L’infinito mutare

La sabbia del tempo non ci appartiene:
modella i nostri giorni come pare al vento
che subito se la riprende
portando con sé i granelli dell’infinito mutare.

Simone Magli

Published in: on giugno 24, 2012 at 07:18  Comments (9)  
Tags: , , , , ,

Sapore di sale

Il mio vestito leggero
che sapeva di fiori
e i tuoi occhi caldi
a sfiorarne l’aria

tra le pieghe distratte
un sapore di sale
e granelli di sabbia
trascinati dal vento

e il mare
un sussurro
lieve
come i tuoi baci.

astrofelia franca donà
Published in: on giugno 17, 2012 at 07:13  Comments (7)  
Tags: , , , , , , , , , , ,

Mi chiedi, Lesbia, quanti tuoi baci

Quaeris, quot mihi basiationes

tuae, Lesbia, sint satis superque.

Quam magnus numerus Libyssae harenae

lasarpiciferis iacet Cyrenis

oraclum Iovis inter aestuosi

et Batti veteris sacrum sepulcrum;

aut quam sidera multa, cum tacet nox,

furtivos hominum vident amores:

tam te basia multa basiare

vesano satis et super Catullo est,

quae nec pernumerare curiosi

possint nec mala fascinare lingua.

§

Mi chiedi, Lesbia, quanti tuoi baci
bastino per saziare la mia voglia di te.
Quanti sono i granelli di sabbia africana
che è sparsa in Cirene ricca di silfio,
tra l’oracolo torrido di Giove
e il sacro sepolcro dell’antico Batto;
o quante stelle nella notte silente
spiano gli amori furtivi degli uomini:
questo è il numero di baci
che vuole Catullo, pazzo di te.
Che i curiosi non possono contarli
né una lingua maligna maledirli.

CAIO VALERIO CATULLO

Bisbigli di sale

(Ouverture, suite, èpilogue)

Dolci ricordi
alla mente affannata
portan lamento.
.
Furon tuoi baci di scaglie dorati,
davan chiarore, coprivan le stelle.
Furon tuoi baci granelli di sabbia,
scorrevan tra dita e vento disperse.
Furon tuoi baci ricordi d’allora,
fatti d’inganni, di false illusioni.
Furon tuoi baci frazioni di tempo,
che col suo passare sogni cancella.
Furon tuoi baci, che amari sospiri !
Bisbigli di sale sciolti nel niente.
.
Stelle malate
al mio mondo malato
luce cancellan.

Piero Colonna Romano

Perchè questa notte m’inquieta?

 
Perché questa notte m’inquieta?
C’è un viavai di pensieri
aquiloni che non posso afferrare;
è colpevole forse il pitosforo
già fiorito di aromi nostalgici?
In fondo che voglio?
So che ancora domani
tufferò le mie dita tra i fini granelli
della sabbia stregata dal sole
e godrò la carezza dell’onda
che va e incessante ritorna
sul piede che affonda.
Scalderò il tuo caffè
mentre fai l’imbronciato
e mi dici:
“Ma…il bacino, me l’hai dato?”

Viviana Santandrea

Published in: on giugno 18, 2011 at 07:32  Comments (3)  
Tags: , , , , , , , , , , , , , , ,

Canto libero

Sbiadiscono i passi
nelle ombre allungate
di un tramonto velato.
Onde rincorse e perdute
tra milioni di granelli di sabbia
infiniti come gli attimi
rubati al vento.
Solchi lasciati dal sole
terra nuda e di sete
– quel viso –
crosta spettrale
di lune ingiuriate
ed albe nemiche dei sogni.
Casa sarà il cielo stellato
nel cappotto nero della notte
brivido del tuo canto libero.

astrofelia franca donà

dedicata a Marcello

Una nuova aurora

Lo stridio di freni
e il gracchiare di verdi rane
uno stagno di lacrime
e il peso del tempo

orologi di sabbia
centellinare di minuscoli
granelli nella clessidra dorata

una lacrima si sofferma incredula
atroci sofferenze
nei frammenti di vita
che scorrono lenti

grani di rosario
consumati tra le dita callose
nelle preghiere
dei giorni più neri

tambureggia il cuore
accelerati i battiti aritmici
nell’affanno di vita
che ha soffiato tempeste

sguardo all’attesa
una luce limpida e chiara
un lieve sorriso

un figlio che torna
occhi sollevati al cielo
e un abbraccio di madre

il braccio elevato
il dito indica l’orizzonte
e la speranza riscuote
una nuova aurora

Maristella Angeli

Lacrime

Son granelli
di polvere
insidiosi
che disperde
il collirio
dell’amore.

Michela Tarquini

Published in: on gennaio 17, 2011 at 07:08  Comments (4)  
Tags: , , , ,

Mi viene incontro

la luce stamani,
a passo di danza
s’ infila tra le coperte
si muove
tra i fianchi ,i seni
il collo.
Ha una coppa di cristallo
nelle mani di vento
colma di granelli
d’ oro e porpora
e lo versa sulla stanza
sui vestiti piegati
con cura
sulle tende azzurre
sui cigli
ancor sognanti
mentre fuori dalla finestra
un ala scandisce
il tempo della mimose.

Anileda Xeka

Published in: on gennaio 6, 2011 at 07:10  Comments (4)  
Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Pianto d’autunno


Guarda, mio orgoglio
puoi vedermi tutto,
nudo senza scorza,
abbracciato alla foglia
del pudore perduto,
sul tappeto rosso
di fronde di lacrime
secche.
Come pianta d’Autunno
ho gettano ai miei piedi
le stagioni sfogliate.
Riarso di linfa, scricchiola
il m’ama non m’ama,
che mi passeggia
sul petto scavato
da cicatrici fanciulle.
Ora più non mi sfiora
il corallino canto
del seme di Maggio.

Laggiù condensata,
tra latte di stelle
e un mondo naif,
òra e brilla la Luna il mare.
È pace di risacca
nella terra distesa al sale
che pare il buio non sia.
Pare che, ritrosa la luce
sbirci bambina il mondo,
attendendo tremula l’alba,
dietro i luccicanti fori
che ci paiono stelle.

Ma ancora piove,
piove
e spiovono ancora
minuti granelli di tempo
che tutto pervadono
e madidi, portano a te.
Tumida nube, io vivo
il volere del vento,
in questa notte che tace.
In questa notte silenzio.

China gli occhi
e incatena i denti l’intelletto:
legato all’albero maestro,
allievo del mio pianto,
veleggio muto
il libeccio del dolore.

Flavio Zago