‘A benefattrice

 
Io… te voglio bene assaje !
Forse, comm’ e quant’ o cielo,
tu pe’ mmè … sì ‘a vita mia,
ma ce sta  pure Geremia…
senza escludere dal cuor mio
a Giuann cu Rafèle, e anche Mattia,
ca song’  uommn’ cu  ‘e   palle  
ca nun poss’ nun tirà in ballo
E che dire ‘e  Salvatore …
che ha necessità del mio calore ?
Passionale, generosa
esuberante ed invogliante…
voglio bbene a tutti quanti !
Song’ ‘na benefattrice….
la dono a tutti gli uomini infelici
rendendoli in tal modo più felici
Alla fine, dò soltanto… tanto affetto
a chi ne è privo… per difetto

Ciro Germano

Published in: on agosto 23, 2011 at 07:22  Comments (3)  
Tags: , , , , , , , , , , , , , ,

In morte del fratello Giovanni

Un dì, s’io non andrò sempre fuggendo
di gente in gente, me vedrai seduto
su la tua pietra, o fratel mio, gemendo
il fior de’ tuoi gentili anni caduto.

La Madre or sol suo dì tardo traendo
parla di me col tuo cenere muto,
ma io deluse a voi le palme tendo
e sol da lunge i miei tetti saluto.

Sento gli avversi numi, e le secrete
cure che al viver tuo furon tempesta,
e prego anch’io nel tuo porto quiete.

Questo di tanta speme oggi mi resta!
Straniere genti, almen le ossa rendete
allora al petto della madre mesta.

NICCOLÓ UGO FOSCOLO