Poeti di Roma

LA BOCCA DELLA VERITÀ

In d’una chiesa sopra a ‘na piazzetta

Un po’ più ssù de Piazza Montanara

Pe’ la strada che pporta a la Salara,

C’è in nell’entrà una cosa benedetta.

Pe’ tutta Roma quant’è larga e stretta

Nun poterai trovà cosa ppiù rara.

E’ una faccia de pietra che tt’impara

Chi ha detta la bucìa chi nu l’ha detta.

S’io mo’ a sta faccia, c’ha la bocca uperta,

Je ce metto una mano, e nu la striggne,

La verità da me tiella pe’certa.

Ma ssi ficca la mano uno in bucìa,

E’ sicuro che a ttìrà né a spiggne

Quella mano che lì nun vié ppiù via.

GIUSEPPE GIOACCHINO BELLI

L’ AMORE NEGLI OCCHI

I tuoi occhi, quelli che un giorno
per me si persero in infiniti sguardi,
pieni di perché.
Occhi che paziente aspettavo s’aprissero
a nuovi giorni di dolce follia
e i miei guidassero verso inesplorati
mondi di favole mai raccontate.
Ai miei perché il dito al naso portavi,
la bocca a cuore socchiusa…
-Ascolta il quieto amore che di noi
ancor nulla sa- sussurravi stringendo
la mano mia.
Intrecciavi corone di erba che sul mio capo
ponevi..
-Sei il mio re!- poi ridevi e prima ch’io
sussurrassi il nome tuo, sulla mia bocca
la tua ricadeva mordendo l’ansia e il piacere.
Dentro i tuoi occhi cieli infiniti,
in un momento albe, tramonti, pace e tempeste.
Inafferrabile scivolavi come acqua tra le dita
per poi chiuderti tra le mie braccia
– Regalami un sogno da fare…- chiedevi
T’addormentavi sicura e sorridevi.
Immeritato amore, ancor mi chiedo
quanto distante sia il mio dal tuo.

Claudio Pompi