il suo scroscio quieto
allontana
l’urlo della carne e della passione,
il fruscio dolce
delle sue fresche gocce
assopisce
lo strepitio dei desideri
e le sue mani materne
accarezzano
il mio animo inquieto.

Nino Silenzi

Il dubbio

 
Il dubbio è una corta catena
di freddo metallo
alle tue strette caviglie:
è l’impronunciabile,
che ti fa ancora da inciampo
e ti chiude il respiro
su per l’ignota salita.
 

Fabio Sangiorgio

Canto

 
E rose blu con iris
per un fiorito sogno.
Fiori per profumare
tua notte e i desideri.
.
Teneri e protettivi
profumano d’amore.
Per sempre tuoi compagni,
lieta  tua vita rendan.
.
Così  per me diranno
per sempre questo amore.
Così come per sempre
s’involerà il mio canto.

Piero Colonna Romano

Published in: on aprile 17, 2012 at 07:18  Comments (13)  
Tags: , , , , , , , , ,

Il mio vento

 
è tra le pieghe disfatte
nell’orlo leggero di seta
.
sfrontato e innocente
carezzevole e distratto
languido
nel soffio vellutato
.
fra dita sinuose
che accendono i sensi
.
m’avvolge
stravolge
nel brivido caldo
arruffa i capelli
sfiora le gambe
s’insinua
lento
a cercar voglie mute
sopìti desideri
strazia le carni
è bacio di vento

astrofelia franca donà

Published in: on marzo 26, 2012 at 07:40  Comments (9)  
Tags: , , , , , , , , , , , , ,

Ora

Ho ingoiato suoni tra le parole
che avrei voluto ignorare,
ho carpito contorni d’anime
che avrei voluto sbiadire,
ho perso volti nello specchio
che avrei voluto sfiorare,
ho smarrito redini tra le vie
che avrei dovuto serbare.
Ora solco somme di errori
sfido assidui maremoti
sola naufrago dispersa
tra desideri incompiuti.

Daniela Procida

Published in: on marzo 20, 2012 at 07:20  Comments (6)  
Tags: , , , , , , , , , , ,

L’albero della vita

C’è un coro che si leva da terra, io lo sento.
È un principiante ognuno che muore
va educato
va allineato al canto dei grilli
insieme al fuoco, al bozzolo che compie il suo meglio
al ramo nudo.
C’è un coro di stoviglie ordinate, prima straccio
poi sole a scolatura, due dita d’aria appena;
sulla credenza il pane
da conservare come il ricordo dei fratelli
di quelli nati appena per respirare un giorno,
per quelli andati in Francia a svestire le miniere.
C’è un coro che riempie le stanze, io lo sento.
Fa instupidire ogni lenzuolo sotto il ferro
è il raschio del pitale sul pavimento crudo.
C’è un coro di stenelle nella bottiglia d’acqua
nel fondo mezzo asciutto di un pozzo
quando è notte, ed ogni bocca è aperta per misurare l’aria
per scrivere spartiti sui fili del bucato
sulle ringhiere, e i molli disegni del pigiama.
C’è un coro che perdona il dolore agli orologi
la malattia del sonno e dei desideri buoni,
in fondo cose semplici: arance, dei confetti
le scarpe nuove lucide e secche.
Si, c’è un coro.

Massimo Botturi

Ritornai

 
 
Ritornai nella strada dei sogni
stretta via che conduce al mare
gelatinoso e puro da cui sorsi
e rammentando la gioia nell’essere sirena
mi attiravano quelle acque
senza scogli e limitazioni alcune
il mio respiro affannoso e vile 
respinse i desideri
e come vento mi trascinò a riva
tra le braccia della ragione
 avvinghiata al tempo mio

Gianna Faraon

Published in: on gennaio 13, 2012 at 07:03  Comments (5)  
Tags: , , , , , , , , , , , , , , ,