Maestri


Tu con il numero
marchiato sul braccio
sorridevi a me bambina
carezzando di luce
la mia vita
e tu mi leggevi
Lucrezio e mi
spalmavi versi
sul capo
chè la natura
è maestra
dicevi
e non sempre
capivo
e tu Giacomo
mi mostravi
oltre la siepe
e oltre orizzonti
fendendo muri
tu m’incamminavi
a cercare l’altrove
come corpo morto
cade
e tu…
e tu…amica
m’abbracci
di saliva e gusto
di fragola
tu di latte e talco
tu di baci selvaggi
e tu Josè
m’hai dato
la frusta
da usare
quando
vedo troppo male
intorno.
Tanti maestri
nel mio viaggio
che porto
dentro le tasche
del cuore
e la mia giacchetta
la passerò
a voi
ragazzi di domani.

Tinti Baldini