O’ scartellat’

 
‘O  sto guardann’…e so’  rammaricato
‘a  chist a sciorta òver à maltrattato.
Sto’  pover marònn…sta ‘nguaiato,
pe’ mezzo ‘e chella spina sturzellata
E’ curto, bruttulillo…me fà pena
pe’ chesta  sufferenza senza fine,
e comm’ se nun bastasse …d’int ‘u liett
cu’ chella gobba, po’, ca tène ‘m piett’…
quantè a sera, e  s’avvicin ‘a sposa
sèmpe cu’ stesso dubbio:
     “  fòtt’  o  vas’ ? “
Pecchè , considerata chesta cosa…
nun  pò fa’, ‘nsieme, tutt’ e ddoje  ‘e  cose ,
e,  chistu  fatto antico…è stato esteso
a  tutt’  chill’  ca vònn’ …
contemporaneamènt soddisfatte …
cchiù pretese,
e,  quale meglio simile riferimento
è cchiù appropriato …
sè  no’ chill’  du scartiell’….
‘e stu pover  disgraziato ?

Ciro Germano

Published in: on luglio 30, 2011 at 07:03  Comments (4)  
Tags: , , , , , , , , , ,

Notturno

O canto della civetta
felice giungi alle mie orecchie
impazzite: fruscii, vuoto
e poi nulla.
La notte inarca la sua gobba;
o canto della civetta,
veloce lingua di fuoco
tu l’attraversi.
Solo
antivedo nella tenebra
il nullo futuro, la vita:
comprendo il fruscio…
le mie orecchie tacciono.
Non più il sordo battere
del cuore sul timpano,
ma aereo strido
realtà raggiunta
nel silenzio oscuro.
O canto della civetta
felice giungi alle mie orecchie
impazzite di gioia.

Nino Silenzi