Per sempre

Senza niuna impazienza sognerò,
mi piegherò al lavoro
che non può mai finire,
e a poco a poco in cima
alle braccia rinate
si riapriranno mani soccorrevoli,
nelle cavità loro
riapparsi gli occhi, ridaranno luce,
e, d’improvviso intatta
sarai risorta, mi farà da guida
di nuovo la tua voce,
per sempre ti rivedo.

GIUSEPPE UNGARETTI

Published in: on febbraio 21, 2012 at 06:54  Comments (6)  
Tags: , , , , , , , , ,

Frenesia fra i ginocchi

Guarda intenso in quegli occhi
per scacciare l’abulia
quindi cerca La Poesia
dentro al sacco dei balocchi:

poi fra il suono dei rintocchi
viaggia svelta l’elegia
reca doni di allegria
pur se tremano i ginocchi:

ecco è qui quel Buon Natale
che col sal della sapienza
allontana tosto il male:

e già spinge, che impazienza,
l’Anno Nuovo per le scale
per portare nuova essenza:

s’apron le ante al davanzale
e or ch’è fatta pulizia
può arrivare La Poesia!

Sandro Sermenghi

Posso

Posso stare
qui accovacciata
in questa culla
fatta di braccia e
saliva
a leccar ferite
ad aspettare
l’osso
che forse non arriva
e carezze che
sembrano sfoglie
a non vedere
il gelo sulla terra
l’inedia nei volti
e l’occhio rosso
di impazienza
posso cullarmi
con le corde
del vento
e cantare
con la pancia
e i visceri
suoni
d’ eredità
sepolta.
Solo così mi sento
in terra innamorata.

Tinti Baldini

Published in: on dicembre 11, 2010 at 07:35  Comments (11)  
Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Ci hanno consumato

ci hanno consumato le nostre parole.
dente a dente cadiamo come sillabe.
per tutto l’inverno ti ho atteso
spiando dalla finestra l’ultimo tremore delle foglie
mescolarsi con il lieve ticchettio dei tuoi passi.
ma ora che sull’uscio m’appare l’Aprile
e di baci in germoglio si affollano i pensieri
tacciono gli ululati delle nostre parole
e l’attesa è pari ad un’impazienza affilata
che trafigge il petto.

Anileda Xeka