Tutti i poeti del mondo

Tutti i poeti del mondo hanno un fucile
un lapis per vedetta
un secolo di piombo.
Hanno le rotative smangiate, le giberne
piene di fiori fatti di carta
l’uomo in mente, che siede su una panca
a contarci delle storie.
Tutti i poeti del mondo hanno vissuto
col naso sopra il filo spinato della morte;
contenti di grattarsi la rogna della fame
d’aver patito il freddo, le cosce di una donna.
Contenti delle loro minestre, del lavoro
di un’istruzione poco adeguata
di un cancello, con sopra il nome senza disturbo
di Francesca.
E due leoni fatti di pietra, un po’ invecchiati:
un posto per camparci le foglie
e andarci cauti
con noi, poco coraggio nel pugno
e molto sonno.

Massimo Botturi

Il passerotto

“Quando avete buttato nel mondo d’oggi un ragazzo senza istruzione, avete buttato in cielo un passerotto senza ali”

LORENZO MILANI

Published in: on aprile 10, 2011 at 07:00  Comments (3)  
Tags: , , , ,

Per vivere

“Non leggete, come fanno i bambini, per divertirvi, o, come gli ambiziosi, per istruirvi. Leggete per vivere”

GUSTAVE FLAUBERT

Published in: on settembre 12, 2010 at 07:27  Comments (3)  
Tags: , , , , ,

A scuola di dialetto

Zirudella “indeformabile”

A SCÔLA ED DIALÀTT

Da sî mîs  mé a vâg a scôla
e a i é chi dîs ch’l’é una gnôla
i n san brîsa ch’ignurànt
quant al séppa divertänt
agranplères só pr i mûr
pr ascultèr da vsén di fiûr
frecuentèr däl pésst ziclâbil
con poesî indeformâbil:
tótt i mêrcuel a i é al màsster
che d gramâtica al s dà al dèster
e anc s al scrîv con la manzéina
l’istruziån l’é genuvéina!
Pò a i é l òspit inpurtànt
ch’l é povêta opûr cantànt,
o a i é ón brèv coi buratén
o un letåur dimónndi fén
ch’i s agrànplen só pr i mûr
pr ascultèr d asvén d fiûr
frecuentànd däl pésst ziclâbil
con poesî indeformâbil:
a sän bèle al têrz livèl
e a pòs dîr papèl papèl
che ala scôla a sån scadänt
mo ai ò al spîrit stracuntänt!
L um fà bän al dégg adès
dal bulgnais zarchèr pusès
e pr an pêrder la svarzûra
a i é una côsa ch’l’é sicûra:
agranplàndum só pr i mûr
e ascultànd da vsén d fiûr
frecuentànd däl pésst ziclâbil
con poesî indeformâbil
mé a voi turnèr anc st ètr ân
a ripêtr ai Alemân
st’esperiänza ch’l’é acsé bèla
toc e dai con tô surèla.

§

Da sei mesi vado a scuola
e c’è chi dice ch’è una lagna
non sanno quegl’ignoranti
quanto sia divertente
aggrapparsi su per i muri
per ascoltare da vicino dei fiori
frequentare delle piste ciclabili
con poesie indeformabili:
tutti i mercoledì c’è il maestro
che di grammatica ci dà il destro
e anche se scrive con la mancina
l’istruzione è genuina!
Poi c’è l’ospite importante
ch’è poeta oppur cantante,
o c’è un esperto di burattini
o un lettore molto fine
che si aggrappano su per i muri
per ascoltare da vicino dei fiori
frequentando delle piste ciclabili
con poesie indeformabili:
siamo già al terzo livello
e posso dire papale papale
che alla scuola sono scadente
ma ho lo spirito stracontento!
Mi fa bene lo dico adesso
del bolognese cercare possesso
e per non perdere l’esaltazione
c’è una cosa che è sicura:
aggrappandomi su per i muri
e ascoltando da vicino dei fiori
frequentando delle piste ciclabili
con poesie indeformabili
io voglio tornare anche st’altr’anno
a ripetere agli Alemanni 1
st’esperienza ch’è così bella
toc e dai con tua sorella.

Luciano Fantini

1 Alemanni: nome della chiesa degli Alemanni, (sulla Via Mazzini che diviene poi Via Emilia diretta a Rimini) con a fianco il teatro Alemanni dove hanno sede i corsi di dialetto bolognese da circa sette anni.

L’istruzione

 

Oscar Wilde

 “Negli esami, gli sciocchi fanno domande a cui il saggio non è in grado di rispondere.  L’istruzione è una cosa ammirevole, ma è bene ricordare di tanto in tanto che non può essere insegnato nulla che valga la pena di sapere.”

OSCAR WILDE

Published in: on novembre 16, 2009 at 08:13  Comments (3)  
Tags: , ,