Chi siede

Chi siede
su quello scranno
e tutti attorno
chi sbuccia banane
chi rimesta fango
chi conta scudi
chi li disperde
c’è massa silenziosa
che acconsente
gruppi inerti che
scandiscono il tempo
poi quelli che arrossano
gote e malleoli
mentre chini raccolgono
briciole di luna
a parte un cerchio di festanti
che mandano fetore e risate
c’è chi mormora al vento
chi assopito rinuncia
chi applaude senza le mani
o s’accanisce su ruvidi fogli
ci sono poi anziani e bambini
a raccolta
attorno ad uno stagno
che si specchiano
avari di sorrisi
e donne colorate che
attendono
sguardo al mare
che non c’è
………….
ma chi è seduto
su quello scranno?

Nessuno

Vuoto è il potere
se ferisce le anime
dei vivi
e quelle dei morti.

Tinti Baldini

Stavo sognando

tu mi cullavi
noi oscillavamo
il tuo fiato era un flauto
le tue braccia il bosco

scricchiolavano i rami secchi
sotto la mia schiena
e le tue dita mi assordavano
la tua pelle era cotone
il tuo cuore di lino

una goccia sulla mia fronte
ho creduto mi avvertissi
della pioggia
ma la tua voce tossì
un odore disgustoso

una goccia sulla mia fronte
mi stupì: era acqua davvero
dovetti aprire gli occhi
la culla diventò una nave
le tue braccia mare mosso

il tuo fiato unghie sulla lavagna
vipere i rami – viscide le tue mani
sangue rappreso la tua pelle
che colava sulla mia fronte

la mia fronte incredula mi implorava
di nasconderla chiudi gli occhi
mi ha detto proteggici dal fetore
se i tuoi occhi sono chiusi
nemmeno le sue unghie potranno graffiarci

Nicole Marchesin

Marcio

C’è del marcio
e non è l’immondizia
è quel fetore di
cricca che s’annusa
e annuisce
si fa spalluccia
e sorride
tutto soverchia
e domina
come nebbia fitta
densa di nulla
ma malsana.

Sono facce
da museo
ossa decomposte
ormai
che stanno in piedi
perchè
si tengono
la giacca.

Tinti Baldini

Published in: on agosto 31, 2011 at 07:15  Comments (9)  
Tags: , , , , , , , , , ,

Nel campo

C’è un uomo che giace
in un campo di fiori
recisi e vasi mischiati
a decoro,
fetore di marcio
trasuda da ampolle rafferme
e si fonde tra mazzi
appena deposti.
Un giovane uomo
di cui non conobbi
nelle sue mani calde
il tatto amorevole,
né l’ultimo sfiato
a dovere dei tanti sberleffi
lasciati,
e occhi e sguardi senza menzogna
ancora portare nero di seppia
sui baveri d’uniforme.

Beatrice Zanini