Domenica italiana

Nel profumo fragrante del giorno
l’aria calda è di frutto maturo,
tra i tavolini si ciarla
voci spezzan la noia
come rintocchi
scandiscono immagini
riccioli biondi, manine
briciole incollate ai sorrisi.
Nello struscio elegante
passeggian le ore
fra gli effluvi sporadici
di messe cantate
echi sacri e
una vecchia ballata.
Dal balcone fiorito
un vecchio che sogna
gli amori e gli albori
di un’Italia del dopoguerra
i canti delle mondine
e racconta ai gerani
l’odore del grano
i baci rubati
nel sapore del fieno…
goccia di rimpianto
sulle foglie verdi
come gli anni mai dimenticati
come gli occhi della donna
che lo guarda pensosa
e scuotendo il capo sorride
carezzando i capelli radi
come riso mosso dal vento

astrofelia franca donà

Questione di stile

Non ci dona
i suoi effluvi
il fiore d’oblio.
Il senso s’inchina
il cuore tumultua,
Zarathustra
pontifica e parla
e promette
un bel niente.
Le elegie
ci corteggiano
e non sapersi
accontentare
è l’originale condanna:
la pena
d’infinite ricerche
la dannazione
di riscontri mai avuti.
Un dado lanciato
saprà solo dai tuoi occhi
se ha vinto.

Isole di carta, lo so
i diari incipriati,
e Monna Lisa,
ciocche avvoltolate,
segue un presente,
che si muove per lei.
Il passo si fa corto
il pane un po’ più amaro
e sempre più spesso
il mio tempo andante
non si fa storia,
facendomi sposare
lo stile volgare
degli infelici.

Flavio Zago

L’aquilone


Al primo volo d’ondeggiato passo
il guardo volge all’apogeo più ardito
per transitar la strada di Parnasso
e navigar nell’oltre l’infinito. 

Nell’aere spande effluvi d’emozione
all’esplorar l’immenso del creato
s’illude d’esser corpo d’un eone
e ringrazia il Divin per l’esser nato.

Ma poi s’avvede che più non riesce
s’arrotola saetta disperato
fuor d’acqua si dimena come pesce
da un filo d’egoismo catturato.

Lo trattien seco tal vile guinzaglio
a limitato sguardo lo condanna
la genitrice mano per l’incaglio
tira la fune e fa serrata spanna.

Mentre prostrato volge la planata
ode la brezza amica che l’avvisa
liberato sarà da gran folata
d’un Eolo già deciso per tal guisa.

Audace allor s’inerpica sereno
poi ch’el soffio potente s’è avverato
brama d’attraversar l’arcobaleno
e uscir cangiantemente pitturato.

Gian Franco D’Andrea

Più delle more dei grovigliosi rovi

Oggi ti trovo, mora,
nel bosco dei miei sogni, e sei
più mora delle more –
esuberanti morbidezze gravide
di liquorosi inchiostri –
e per mano – sensoriale scambio
d’ancor più generosi effluvi –
ti prendo e con te cado
ebbro su foglie e ciclamini,
che più dolce e liquorosa sei delle more
dei grovigliosi rovi.

Armando Bettozzi

(a Lisa)

Published in: on ottobre 12, 2010 at 07:15  Comments (6)  
Tags: , , , , , , , , ,