redev ierroV

 
Vorrei veder vestito
modello di pittore
e nuda una pittrice
sua immagine fissare
.
Vorrei veder le navi
con chiglia al sol portarsi
e pesci in cielo messi
e  uccelli in mar nuotare.
.
Vorrei veder radici
d’alberi centenari
all’aria esposte e a venti
e i rami in terra stare.
.
Vorrei veder spartiti
letti da fondo a cima
godere d’un concerto
la parte d’aspettare.
.
Vorrei veder malati
uccidere dottori
e lor parenti in festa
pazienti ringraziare.
.
Vorrei veder i fiumi
recuperar la fonte
e nuvole che aspiran
e neve fanno alzare.
.
Vorrei veder anziani
al fin tornar bambini
trovando la purezza
d’un tempo da invidiare.
.
Vorrei veder un mondo
d’amor per l’altro pieno
per vivervi sereni
e più non disperare.

Piero Colonna Romano

Coimbra

Coimbra do Choupal
Ainda és capital
Do amor em Portugal
Ainda!
Coimbra
Onde uma vez
Com lágrimas, se fez
A história dessa Inês
Tão linda!
Coimbra das canções
Tão meigas
Que nos pões
Os nossos corações
A luz!
Coimbra dos doutores
Pra nós, os teus cantores,
A Fonte dos Amores
Ės tu !
Coimbra é uma lição
De sonho e tradição
O lente é uma canção
E a lua a Faculdade…
O livro é uma mulher
Só passa quem souber…
E aprende-se a dizer: Saudade!

Coimbra di Choupal
è ancora capitale
dell’amore in Portogallo
Ancora!
Coimbra
dove una volta
con le lacrime
si fece la storia di Inès
così bella!
Coimbra dalle canzoni così dolci
che illumini i nostri cuori
Coimbra dei dottori
per noi i tuoi cantori
la fonte degli amori
sei tu!
Coimbra é una lezione
di sogno e tradizione
La lente è una canzone
e la luna una Facoltà
Il libro è una donna
chi passa la conosce…
e impara a dire: nostalgia!

JOSÉ GALHARDO       (musica di Raul Ferrão)

E fuori la fontana

E FÒRA LA FUNTÈNA

A sån trésst stasîra
ai ò fradd dänter
e un gròp ala gòula,
an dag né in zîl né in tèra
tanta é la cunfusiån!

L’é dûra d’azetèr
la stufîsia soferànta
d’umàn ch’vôl andèr al gabariòt,
pr’arzónzer un sô chèr
ch’l’é môrt prémma dal tänp.
Indebolé al côrp,
dimónndi cunfûsa la mänt
mo cèra sänper tròp,
dänter la stanzia stóffa
ed catîv udûr, dulûr,
d’agåcc’ e dutûr,
lèt infilè da tótt i lè
anc int i curidûr.

E fòra la funtèna,
visiån ed vétta luntèna
cån l’âcua ch’la péssa
fén a quand al cor al pånpa.
E pò, fôrsi, zér e scarabòt;
opûr al prèmi, par chi cunfîda:
a sån trésst stasîra,
am pèr propi d’èser
ala fén dla corîda.

§

Sono triste stasera
ho freddo dentro
e un groppo in gola,
non trovo niente in testa
tanta è la confusione!

È dura da accettare
la stanchezza sofferente
di umano che vuole morire
per raggiungere un Suo caro
partito prima del tempo.
Il corpo che decade,
la mente presente a sprazzi
ma chiara sempre abbastanza,
dentro la stanza stanca
di aghi dottori
dolori tristi odori,
letti infilati ovunque
anche nei corridoi.

E fuori la fontana,
visione di vita lontana,
con l’acqua che sgorga
fin quando il cuore pompa.
E poi forse il nulla,
oppure il premio, per chi fida:
sono triste stasera,
mi par proprio di essere
alla fine della corrida.

Sandro Sermenghi