Orgogliosa ripida vertigine

 
Dall’alto, dalla cima della vetta
più alta, scorgo solcate dai trasporti
d’uomini e cose, piccole le vie,
piccola la piazza dai sei fari
a valle. Annidono casine su minori
alti colli a me d’intorno: contemplano
in orgogliosa ripida vertigine
l’orrido del burrone aspro nel basso.
.
Làbile, l’umano è in festa grande
laggiù, oggi timido, mutevole nel tempo,
mentre fervido ammanta le stradine,
per il sacro corteo, di fiori e fede.
.
Filo d’argento fine, questa cima
è come una tribuna per i miei
pensieri più eccelsi: terre là, al Sud
piene di sete e di silenzio tenue,
di grigioperla e di brumàle freddo,
di questa valle senza tempo immersa
nei suoi mille ricordi, ampia e sinuosa.
Valle che accumula leggende, mentre
al tramonto cantando scende il vento
stanco di trascinarsi sulle cime.
.
Ed in fondo … il mare, mare di schiuma
che alacre, umano il brulichìo accarezza
spumeggia e copre, fin quasi a volere
velare la bellezza della vita,
la “felice esistenza” tante volte
anelata dall’uomo e mai avuta
al suo supporre, pieno di tristezza:
.
si spezza e passa precaria dalla notte
la vita. Diventa adesso eterna nella luce.

Paolo Santangelo

Rosaria

 
Glorioso
sfoggia da secoli
il suo profumo
isolano come la sua provenienza
arcaico di tradizioni
vecchi culti
lunghi cammini
di leggende o verità
costruito da corone di rose
da corone  di grani
rosoni di cattedrali
preghiere
rosari
sfilano dentro un filo
a ricordare dogmi di fede
seminato nel mondo
arato da generazioni
prospera ancora oggi
questo nome
ereditato anch’io
dalla madre di mio padre

Rosy Giglio

Mitico guerriero

Sarà lui,
divinatore del forse.
Paladino del già.
Signore
dei suoi confini,
dei suoi quadri
e colori.
Padrone del ritmo
del suo fiato
inquieto.

Sarà lui
senza prigioni
o leggende
a scagionare.
Nudo
di fronte
alla sua pazzia
molto,
molto meno eroe,
molto più uomo.

Stelo
della sua corolla.
Radice
del suo deserto
sarà lui
guerriero smarrito
del vento.

Saprà allora,
quest’uomo antico,
passeggiare
la sua pace
su docili
spiagge senili,
fulgenti
di terre rare.

Flavio Zago