Poeti di Napoli

‘A VITA

Io songo nat’ ‘o millenoviciento
e tengo n’anno.
Tu sì d”o sittantotto
e n’anno tiene.
Chillo che dice: “Sò arrivato a ciento!”
tene n’anno pur’isso.
‘O calannario nun ‘o date retta.
‘O calannario è n’atu scucciatore,
ca vuluntariamente
nce ‘accattammo
nuje stesse
e nc è ‘o piazzammo
vicin’ ‘o muro
religiosamente.
‘A vita dura n’anno.
Tutto ‘o ssupierchio è na supirchiaria.
o, cumme fosse, inutile…
Dicimmo a lengua nosta:
“È p’ingiaria!”      (1)
Tu, quanno nasce, allora è primmavera.
E tutt’ ‘o vverde nuovo
‘e chelli ffoglie nove
è na speranza!
È tutta na speranz’ ‘e vita allera.
Vide tanta faccell”e criature
ch’ ‘e scuffie culurate:
sò tutt’ ‘e ccriaturelle nate morte,
ca tenen’ ‘o permesso,
na vota all’anno,
‘e s’affaccià p’ ‘o munno…
E teneno diritto a ‘o primmo sole:
sò è primme viole!
Pò schiòppene garuofene schiavune
e giesummin’ ‘e Spagna.
‘A miez’ a mille sciure,
ca sò ‘e mille sciure,
ca sò ‘e mille culure,
ru sciglie ‘a margarita,
ca t’add’accumpagnà
pè tutta ‘a vita.
E comme ch’è nu sciore
busciardo e traditore,
te dà ‘o primmo d0lore…
te dice: “No!”
Te scite na matina e ‘o sole coce.
Coce pecché è ll’està.
Te scite e durmarisse n’atu ppoco,
ma dint’ ‘o lietto nun ce se po’ sta.
Nfra veglia e suonno,
ll’uocchie mieze nchiuse,
stienne na mana
e cuoglie na cerasa.
‘A sera, ‘o ppoco ‘e frisco
e nun t’adduorme… pecché nun può durmì.
Pienze che vene autunno,
e tu ce pienze
pecché, po’ doppo, vierno adda venì.
‘E penziere sò assaie,
t’addubbecchie.   (2)
Sient’ ‘a voce ‘o puntone:
“Chin’ ‘e fuoco!”
Ma par’ ‘o boia ca taglia
e quanno taglia, sott’ ‘a curtella,
schioppa nu mellone.
Vene l’autunno te lass’ appecundruto.  (3)
Già miezo cunzumato
te trova vierno.
acqua, trònole e viento,
e tu nzerrat’ ‘a dinto:
broro vullente!
Spara sti botte,
alluma sti bengale;
arrust’ ‘e capitune,
ch’è Natale!…
Ncoll”e pasture!…
Ca mpunto mezanotte,
nasce ‘o Bammino.
Chella, mamma, è devota,
perciò nasce ‘o Bammino.
Sti Bammeniello nasce n’ata vota?
Lassat’ ‘o j’…
Chillu stesso martirio ‘e quanno è nato
l’adda turnà a suffrì?
‘A vita dura n’anno.
Tutt’ ‘o ssupierchio è na supirchiaria.
È, comme fosse, inutile
Dicimm’a llengua nosta:
È p’ingiaria.

EDUARDO DE FILIPPO

Note:  1) ingiaria=rabbia, puntiglio   2) t’addubbecchie=ti intorpidisci   3) appecundruto=immalinconito

NAPOLI

Questa città di mare
Soffocata dal cemento e dal catrame…
Città di anime buone anime belle
Anime in lutto perenne
Dove si muore per uno sguardo di troppo
O per uno scherzo del destino
Caduti sulla lama del coltello
Di un ragazzo in fondo mai nato.

Questa città di fantasmi
Di troppo avidi governanti
Di gente con occhi acquosi d’orgoglio
Ed uomini in giacca e cravatta
Senza dignità.

Questa città civile che accoglie tutti finché c’è posto
Ed anche dopo quando
Si sta così stretti che odiarsi è naturale
Quanto amarsi aspettando l’alba
Che comunque arriva a darci fiato
Dopo una notte insonne,
a darci un altro giorno
di corse e spintoni
e fortunato chi poi la sera
arriva a mettere la chiave
nella toppa della sua porta.

Quarant’anni che sono qui
E non ho visto pizze né mandolini
Né spaghetti al pomodoro
Né ho sentito cuori innamorati
Cantare al sole o alla luna
Né amanti sorpresi dal loro stesso amore,
quaranta anni e non so ancora
se ci vuole più coraggio a restare
o ad andare via.

Maria Attanasio