Due bionde in quadriglia


DÅU BIÅNNDI IN QUADRÉGGLIA

Zirudèla dal cuncåurs
d Fón d Arzlè che cómm un åurs
mé ai córr drî da tant ed chi ân
tgnànd un can strécc int la man
e una quâja int la bisâca
ch’l’à la rémma ch’la s intâca.
Mäntr i cachi i én anc dûr
i pondôr i én bî madûr
acsé ai mâgn int la scudèla
con zivålla e pinpinèla
ala sîra e un spîguel d âi
ch’fécca vî tótt i mî guâi.
Int st’estèd andé in Etrûria
a magnèr un pôc d angûria
e pò a tôls un aparàcc’
par vulèr a Casalàcc’
dóvv cuntänt cme un ragazòl
a fé al bâgn col mî lusgnôl.
In Piazôla andé a nasèr
äl zangâtel da cunprèr
e lé a vdé un vèc’ cunpâgn
ch’l alenèva un zåuven râgn
par ciapèr måssc e zinzèl
da rumghèr cómm un vidèl.
Ed pasâg’ da Zänt ed Bûdri
a incuntré dåu biåndi lûdri
ónna zòpa e cl’ètra guêrza
la stanèla tótta lêrza
ch’i biasèven gréll in grégglia
pò i balèven la quadrégglia.
Mî anvudén l’avèva stémma
dal sô nòn in zàirca ed rémma
e al conpiùter mé a pistèva
nòt e dé, e a m insugnèva
la gudûria dla Vitòria
par spasèrmla con la Glòria.
Dåpp cafà e un’arsintè
stamaténna apanna ds
– stlè Snischèlc al s n é andè vî! –
mé, stra crônaca e poesî,
i én dîs ân ed “Fón in Fèsta”
che pr un mais a m spâc la tèsta!
A vdrò zért un mócc’ d amîg
ch’srà un piasair al stèri sîg:
Pèvel, “Faust” e bèl Gigén
a bvarän dsdòt lîtr ed vén
pò inbarièg flîz in barèla
toc e dai la zirudèla!

§

Zirudella del concorso
di Funo d’Argelato che come un orso
io rincorro da tanti anni
tenendo un cane stretto in mano
ed in tasca una quaglia
che ha la rima che tartaglia.
Mentre i cachi sono ancora duri
i pomodori sono belli maturi
così li mangio in una scodella
con cipolla e pimpinella
alla sera e uno spicchio d’aglio
che scaccia via ogni mio guaio.
Questa estate andai in Etruria
a mangiare un po’ d’anguria
e poi presi un apparecchio
per volare a Casalecchio
dove contento come un ragazzuolo
feci il bagno col mio usignolo.
In Piazzola andai a annusare
le cianfrusaglie da comprare
e lì vidi un vecchio compagno
che allenava un giovin ragno
per acchiappare mosche e zanzare
da ruminare come un vitello.
Di passaggio da Cento di Budrio
incontrai due bionde ingorde
una zoppa e l’altra guercia
la sottana tutta lercia
che masticavano grilli in griglia
poi ballavano la quadriglia.
Mio nipote aveva stima
di suo nonno in cerca di rima
e al computer io pestavo
giorno e notte, e mi sognavo
la goduria della Vittoria
per spassarmela con la Gloria.
Dopo caffè e una risciacquata
stamattina appena svegliato
– Siniscalco spezzato se n’è andato via! –
io, tra cronaca e poesia,
son dieci anni di “Funo in Festa”
che per un mese mi spacco la testa!
Vedrò certo un mucchio d’amici
che sarà un piacere stargli insieme:
Gianpaolo, “Faust” e bel Luigi
di vino berremo diciotto litri
poi ubriachi felici in barella
toc e dai la zirudella!

Sandro Sermenghi

Un frètt mèsst…ed maravàjja

Zirudèla dal compleân
festegiè in areoplàn
in unåur d’n’amîg bruzâi
ch’viàza sänper sänza guâi!
Arivè ch’l’é ai zinquantòt
l’ha pensè ed zughèri al lòt
par psair vénzer quéng’ quatrén
e cunprèr vént fiâsc ed vén
pò fèr fèsta int al salån
con carôt zvåll e un zidrån
tragg’ strichétt parsótt e arvàjja
pió un Frétt Mésst… ed Maravàjja!
Anca mé a san coinvólt
e mustràndum disinvólt
a cundûs con gara dûra
la poesî fòra del mûra
in muntâgna só in pruvénzia
quèsi avsén a la Florenzia
dóvv i dlûvien fiurintéini
d zîrca òt etto bän mulséini.
La pusiån in dóvv a stan
a tafièr dîs rusticàn
e a pteglèr sucèr ludrèr
disputànd d zóccher amèr
o se in zêmma a l’Asinèla
van sî mêrl o una clunbèla
l’ha sagg’ râgn stra i vîc’ castâgn
e un vaird stâgn col scheldabâgn.
Qué cla dôna l’é felîz
anc s l’é sanza lavatrîz
lèva e stîra tótt al dé
pr’i trî bâfi ed sô maré
e ogni tant l’ha d’invidè
acsé drétt anzi screanzè
che par métterla in camîsa
sèt dé premma in mâgnen brîsa!
A la fén dla mî sturièla
ch’l’an vèl zért cme una zitèla
svélt s’n’é andè anc un ètr’ân
e int al dîret “Bån compleân”
at cunsàggn sta bratta ed lèna
che d’invêren par la stmèna
parché al fradd an t’la mulèsta
t’i mittrè dànter la tèsta!
Dåpp dû pâs cun la tô câgna
con cla dôna vá in cucâgna
e pò plócca una sardèla
toc e dai la zirudèla!

§

UN FRITTO MISTO… DI MERAVIGLIA!

Zirudella del compleanno
festeggiato in aeroplano
in onor d’un amico barrocciaio
che viaggia sempre senza un guaio!
Arrivato ch’è ai 58
ha pensato di giocarli al lotto
per poter vincere 15 quattrini
e comprare 20 fiaschi di vino
poi far festa nel salone
con carote cipolle e 1 cetriolo
13 nastrini al prosciutto e piselli
più un Fritto Misto… di Meraviglia!
Anch’io sono coinvolto
e mostrandomi disinvolto
conduco con gara dura
la poesia fuor dalle mura
in montagna su in provincia
quasi vicino alla Firenze
dove diluviano fiorentine
di circa 8 etti ben morbidine.
Il possedimento dove stiamo
a taffiare 10 mirabolani
e a pettegolare ciucciare ludrare
disputando di zucchero amaro
o se in cima alla (torre) Asinelli
vanno 6 merli o una colombella
ha 16 ragni fra i vecchi castagni
e un verde stagno con scaldabagno.
Qui la moglie è felice
pur s’è senza lavatrice
lava e stira tutto il giorno
per i 3 baffi di suo marito
e ogni tanto ha degli invitati
così furbi anzi screanzati
che per metterla in camicia
digiunano ben 7 giorni prima!
Alla fine della mia storiella
che non vale certo come una zitella
svelto è passato anche un altr’anno
e nel dirti “Buon compleanno”
ti consegno sta berretta di lana
che d’inverno ogni settimana
perché il freddo non te la molesti
ci metterai dentro la testa!
Dopo 2 passi con la tua cagna
con la moglie va’ in cuccagna
e poi lecca una sardella
toc e dai la zirudella!

Sandro Sermenghi