Un fanciullo in te

 
Vorrei cullare la tua stanchezza
sussurrarti che sorgerà il sole
a scaldare il cuore freddo di paure
e riempirlo di  speranze nuove.  
Vorrei posare il viso sul tuo capo
dai capelli ora ben curati
come fossero i riccioli castani
che da bimbo tenevi un po’ arruffati  
e baciarli lieve lieve
sfiorando  labbra inavvertite
finché penetri quel calore
che è d’amore e non puoi ignorare.  
Rimboccarti ancora le coperte
sperando di ritrovare il sorriso
che gli angeli dipingevano beato
sulla tua bocca di bimbo spensierato.  
Ora la vita ti ha indurito
prove e disinganni ti han provato
ma non perdere quel fanciullo fiducioso
continua nel tuo sogno scanzonato.

Elide Colombo